Come contabilizzare l'imposta di bollo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il sistema italiano, prevede l'imposta di bollo, ovvero un' imposta fiscale che va applicata alla produzione, richiesta o presentazione di determinati documenti. In questo modo, utilizzando la carta bollata o applicando le marche da bollo, si versano all'Erario l'importo dei valori bollati acquistati. In questa guida approfondiremo come si deve contabilizzare l'imposta di bollo.

26

Metodi di pagamento

Taluni atti e documenti per assumere valore legale devono essere assoggettati all'imposta di bollo nella misura e secondo le modalità previste dalle tabelle indicate dal DPR 642/72. Si pensi, ad esempio, alle fatture esenti da imposta sul valore aggiunto di importo superiore ad euro 77,47 sulle quali va applicata una marca da bollo del valore di euro 1,81. Esistono diversi metodi di pagamento dell'imposta di bollo:

- in modo ordinario: mediante carta bollata;
- in modo straordinario: mediante marche da bollo;
- in modo virtuale: consiste nel pagamento dell'imposta all'amministrazione finanziaria ovvero altri uffici autorizzati, oppure con versamento in c/c postale.

36

Aliquota del 2 per mille

Con la vigente aliquota del 2 per mille, risulteranno avvantaggi i rapporti aventi un ammontare inferiore a 17.100 euro. L’eliminazione della soglia minima del tributo applicabile comporta comunque che per calcolare in ogni caso l’imposta in misura percentuale, tenendo presente che – ai sensi dei commi secondo e terzo dell’art. 3 del DPR n. 642/1972 – l’importo dovuto non può risultare inferiore ad un euro (fino quindi ad un imponibile di 500 euro) e che le frazioni degli importi dell’imposta di bollo dovuta in misura proporzionale sono arrotondate ad euro 0,10 per difetto o per eccesso a seconda che si tratti, rispettivamente, di frazioni fino ad euro 0,05 o superiori ad euro 0,05.

Continua la lettura
46

La rilevazione contabile

Mentre la rilevazione contabile in partita doppia avviene sempre con il criterio di «cassa», ovvero si effettuano le registrazioni contabili al momento del pagamento dell'imposta di bollo, ai fini della predisposizione del bilancio è necessario applicare correttamente il principio della competenza, e quindi addebitare al conto economico soltanto le imposte di bollo effettivamente imputabili all'esercizio.

56

Un esempio

Si immagini il seguente esempio. Vengono acquistate marche da bollo per complessivi euro 1.000 e ne vengono utilizzate euro 250 per atti giudiziari.
La scrittura da fare al momento dell'acquisto è Cassa valori bollati a Cassa 1.000
Al momento dell'utilizzo la scrittura da fare è, invece, Imposte di bollo a Cassa valori bollati 250
Il conto "Cassa valori bollati" deve essere incluso nell'attivo dello stato patrimoniale tra le disponibilità liquide, mentre il conto "imposte di bollo" va riepilogato nel conto economico tra gli oneri diversi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come contabilizzare gli anticipi a fornitori in valuta estera

Un pagamento in anticipo è quello dato al venditore prima che venga consegnato il bene o il servizio. Può essere parziale o intero a seconda degli accordi. Attraverso questa breve guida vedremo come bisogna procedere per contabilizzare correttamente...
Aziende e Imprese

Come calcolare e contabilizzare l'accantonamento Tfr

Il TFR, acronimo di Trattamento di Fine Rapporto, consiste in una liquidazione o buonuscita, maturata dal lavoratore dipendente presso un unico datore di lavoro e pagato al termine del rapporto lavorativo dal proprio sostituto. Essenzialmente il trattamento...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'imposta di soggiorno

L'imposta di soggiorno è una tassa, introdotta dall'art. 4 del D. L. N. 23/2011, che un governo locale pone a carico di coloro che alloggiano in strutture ricettive Italiane; nota anche come tassa di soggiorno o tassa di pernottamento.Calcolare l'imposta...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare le Royalties

Le royalties sono diventate una realtà che, grazie all'aumento di brevetti e invenzioni, va sempre più diffondendosi nei giorni nostri. Questo termine sta a indicare i corrispettivi che vengono pagati a tutti coloro che possiedono un brevetto o una...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare I Costi Accessori Di Acquisto

Quando un'azienda esegue un acquisto deve necessariamente registrarlo. Questi tipi di contabilizzazione che comprende acquisti di beni, istallazioni, imballaggi, spese di immatricolazione sono tutti costi accessori. Quest'ultimi sono oneri aggiuntivi...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'Indennità per licenziamento illegittimo

Il licenziamento di un dipendente è da sempre alla base nel mercato del lavoro. Che sia giusto o sbagliato, a volte può essere necessario, altre volte ingiustificato. Una branca particolare della materia è quella che riguarda quello "illegittimo" ovvero...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare i corrispettivi giornalieri

In questa guida vi spiegherò come contabilizzare i corrispettivi giornalieri. Per chi non lo sapesse i corrispettivi non sono altro che i ricavi al netto dei commercianti. Su questi ricavi detti corrispettivi non esiste l'obbligo di emissione della fattura....
Aziende e Imprese

Come viene calcolata l'‪Imposta sul valore aggiunto‬

Nell'anno 1972 in Italia fu introdotta con un decreto legge l'‪Imposta sul valore aggiunto‬, che va applicata ad un prezzo che da netto (Iva esclusa), diventa lordo (Iva inclusa). In pratica, quando si compra un determinato prodotto, oppure si usufruisce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.