Come creare un canale aziendale su YouTube

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

YouTube è stato creato soltanto nel 2005 ma fin da subito ha presentato un'evoluzione straordinaria, in meno di dieci anni dalla sua nascita. Oggi come oggi rappresenta la piattaforma di condivisione di video più celebre ed utilizzata al mondo. Inoltre è uno dei tanti servizi appartenenti al mondo di Google. Rappresenta, anche, un ottimo strumento che può essere utilizzato in molteplici settori di applicazione, solo apparentemente non comunicanti ed interagenti tra di loro. Può essere utilizzato, infatti, sia per condividere e trasmettere le proprie passioni, come ad esempio, la musica, lo sport, la cucina, l'arte e quant'altro, che per monetizzare (ossia per guadagnare qualcosina grazie ad esso). Se lo scopo è quello di guadagnare un po' di denaro, grazie ad un proprio canale, si può utilizzare come strumento di web marketing, per pubblicizzare la propria azienda. Per raggiungere questo scopo, ovviamente, occorre caricare dei video informativi sulla vendita dei prodotti oppure di servizi offerta dalla propria impresa, nel canale personale. Questo è possibile in quanto YouTube offre la possibilità di realizzare dei propri veri canali tematici, come quelli delle pay TV (i canali televisivi a pagamento), in cui l'utente ha la possibilità di poter inserire dei video inerenti ad un determinato argomento, oppure relativi ad un preciso marchio aziendale e/o commerciale. Quindi questi video possono essere diffusi in maniera organizzata su tutta quanta la rete internet, principalmente per i social network. Seguendo questa semplice ed esauriente guida, vi forniremo degli ottimi consigli e delle informazioni che aiuteranno, passo dopo passo, a dar vita ad un canale aziendale su YouTube.

26

Occorrente

  • Un accesso a internet
  • Un indirizzo di posta elettronica
36

La creazione di un canale aziendale su YouTube non è per niente un'impresa troppo ardua, ed è alla portata di chiunque abbia un minimo di dimestichezza con l'informatica e soprattutto con la rete Internet. La prima operazione da mettere in pratica consiste nel collegarsi ad internet, digitando l'indirizzo della piattaforma www.youtube.com nel proprio browser (ossia uno tra Internet Explorer, Opera, Mozilla Firefox, Safari, Google Chrome). In alto a destra sono presenti le seguenti voci: “Crea Account” ed “Accedi”. Dal momento che l'obiettivo prefissato è quello di creare un canale per la propria azienda, è buona regola non utilizzare un canale che già viene usato per scopo personale, ma crearne uno completamente nuovo, finalizzato al proprio obiettivo finale. Pertanto, anche se si è già in possesso di un Account Google, ad esempio una casella di posta elettronica Gmail oppure un profilo su Google+, per lavorare su YouTube con un proprio canale è sicuramente preferibile generare un nuovo account ad hoc, per alcuni principali motivi. Per prima cosa, il proprio account personale presente su Google potrebbe essere personale e non aziendale, dal momento che la finalità è quella di utilizzarlo per la propria impresa, ed è buona norma non volerlo associare all'indirizzo di email che si usa per scopo personale. In secondo luogo, si dovrebbe creare un nuovo utente per la propria attività aziendale, slegandola dal proprio account personale presente su Google+ (a meno di non possedere già una pagina aziendale sul social network della grande G). Un'altra problematica che potrebbe sorgere è quella data dalla gestione del canale YouTube aziendale Nel caso in cui si volesse impostare il canale in tutta autonomia, ma poi dare lo stesso in gestione ad un'altra persona della medesima azienda, sarebbe necessario fornirgli anche la password del proprio account Google. In quest'ultimo caso, pertanto, l'utilizzatore del canale potrebbe avere completo accesso anche ad informazioni personali, non esclusivamente legate all'azienda. È sicuramente più indicato, pertanto, creare un nuovo account riservato per YouTube, partendo da una casella di posta elettronica secondaria (ossia un'email di “appoggio”) che non manca mai a nessuno. Sicuramente, dal momento che si desidera pubblicizzare la propria azienda, rappresenta una buona prassi avere disporre anche di sito internet aziendale, collegato ad un proprio indirizzo email, fornito dall'host che ospita lo spazio web in questione. Un consiglio che vi diamo è quello di creare un indirizzo di posta elettronica del tipo "youtube@nomeazienda.it", che si potrebbe fare utilizzare ad altre persone che gestiscono lo stesso sito web, senza particolari problemi. Precisiamo che questo si tratta del principale “trucco” che trattiamo in questo tutorial, pertanto è fondamentale non sottovalutarlo per alcun motivo.

