Come comunicare una rettifica di un contratto di locazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La legge, per ogni contratto di locazione di beni immobili, prevede la registrazione obbligatoria. Questa norma, deve essere rispettata indipendentemente dell'ammontare del canone pattuito. Dal momento della stipulazione di un contratto di locazione della durata superiore ai 30 giorni, bisogna pertanto recarsi presso l'Agenzia delle Entrate per effettuare la registrazione. Per adempiere a tale normativa, si ci può avvalere di due procedure differenti: in modalità cartacea o in modo telematico. Nel primo caso, bisognerà recarsi fisicamente presso una qualunque agenzia nell'ufficio registro, se invece volete seguire il secondo metodo, dovrete effettuare la compilazione degli appositi modelli messi a disposizione online. In questo ultimo caso, commettere errori in fase di compilazione può incidere sulla registrazione e il calcolo della relativa tassa. Nasce quindi la necessità di apportare un'eventuale rettifica e comunicarla. In questa breve guida, ci occuperemo di illustrare come agire in questi casi.

27

Occorrente

  • Copia del contratto, ricevuta della registrazione, ricevuta di pagamento della relativa imposta
37

Durante la fase di stipula e registrazione del contratto di locazione, si possono commettere errori riguardanti i dati anagrafici dei due contraenti, l'ubicazione esatta dell'immobile, l'importo corrispondente al canone di affitto e le misure catastali dell'immobile in questione. Tutti questi dati, al fine di ottenere un risultato idoneo, devono essere esatti in quanto hanno una notevole rilevanza nello svolgimento delle pratiche e nel calcolo delle tasse da corrispondere.

47

Il primo passo da compiere, è quello munirsi della copia del contratto, quella della registrazione ed eventuale ricevuta di pagamento della tassa di registro. Nel caso in cui risultasse che l'errore ha inciso sul calcolo della tassa di registro, l'ufficio avrà il compito di comunicare l'imposta con l'aggiunta degli interessi e di eventuali sanzioni.

Continua la lettura
57

Altra situazione che si può verificare è quella che il contratto venga registrato per due volte. In questo caso, la tassa di registro verrà addebitata per il doppio. Il modo più semplice per risolvere il problema sarebbe quello di chiedere l'annullamento automatico di uno dei due contratti, però poiché a ciascuno di essi è stato assegnato un numero di registrazione, questo non può più essere defalcato. Quindi, sarà necessario chiedere la risoluzione per registrazione duplicata e la restituzione dell'imposta versata.

67

Infine, risulta importante sottolineare che per i contratti inferiori ai trenta giorni, non vi è alcun obbligo di rettifica. Questo però risulta il solo caso in cui non necessita la registrazione, in quanto la legge non lo prevede e non esiste alcuna normativa in merito.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per chiedere una rettifica del contratto di locazione presentarsi sempre all'ufficio registro dell'Agenzia delle Entrate in cui è stato registrato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Cosa fare per non rinnovare il contratto di locazione

Il contratto di locazione consiste in una forma contrattuale vincolante, tra l'inquilino ed il padrone di casa. Pertanto, nel caso in cui si avesse la necessità di interrompere anticipatamente il contratto di affitto, occorre prendere in considerazioni...
Richieste e Moduli

Come fare una scrittura privata per risoluzione consensuale del contratto di locazione

Spesso, quando si parla di locazione, si pensa immediatamente all'affitto di un'immobile, anche se esiste la possibilità di affittare un'automobile, una barca, persino vestiti e strumenti vari. Durante il periodo di locazione previsto, può accadere...
Richieste e Moduli

Come prorogare un contratto di locazione

Capita molto spesso, alla scadenza di un contratto d'affitto, di preferire un prolungamento dello stesso alla ricerca di una nuova locazione. Generalmente un contratto d'affitto viene stipulato ogni quattro anni, e la data di inizio e quella di scadenza...
Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di locazione ad uso abitativo

Come vedremo nel corso di questa guida, la normativa attualmente vigente in tema di contratti, non prevede una specifica forma obbligatoria per la redazione dei contratti. Tuttavia la legge, impone agli stipulanti l'indicazione di alcuni elementi importanti,...
Richieste e Moduli

Come annullare un contratto di locazione firmato

Un contratto di locazione firmato si può annullare per motivi di diversa natura. Ad esempio si trova un locale più confortevole, oppure ci si deve necessariamente trasferire presso una nuova abitazione. Se l'immobile si trova in affitto, si può decidere...
Richieste e Moduli

Come richiedere la rettifica di atti dello stato civile

Ogni cittadino ha la possibilità di richiedere la rettifica di atti dello Stato Civili quali il certificato di nascita, di matrimonio, di residenza, di cittadinanza e di morte, nel caso in cui risultino in essi degli errori o delle inesattezze rilevanti....
Richieste e Moduli

Come sublocare un immobile concesso in locazione

Se in precedenza abbiamo stipulato un contratto di locazione ed ora intendiamo invece sublocare un immobile, possiamo farlo senza alcun problema, poiché la legge lo prevede, ma a patto che vengano rispettate alcune normative, si paghino i dovuti oneri...
Richieste e Moduli

Come fare la contestazione di adeguamento Istat del canone di locazione

Il canone d'affitto è quella somma di denaro che l'inquilino deve corrispondere al padrone di casa per usufruire di un immobile. A volte, deve anche pagare un deposito cauzionale, se scritto sul contratto, a titolo di garanzia. Ma l'inquilino, cioè...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.