Come contabilizzare le rettifiche alle vendite

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Tra le poste di bilancio maggiormente rappresentative di un'impresa deve essere senza dubbio annoverata, nel conto economico, la voce "Ricavi di vendita" facente parte del gruppo A- Ricavi della produzione, del conto, che accoglie i componenti positivi di reddito riconducibili ad operazioni di vendita rientranti nella sfera caratteristica della gestione imprenditoriale. Questa guida spiega come agire nel caso in cui ti trovi di fronte ad eventi che rendono necessario rettificare ricavi di vendita in precedenza contabilizzati. Le rettifiche, nell'ambito aziendale, sono uno degli aspetti più importanti legati alle vendite di prodotti quindi leggete i passi di questa guida per capire come contabilizzare le rettifiche alle vendite.

29

Le rettifiche della voce "Ricavi di vendita" costituiscono componenti negativi del reddito atti ad operare una riduzione dei ricavi di vendita già rilevati in contabilità. Da un punto di vista della rappresentazione in bilancio, tali componenti negativi del reddito devono essere portati in detrazione dei ricavi.

39

Le regole contabili, prevedono che i ricavi rivenienti dalla vendita dei prodotti, delle merci e/o dalla prestazioni di servizi vadano indicati in ossequio al principio della competenza temporale nonché al netto di resi, sconti, abbuoni, premi ed imposte connesse con la vendita. Gli sconti cui si riferiscono i principi contabili sono, ovviamente, quelli di natura commerciale e non già gli sconti di natura finanziaria. Questi ultimi, infatti, intervengono in una fase successiva a quella di vendita di beni e servizi, e sono quindi da classificare nel conto economico nel gruppo C (Proventi e oneri finanziari), in questo caso C-17 "interessi a altri oneri finanziari, con separata indicazione di quelli verso imprese controllate e collegate e verso controllanti".

Continua la lettura
49

Quando si acquista un bene o un servizio si riceve contabilmente un costo. Può accadere e spesso accade che dopo aver effettuato l’acquisto insorgano delle complicazioni o perché la merce ricevuta non è della qualità della merce ordinata, o perché una parte viene restituita o per altri motivi. In tal caso si ha diritto ad una riduzione di prezzo che contabilmente fa variare in diminuzione il costo originario e ne rappresenta una rettifica in ribasso. Il fornitore della merce ricevuta, accettata la contestazione della merce, deve emettere un documento che rettifica l’importo originario. Tale documento prende il nome di NOTA DI VARIAZIONE o NOTA DI CREDITO o NOTA DI ACCREDITO e serve a rettificare i valori iniziali emessi in fattura. Ai fini IVA, salvo quanto imposto dal DPR 633, l’imposta può essere regolarizzata o meno, evidenziandola nella NOTA DI CREDITO, a discrezione del fornitore.

59

Inoltre, le rettifiche ai ricavi devono essere riferite ai ricavi di competenza di un determinato esercizio; le rettifiche riferite a ricavi di precedenti esercizi devono essere, invece, considerate voci di natura straordinaria e classificate come oneri ovvero proventi straordinari (ciò al fine di preservare il principio di correlazione tra costi e ricavi).

69

Principali rettifiche di costo: Abbuoni: sono ottenuti per differenze qualitative sulle merci acquistate. Resi: merci che vengono restituite al fornitore. Sconti: sono ottenuti per pagamenti anticipati rispetto alla scadenza. Ribassi e arrotondamenti: sono ottenuti senza alcuna giustificazione economica, ma per piccoli importi e per una consolidata e deleteria prassi comportamentale.

79

Per quanto riguarda i resi su vendite, nella fase di esecuzione di un contratto di compravendita può succedere che le merci, i materiali o i prodotti consegnati presentino differenze, qualitative ovvero quantitative, rispetto alle condizioni pattuite in sede contrattuale.
In tali circostanze, il cliente potrebbe ricorrere alla restituzione dei prodotti incongruenti con quelli oggetto di fatturazione e la società venditrice deve procedere all'emissione di una nota di accredito a favore del cliente medesimo.
La scrittura contabile che devi eseguire è la seguente: - Diversi a crediti v/clienti, dove i diversi sono rappresentati da resi su vendite e IVA ns/debito.
Esempio pratico: Resi su vendite 100 (in dare) IVA ns/debito 22 (in dare) Crediti v/clienti 122 (in avere).
Nella quale il conto Resi su vendite va classificato nel conto economico a rettifica del valore dei ricavi della produzione.