46

A seguire occorre cliccare, pertanto, su “Crea Account” ed inserire le proprie informazioni, oltre a scegliere una password. Il nostro consiglio è quello di utilizzare una password univoca, ovvero non utilizzata già per altri siti o email. Al termine di questa procedura si dovrà andare a controllare, nella propria casella di posta elettronica, il messaggio di benvenuto, contenente un link su cui cliccare per completare l'attivazione dell'account YouTube. Il gioco, a questo punto, è praticamente già fatto Pertanto il proprio canale YouTube aziendale è stato creato in maniera corretta. Da questo momento in poi si potrà accedere al proprio canale YouTube, attraverso il click sul pulsante “Accedi” con le credenziali (ossia l'email e la password) create in precedenza. Dopo aver effettuato l'accesso, il nostro consiglio è quello di inserire anche un valido numero di telefono cellulare, da utilizzare in caso di smarrimento della password, oppure di perdita dell'utilizzo dell'email, in modo tale da potersi sempre assicurare la completa gestione del proprio canale aziendale su YouTube. In alto a destra, inoltre, si può trovare il proprio profilo utente, su cui è necessario andare a cliccare, per fare apparire un menù che contiene la parola “Il mio canale". Quindi, occorre eseguire un click e si riuscirà a visualizzare una schermata che darà avvio alla procedura di configurazione del proprio canale YouTube, iniziando dall'inserimento del nome. Quest'ultimo dato, ovviamente, è fondamentale per permettere a tutti quanti di riconoscere, intuitivamente quel canale aziendale YouTube e di cosa tratta. Pertanto, un altro ottimo suggerimento che sentiamo di darvi è quello di inserire il nome dell'azienda oppure dell'impresa, ed anche il tipo di ragione sociale (ad esempio: Srl, Snc, Spa, Sas). Questo ci permette anche di avere un “indirizzo YouTube” facilmente riconoscibile da terzi, ovvero un URL tipo "http://www.youtube.com/user/ImpresaSrl ". Questo rappresenta uno dei principali motivi per cui è essenziale generare un account YouTube finalizzato all'impresa. Contrariamente, il proprio indirizzo YouTube personale sarà formato dal nome utente non aziendale, che sicuramente attirerà meno visitatori.

Continua la lettura
56

Dopo avere completato la creazione dell'account e del canale aziendale YouTube, non rimane altro da fare che perfezionarne l'aspetto grafico. A tal fine è necessario recarsi nel menu principale, collocato in alto a destra, per poi andare a cliccare su “Il mio Canale”. In alto della pagina sarà presente un'immagine, che inizialmente è un simbolo di default. Bisogna, pertanto, collocarsi con il cursore del mouse sopra l'immagine del canale, in modo tale da fare apparire un'icona con una matita, nell'angolo in alto a destra dell'immagine stessa. Successivamente, occorre cliccare sul simbolo a forma di matita, e conseguentemente si aprirà un menù con due diciture, vale a dire "Modifica Link" e "Modifica la grafica del canale". Per l'obiettivo prefissato, è necessario andare a cliccare su "Modifica la grafica del canale". In questa pagina sarà possibile modificare l'avatar, ossia l'immagine distintiva del proprio utente/canale. Quest'ultimo potrebbe essere il proprio logo aziendale. Modificare l'immagine è semplice, in quanto è sufficiente trascinarne un'altra all'interno dello spazio indicatovi, oppure è anche possibile andare a selezionare una foto presente nel proprio computer, cliccando sul pulsante giusto. YouTube mette a disposizione dell'utente la possibilità di scegliere l'aspetto grafico, anche semplicemente utilizzando delle immagini già presenti nell'apposita galleria. L'altra dicitura fondamentale del menù è quella indicata con“Gestione video”, in cui è possibile inserire dei video personali, specificando a che cosa si riferiscono e che sono di gradimento, preferibilmente sempre adeguati ad essere visualizzati nel proprio canale aziendale. Si possono editare, ovvero modificare dei video online, ma anche gestire le “iscrizioni” ai canali YouTube che maggiormente interessano. In questo ambiente la voce più importante è quella di “analytics”, la quale consente di avere accesso ad una sezione in cui è possibile trovare svariate informazioni, di notevole importanza, sul traffico ricevuto dai propri video, sulla quantità di visualizzazioni, sulla provenienza dei visitatori, sui commenti inseriti, sul numero di “like” e molto altro ancora. Di fondamentale importanza è comprendere le potenzialità di YouTube per la propria azienda. Se si ha stabilito di voler aprire un canale aziendale YouTube, è indispensabile prepararsi accuratamente prima di procedere, producendo dei video della propria impresa, oppure preparando dei filmati, dei prodotti oppure dei servizi trattati dall'attività. Tutto ciò può essere facilmente inserito nella piattaforma senza particolari problemi di copyright. Tra l'altro riveste una particolare importanza considerare YouTube come un qualsiasi altro social network. Per questa ragione non si deve mai mancare di leggere i commenti dei visitatori ai video pubblicati, avendo l'accortezza di rispondere ad essi, dal momento che gli utenti vedono quel determinato canale YouTube come un qualsiasi altro mezzo di comunicazione con l'azienda. Ecco, quindi, che interagire con loro è praticamente obbligatorio, mentre non farlo sembrerebbe una mancanza di rispetto oppure di attenzione. Alla stessa maniera è molto importante votare e commentare altri video presenti su YouTube e che trattano argomenti inerenti il proprio settore commerciale oppure imprenditoriale, naturalmente in modo intelligente ed utile per la comunità, dal momento che questo deve denotare la propria attenzione verso altri canali. Questo, tra l'altro, di fatto, fa in modo di realizzare anche dei link intelligenti e completamente gratuiti verso il proprio canale YouTube, e di conseguenza nei confronti della propria azienda.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non utilizzare il proprio account Google per aprire un canale aziendale YouTube, ma crearne uno nuovo ad hoc
  • Utilizzare spesso YouTube rispondendo ai commenti degli utenti, votando e commentando altri video presenti sulla piattaforma

