Come conciliare allattamento e lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per una donna che svolge un’attività lavorativa soprattutto di tipo dipendente, è importante saper gestire la situazione quando si verifica il lieto evento di una nascita; infatti, dopo il periodo di ferie che viene concesso dall’azienda e regolarmente remunerato per l’allattamento, ne segue un altro che va accuratamente valutato, poiché in molti casi non si riesce comunque a conciliare entrambe le attività. In riferimento a ciò, ecco dunque una guida con alcuni consigli su come far coesistere allattamento e lavoro.

24

Per una neo mamma, riprendere l’attività lavorativa dopo il normale periodo di aspettativa dettato dalla giusta causa dell’allattamento, ovvero un ordinamento previsto dal Codice del Lavoro, separarsi da lui diventa spesso traumatico. Il primo consiglio da dare in questo caso, è cercare aldilà delle poppate, di cominciare a distaccarsi un tantino rispetto ai primi giorni, in modo che alla data prevista per il rientro sul luogo di lavoro, gli effetti sono meno traumatici.

34

A parte ciò, per prepararsi adeguatamente in previsione del rientro sul posto di lavoro, è importante innanzitutto sapersi organizzare, quindi contattare un asilo nido oppure una baby sitter fidata. In tal modo, si avrà la possibilità di gestire le ore lavorative senza patemi d’animo, anche per la consapevolezza che in tenera età i neonati si adattano subito alla “mamma provvisoria”, indipendentemente se si tratta di una baby sitter, dei nonni o di una sorella. Questo può dunque essere un importante punto di partenza, per auto convincersi ed affrontare il lavoro con meno stress e preoccupazioni. Inoltre dopo una giornata trascorsa a lavoro, la poppata serale rappresenta un ottimo modo per ritrovare la simbiosi tipica tra la mamma e il neonato, rimasta tale da quando era ancora allo stato fetale. Questo momento di intimità, rappresenta quindi la motivazione giusta per gestire al meglio la propria persona sul luogo di lavoro, ed esercitare con parsimonia ed affetto quella di madre, senza alcuno stress.

Continua la lettura
44

Un altro importante aspetto da sottolineare e che può rivelarsi ideale quando la neo mamma riprende il lavoro, riguarda proprio l’allattamento; infatti, se si opta ancora per quello del seno, ci si preoccupa di come fornirglielo in caso di assenza per un determinato numero di ore. Anche per questo problema esiste però una soluzione valida e funzionale; infatti, il latte materno se opportunamente estratto con l’apposito strumento, può essere conservato in frigo e somministrato al bimbo durante l’arco della giornata, da qualsiasi persona attraverso il biberon. Il metodo tra l'altro è anche vantaggioso, specie la sera dopo il ritorno dal luogo di lavoro; infatti, avendo già quello disponibile, dopo aver espletato le pratiche di routine, basta poi un po' di relax per approfittarne, magari mentre si guarda la tv per estrarne dell’altro che farà dormire sonni tranquilli, in quanto consapevole che anche per il giorno dopo, il bimbo avrà il suo latte e con esso un’importante fetta di intimità materna.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come conciliare lo studio al lavoro

Sia lo studio che il lavoro sono entrambi importanti: lo studio ci dà un guadagno intellettivo e ci aiuta a saper rispondere alle esperienze cognitive che la vita ci pone, mentre il lavoro ci aiuta da un punto di vista economico. Entrambi sono fondamentali...
Lavoro e Carriera

Come conciliare casa e lavoro

Conciliare casa e lavoro non è sempre facile, soprattutto se si è donna e si ha una famiglia, in quanto bisogna far combaciare gli orari dei pasti con quelli delle pause pranzo, presenti al lavoro. Se si hanno dei bimbi piccoli è indicato lavorare...
Lavoro e Carriera

Come valutare una proposta di lavoro

Hai ricevuto una proposta di lavoro ma non sai se è ciò che fa per te? Lungo i passi di questa guida vedremo cosa valutare per effettuare un'analisi atta a stabilire se l'impiego proposto è ciò che fa al tuo caso; prenderemo in esame una serie di...
Lavoro e Carriera

5 regole da rispettare il primo giorno di lavoro

Il primo giorno di lavoro è sempre un giorno importante, soprattutto quando si tratta del primo lavoro, dopo la carriera di studio, oppure di un lavoro nuovo, in seguito ad un grande cambiamento di vita. Il primo giorno di lavoro, però, oltre ad essere...
Lavoro e Carriera

Guida ai contratti di lavoro

Sulla base della normativa attualmente in vigore, il "contratto di lavoro" è un negozio giuridico consistente nella stipulazione di un accordo di lavoro, sottoscritto da una persona fisica, giuridica o un ente che rappresenta la parte del datore di lavoro...
Lavoro e Carriera

5 motivi per non cambiare lavoro

La percentuale di disoccupati aumenta di anno in anno e l'ingresso nel mondo del lavoro diventa ogni giorno più complicato. Per questo motivo avere un lavoro è una grande risorsa da apprezzare e tutelare. Cerchiamo di sfruttare al meglio tutte le nostre...
Lavoro e Carriera

Come funzionano le agenzie di lavoro interinale

Per coloro che sono alla ricerca di un impiego le agenzie di lavoro interinale possono rappresentare un valido aiuto. In pratica si tratta di agenzie private che affiancano i centri pubblici per l'impiego e che raccolgono offerte e domande di lavoro a...
Lavoro e Carriera

Come organizzare bene il lavoro

In questo articolo vorrei spiegarvi come organizzare bene il lavoro. Molte persone lavorano come liberi professionisti oppure lavorano come dipendenti. Sia i liberi professionisti e sia i dipendenti molto spesso non riescono ad organizzare magari alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.