89

Rettifiche per errori di fatturazione: la fattispecie in argomento ricorre qualora in sede di fatturazione sia stato omesso l'addebito di un importo oppure siano stati commessi errori di conteggio nella fattura di vendita. Nel caso in cui gli errori commessi siano insanabili, devi procedere all'annullamento della fattura, mediante l'emissione di una nota di credito al cliente nella quale va applicata l'aliquota IVA (vigente) esposta nella fattura originaria.

Nel caso in cui l'errore di fatturazione concerne l'omissione di un importo imponibile, la normativa IVA impone al fornitore di emettere una fattura integrativa.

99

Ricorre poi la fattispecie di annullamento della fattura allorché l'errore è tale da non consentire l'emissione di nota di accredito rettificativa o di una fattura integrativa.
A fronte dell'annullamento della fattura ne viene emessa una corretta e da un punto di vista contabile devi procedere a stornare la registrazione della fattura errata e farne una nuova registrazione nel momento in cui viene emessa la fattura corretta. La nuova fattura comporterà una scrittura contabile per la registrazione delle vendite e dell'IVA mentre per l'annullamento bisogna fare la medesima scrittura vista per le rettifiche per errori di fatturazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare la percentuale di vendite

Quando non si vuole più lavorare come dipendente, è necessario valutare bene se conviene o meno avviare una società in proprio. Prima di tutto bisogna analizzare il mercato di riferimento o clientela potenziale e stabilire la tipologia di azienda (come...
Aziende e Imprese

Come procedere alla tenuta del registro IVA sulle vendite

Tra i diversi libri contabili la cui tenuta è obbligatoria per alcune tipologie di azienda troviamo il registro IVA sulle vendite, sul quale, per l'appunto, andranno annotate alcune operazioni che si svolgono nell'azienda e che sono soggette all'applicazione...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare gli anticipi a fornitori in valuta estera

Un pagamento in anticipo è quello dato al venditore prima che venga consegnato il bene o il servizio. Può essere parziale o intero a seconda degli accordi. Attraverso questa breve guida vedremo come bisogna procedere per contabilizzare correttamente...
Aziende e Imprese

Come calcolare e contabilizzare l'accantonamento Tfr

Il TFR, acronimo di Trattamento di Fine Rapporto, consiste in una liquidazione o buonuscita, maturata dal lavoratore dipendente presso un unico datore di lavoro e pagato al termine del rapporto lavorativo dal proprio sostituto. Essenzialmente il trattamento...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare I Costi Accessori Di Acquisto

Quando un'azienda esegue un acquisto deve necessariamente registrarlo. Questi tipi di contabilizzazione che comprende acquisti di beni, istallazioni, imballaggi, spese di immatricolazione sono tutti costi accessori. Quest'ultimi sono oneri aggiuntivi...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'Indennità per licenziamento illegittimo

Il licenziamento di un dipendente è da sempre alla base nel mercato del lavoro. Che sia giusto o sbagliato, a volte può essere necessario, altre volte ingiustificato. Una branca particolare della materia è quella che riguarda quello "illegittimo" ovvero...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Le Fatture Da Emettere

Com'è ben noto, in materia fiscale, ci sono tantissime variabili da valutare per poter gestire al meglio entrate, uscite e le relative dichiarazione dei debiti di un determinato esercizio. Parte integrante di questo meccanismo vede coinvolte le fatture...
Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Le Spese Per Salari E Stipendi

Una delle categorie di scritture contabili che produce, sicuramente, delle maggiori problematiche è quella riguardante le modalità per la contabilizzazione degli emolumenti da corrispondere ai lavoratori dipendenti. La finalità di questa semplice ed...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.