Come creare un cash flow partendo da un bilancio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il cash flow, chiamato anche flusso di cassa, è un rendiconto che può variare in un determinato periodo e viene generato dalle attività finanziarie, operative e di investimento. Tuttavia possono influire anche altre attività, come donazioni o regali nel caso in cui si tratti di finanza personale. Le uscite di liquidi derivano da spese e investimenti e questo vale sia per gli affari che per la finanza personale. La situazione contabile, che prende il nome di "rendiconto finanziario", mostra la quantità di liquidi generata e utilizzata da una società in un determinato periodo. Questa si può calcolare semplicemente sommando gli oneri non monetari (ammortamenti) e il margine al netto delle imposte. Il flusso di cassa può essere attribuito a un progetto specifico o ad un business nel suo complesso e può essere utilizzato come indicazione di forza finanziaria di una società. Vediamo, dunque come bisogna procedere per creare un cash flow partendo da un bilancio.

27

Occorrente

  • bilancio
37

Innanzitutto precisiamo che il cash flow può dividersi in due parti, che a loro volta possono essere formate da sottocategorie. In primo piano, possiamo trovare gli incassi e subito dopo i pagamenti. Se osserviamo attentamente il conto economico di una ditta, avremo tutta una serie di voci che ci indicano gli incassi, come anche i ricavi, ottenuti dalle vendite o da prestazioni di servizi ottemperati dall'azienda verso terzi.

47

A questo punto, occorre inserire tra gli incassi dell'azienda l'importo delle voci elencate nel passo precedente. Facciamo un esempio: se tra le voci "vendita merci" è presente un importo pari a 200 €, basterà scrivere nella cash flow "incassi da vendita merci" 200 €. Lo stesso discorso vale anche per gli acquisti; quindi, se per esempio sono stati spesi per l'acquisto di materie prime 300 euro, sarà sufficiente scrivere nella cash flow "Pagamento per acquisto materie prime" 300 €. Ricordatevi, comunque che non tutte le voci del conto economico della Aziende possono essere inserite in questa tabella.

Continua la lettura
57

Tutte le voci che non generano entrate o uscite per l'azienda, non devono essere trascritte nella cash flow, bensì andranno inserite solamente nello stato patrimoniale. Bisogna però prestare molta attenzione alle dilazioni dei pagamenti degli incassi di cui gode l'azienda: supponendo di essere al corrente che l'azienda incasserà 100 € fra 180 giorni, quando si andrà a conteggiare il cash flow, bisognerà tenere conto di questo movimento. Di conseguenza, questi incassi saranno di competenza solo di una parte dell'esercizio in questione. Il conteggio da effettuare, tenendo appunto conto che l'azienda riceverà 100 € fra 180 giorni per la vendita di merce, sarà quindi il seguente: 100 * 180/360 e il risultato sarà circa 50 € in questo esercizio e 50 € nell'esercizio seguente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il cash flow, nella lingua anglosassone significa la differenza tra le entrate e le uscite monetarie di un determinato periodo d'esercizio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare il valore attuale dei flussi di cassa con dati economici mediante l'utilizzo del metodo proporzionale

Il flusso di cassa (o cash flow, come viene chiamato nella terminologia anglosassone) è la ricostruzione dei flussi monetari cioè la differenza tra tutte le entrate e le uscite monetarie di una azienda, nell'arco del periodo di analisi. Il Discounted...
Aziende e Imprese

Come Calcolare il DSCR

Ogni società e impresa che si rispetti purtroppo deve far fronte a delle spese gestionali che comportano alcune volte dei rischi, ai quali è importante far fronte e soprattutto capire se si è in grado. Esistono degli strumenti appositi per calcolarli....
Aziende e Imprese

Come usare i flussi di cassa efficacemente

I flussi di cassa, che sono più comunemente conosciuti con il termine inglese cash Flow, rappresentano i movimenti di denaro sia in entrata che in uscita all'interno di una qualunque attività commerciale. Tramite il conteggio di tali flussi è possibile...
Aziende e Imprese

Come Valutare un'impresa con il metodo patrimoniale semplice

Il metodo patrimoniale semplice è una delle tante metodologie utilizzate in finanza per stimare il valore di un'impresa. Si basa sui dati dello stato patrimoniale correttamente rivalutati. Tale metodo, quindi, differentemente dai metodi reddituali e...
Aziende e Imprese

Come calcolare il valore attuale netto di un investimento annuale

Ciascuna persona che decide di investire il proprio denaro dovrebbe conoscere bene alcuni valori davvero rilevanti da tenere in considerazione, tra cui il "Valore Attuale Netto" (VAN). Quest'ultimo si ottiene facendo la sottrazione tra il valore attuale...
Finanza Personale

Come Determinare Il Risk Free Rate

Parliamo di finanza: Un investimento è una determinata somma di denaro che decidiamo di investire in differenti modi per ricevere una percentuale di ritorno mensile o semestrale o annuale. Ogni investimento ha una percentuale di rischio intrinseca, ma...
Aziende e Imprese

Come creare un Flow Chart

La bellezza dei diagrammi di flusso sta nella loro semplicità. È' possibile utilizzare simboli di base per tracciare qualsiasi lavoro ed è possibile utilizzare i diagrammi di flusso per le diverse situazioni. Alcuni diagrammi sono utilizzabili per...
Finanza Personale

Come Parametrizzare i costi variabili al fatturato all'interno di un business plan

Quando si redige un conto economico prospettico, ci si imbatte nella necessità di fissare il valore di alcuni costi futuri. Stabilire il valore dei costi variabili al fatturato non è un compito semplicissimo. Nella seguente guida, passo dopo passo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.