Come controllare on line la data di risoluzione di un contratto di locazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se siete proprietari di un fabbricato o di un immobile e avete stipulato negli anni un contratto di locazione, poi chiuso, o avete bisogno di sapere in che giorno avete chiuso il contratto ma non lo ricordate e non riuscite a trovare i documenti per scoprirlo, questa guida fa decisamente al caso vostro! Dal sito web dell'Agenzia delle Entrate, infatti, potete verificare on line la data di risoluzione del vostro contratto di locazione. È possibile controllare sia la chiusura naturale del contratto che, eventualmente, quella anticipata. Vediamo insieme come procedere.

26

Occorrente

  • PC con connessione ADSL
  • Registrazione Agenzia delle Entrate
  • Password e codice PIN rilasciati dall'Agenzia delle Entrate
36

La prima cosa che dovete fare è accendere il computer ed avviare Internet Explorer o qualsiasi altro browser a disposizione. Nella barra di ricerca in alto digitate tale link per entrare nel sito dell'Agenzia. Una volta nella Homepage, sulla destra in alto inserite il vostro codice fiscale e la password, cliccate su OK. Siete in Home dei Servizi, sulla sinistra avete un menù con diverse opzioni possibili, selezionate la prima voce Strumenti. Trovate la voce Contratti di locazione. Sulla destra ci sono due strumenti possibili: Locazioni web e Pagamenti Registro Web. Leggete tutte le informazioni poi cliccate su Pagamenti Registro Web.

46

A questo punto vi si aprirà una pagina che vi permette due possibili scelte: Contratti presenti in A. T. E Richieste salvate. Cliccate sul pulsante Visualizza alla destra della voce Contratti presenti in A. T.
Vi troverete in una pagina che riporta i contratti di locazione stipulati. Individuate il contratto di cui volete verificare la data di risoluzione. Usate come voci di riferimento Ufficio, Anno, Serie, Numero, Sottonumero, Data di registrazione e Controparte per la stipula. A questo punto selezionate il contratto che vi interessa. Assicuratevi che il corrispondente cerchietto presente a destra sul rigo del contratto di interesse sia selezionato.

Continua la lettura
56

In basso avete diverse azioni possibili con la voce Annualità Successiva già impostata. Questa vi propone la procedura per il pagamento delle imposte delle annualità successive, azione però non consentita se il contratto è già stato risolto. Assicuratevi che tutti i parametri siano stati impostati correttamente. Cliccate, quindi, sul pulsante OK a fianco alla voce Annualità successiva. Se il contratto è chiuso compare l'avviso: Operazione non consentita: Contratto risolto in data xx/yy/zzzz, dove xx/yy/zzzz indica la data di risoluzione del contratto di locazione. Per uscire fate click in alto a destra su Uscita, poi chiudete Internet explorer o il browser in uso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assicuratevi che il corrispondente cerchietto presente a destra sul rigo del contratto di interesse sia selezionato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare l'imposta di registro per locazione

Di questi tempi possedere una casa potrebbe essere un investimento come anche una perdita di soldi. Chi ha uno o più appartamenti solitamente tende a volerli mettere in affitto per poter avere una rendita e pagarci le tasse con maggiore tranquillità,...
Finanza Personale

Come compilare il modello F23 per il pagamento dell'imposta di registro dei contratti di locazione

Sui contratti di locazione ad uso abitativo, che per legge necessitano di essere registrati presso l’Agenzia delle Entrate, grava il pagamento dell'imposta di registro. Questo adempimento va effettuato tramite il cosiddetto modello F23. Si tratta di...
Case e Mutui

Contratti di locazione: quale scegliere

Se stiamo pensando di affittare un appartamento o un locale di nostra proprietà, sicuramente sapremo che per farlo dovremo stipulare con il locatario un particolare contratto attraverso il quale noi ci impegniamo a mettere a disposizione il nostro bene...
Case e Mutui

Come valutare Un Contratto Di Locazione Con La Cedolare Secca

La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno...
Case e Mutui

Come compilare il modello RLI per registrazione contratti beni immobili

Dal 19 settembre 2017 è entrato in vigore il nuovo modello RLI, ossia l'atto per la Registrazione delle Locazioni Immobiliari. Tale documento viene redatto nel momento in cui si stipula un contratto di affitto di uno o più beni immobili e deve essere...
Case e Mutui

Contratti locazione: le 5 tipologie di affitto

Se hai una casa nella quale non risiedi e che non utilizzi in modo continuativo una soluzione per ripagarsi delle spese è quella di metterla a reddito ossia fare in modo che questa si possa pagare da sola e magari generare una rendita passiva. In questa...
Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di locazione ad uso abitativo

Come vedremo nel corso di questa guida, la normativa attualmente vigente in tema di contratti, non prevede una specifica forma obbligatoria per la redazione dei contratti. Tuttavia la legge, impone agli stipulanti l'indicazione di alcuni elementi importanti,...
Richieste e Moduli

Come comunicare una rettifica di un contratto di locazione

La legge, per ogni contratto di locazione di beni immobili, prevede la registrazione obbligatoria. Questa norma, deve essere rispettata indipendentemente dell'ammontare del canone pattuito. Dal momento della stipulazione di un contratto di locazione della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.