Come coordinare un asilo nido

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Occuparsi di bambini a scuola è un'operazione decisamente impegnativa e delicata. Essa richiede un'adeguata competenza e preparazione e il possesso dei necessari e fondamentali requisiti per muoversi con sicurezza in questo ruolo professionale. In questa guida avremo modo di concentrarci sul primo livello di educazione scolastica, cioè l'asilo nido, e sulla sua gestione. Questo tipo di struttura è aperta ad accogliere bambini e bambine a partire dai 6 mesi fino a 3 anni di età. Essa offre ai suoi piccoli ospiti un servizio educativo di primaria importanza, soprattutto in termini di accudimento sia fisico che psicologico. Coordinare e gestire un asilo nido richiede capacità e risorse sia materiali che in termini di progetto pedagogico. Questo primo ingresso nel mondo educativo è un impatto di notevole importanza per i piccoli. Qui hanno modo di interagire con adulti diversi dai genitori e di socializzare con altri bambini, più o meno coetanei. Nulla, quindi, può essere lasciato al caso per rendere ottimale il servizio offerto ai piccoli e ai loro genitori. Nei primissimi anni di vita esperienze positive con adulti e coetanei garantiranno un ottimo imprinting per lo sviluppo successivo. Ecco allora come coordinare un asilo nido e chi può accedere a questo tipo di percorso professionale.

25

Il coordinatore dell'asilo nido: progettazione e coordinamento con gli educatori

Coordinare un asilo nido è un tipo di professione per cui non ci si può assolutamente improvvisare. Richiede preparazione, competenza e capacità di gestione di piccoli utenti, dei loro genitori e del personale che opera all'interno della stessa struttura educativa. Il ruolo di questa figura professionale consiste soprattutto nel controllo della qualità educativa del servizio offerto attraverso la verifica della validità dei programmi e della loro adeguatezza in rapporto alla fascia evolutiva a cui si rivolgono. Il coordinatore deve pertanto vigilare sul team di educatori affinché tutto si svolga in modo ottimale. Ricevere informazioni dirette da chi si occupa quotidianamente dei bambini è un aspetto chiave del bilancio generale di una struttura educativa. Insieme al gruppo di lavoro, quindi, stabilisce un progetto che traccia l'andamento generale da seguire nel corso dell'intero anno scolastico. Insieme a questo, stabilisce un calendario di incontri per riuscire a monitorare la situazione in itinere e confrontarsi con gli operatori che hanno un rapporto diretto con i bambini. Il raccordo con chi si occupa direttamente dei piccoli è di fondamentale importanza per rendere il servizio idoneo e ottimale per lo scopo educativo e di socializzazione.

35

Il coordinatore dell'asilo nido: rapporto con i genitori e con il personale

Coordinare un asilo nido significa anche interfacciarsi con i genitori dei piccoli ospiti della struttura educativa. Questo compito non è da sottovalutare e può richiedere competenze relazionali utili per rapportarsi a persone di ogni livello sociale e culturale. Offrire informazioni e confronto ai genitori è un passaggio essenziale per garantire anche il benessere dei loro figli e la serenità degli operatori. Avere a che fare con genitori ansiosi o arrabbiati per eventuali carenze da parte della struttura è uno dei momenti più critici con cui il coordinatore di un asilo nido può essere chiamato a confrontarsi nel corso della sua carriera. La figura professionale che si occupa di questo si interessa anche di gestire il personale e tutto quello che concerne il servizio mensa offerto dalla struttura ai suoi utenti. Deve pertanto accertarsi della qualità degli alimenti che vengono somministrati ai bambini. Anche i servizi igienici devono essere correttamente garantiti. Infine, in assenza di deleghe esterne, sarà compito del coordinatore interessarsi anche delll'aspetto didattico e amministrativo della struttura educativa.

Continua la lettura
45

Il coordinatore dell'asilo nido: requisiti necessari

Per poter accedere a questo impiego lavorativo occorre essere in possesso di particolari titolidi studio. Nello specifico, è necessario aver conseguito una laurea in psicologia o in scienze della formazione. In alcune regioni è prevista la possibilità di diventare coordinatori essendo in possesso della laurea in lettere purché siano stati superati alcuni specifici esami in ambito psicologico e pedagogico.Talvolta può essere richiesta anche un'adeguata esperienza nell'ambito delle strutture educative e caratteristiche personali che rendano in grado di occuparsi di un ruolo complesso e di raccordo tra vari tipi di utenti e professionisti. Non bisogna infatti sottovalutare l'importanza della figura di raccordo che il coordinatore rappresenta per il benessere educativo e psicologico degli utenti e la serenità dei loro genitori e degli educatori.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Occorre conseguire la laurea in psicologia o scienze dell'educazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come aprire un asilo nido in casa

In tempi di crisi e di difficoltà economici come questi, per poter fronteggiare nel migliore dei modi la situazione che ci ha coinvolti e per trovare una valida occupazione, è molto spesso opportuno puntare sulle proprie forze. Un'attività che sta...
Aziende e Imprese

Requisiti essenziali per aprire un asilo nido

Aprire un asilo nido può rappresentare, ai giorni d'oggi, un'ottima opportunità imprenditoriale. Il settore dedicato ai servizi per i bambini è infatti in forte crescita. Molti genitori hanno necessità di poter lasciare i propri figli a persone fidate,...
Aziende e Imprese

Come aprire un asilo nido privato

Pare che nel nostro Paese esistano otre tremila 'nidi di infanzia', tra i quali molti consistono in strutture pubbliche. Ma le statistiche indicano che il numero di tali servizi offerti all’infanzia e alle famiglie, non bastino per soddisfarne la richiesta....
Aziende e Imprese

Come aprire un nido famiglia

In tedesco sono note sotto la denominazione di "Tagesmutter", ossia madri di giorno, e rappresentano delle donne che accolgono nella propria abitazione alcuni bambini per farli giocare e per prendersene cura, mentre i genitori sono al lavoro. Nei Paesi...
Aziende e Imprese

Come Aprire Un Asilo Per Cani: Informazioni E Requisiti

Attualmente gli amici a quattro zampe sono sempre più presenti nelle famiglie. Infatti, essi sono diventati membri aggiunti, compagni di giochi dei propri figli ed amici contro la solitudine ed i malumori. Se si amano i cani un'idea può essere quella...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di elettronica online

Ormai il mercato degli oggetti e soprattutto dei prodotti tecnologici ed elettronici si sta spostando sempre di più verso gli store online. Sono sempre di più, infatti, coloro che sono alla ricerca di offerte o affari sul web per provare a risparmiare...
Aziende e Imprese

Come gestire un panificio

Gestire un panificio richiede particolari attenzioni ed un pizzico di abilità. L’amministrazione di un esercizio commerciale, infatti, è una procedura abbastanza complessa, in quanto è indispensabile seguire con estrema precisione determinate norme...
Aziende e Imprese

Come arredare uno stabilimento balneare

Anche quest'anno le località balneari si confermano regine dell'estate italiana e con la primavera che già si veste dei primi intensi caldi, è giunto il tempo di fare i conti con la prova costume e di scegliere dove passare le ferie d'estate. Gli stabilimenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.