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come pubblicizzare il proprio gruppo musicale o le proprie produzioni

Chi fonda un proprio gruppo musicale ha inizialmente la necessità di pubblicizzare la band e le sue produzioni. Si tratta sicuramente di un'impresa non facile nella realtà attuale, perché da una parte il mercato è saturo, mentre dall'altra qualunque...
Lavoro e Carriera

Come assicurarsi una rendita passiva online

Vivere senza lavorare è il sogno un po' di tutti. Una rendita passiva permette, appunto, di farlo. Ma che cos'è di preciso? È un'entrata fissa che arriva in maniera automatica, senza dover fare nulla. Si dice, infatti, passiva proprio perché non occorrono...
Lavoro e Carriera

Come guadagnare su Internet seriamente

Internet è una fonte inesauribile di risorse, un luogo dove ognuno di noi puo' trovare cio' che cerca, più o meno facilmente. Anche guadagnare su internet puo' risultare piuttosto semplice, se sappiamo dove e cosa cercare. Poter guadagnare attraverso...
Richieste e Moduli

5 modi validi per guadagnare da casa

In un'epoca in cui la vita si fa sempre più frenetica, guadagnare da casa diventa un'allettante alternativa al lavoro tradizionale. La tecnologia e Internet consentono di fare praticamente tutto dalla propria abitazione, dai colloqui di lavoro alle lezioni...
Lavoro e Carriera

Come promuoversi con Linkedin

LinkedIn è una rete con 65 milioni di professionisti in tutto il mondo. Il membro medio LinkedIn ha un reddito medio familiare annuo di 10.000 euro. Una persona crea un account di accesso di LinkedIn ogni secondo. Quasi il 50% dei membri di LinkedIn...
Aziende e Imprese

Come gestire un database fornitori con excel

Excel è un programma della Microsoft, molto utilizzato nei nostri tempi per gestire con estrema efficacia fogli elettronici di calcolo. Excel si adatta particolarmente bene alla gestione di archivi di dati, come dimostrato dalla sua schermata iniziale,...
Aziende e Imprese

5 strategie per trovare clienti tramite i Social Media

I Social Media sono diventati dei portentosi strumenti di Marketing, migliaia di italiani passano ore navigando sulle varie piattaforme e questo traffico può essere sfruttato da migliaia di giovani imprenditori e professionisti che decidono di sbarcare...
Lavoro e Carriera

Come diventare un regista di video musicali

Lavorare come assistente di produzione su un video musicale, è un ottimo modo per acquisire esperienza e pratica e sulla rete. Gli assistenti di produzione audio, aiutano attraverso i diversi aspetti della produzione, a coordinare tutti i tempi necessari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.