Come comunicare la malattia all'INPS

Tramite: O2O 22/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) è un ente pubblico che si occupa dei lavoratori dipendenti/autonomi nel territorio italiano e dei pensionati. Con riferimento agli occupati del settore pubblico/privato, chi si ammala viene obbligato a comunicare la malattia all'INPS. Alle persone che non hanno temporaneamente l'opportunità di svolgere l'attività lavorativa per colpa di una malattia (come l'influenza o la frattura di un braccio) viene riconosciuta un'indennità dall'INPS. Tale ente pubblico si fa carico di una parte della retribuzione che spetta al lavoratore dipendente nel corso della sua assenza dal posto di lavoro. L'importo ed il periodo temporale coperto da questa assistenza varia in funzione di tre parametri. Innanzitutto viene considerato il settore lavorativo (agricoltura, industria e terziario o lavoratori marittimi). Il secondo parametro è la tipologia di accordo contrattuale (tempo determinato o indeterminato). Si tiene conto infine di ulteriori specifiche posizioni professionali (apprendisti, disoccupati, lavoratori sospesi o autonomi iscritti alla gestione separata). Le presenti categorie di lavoratori vengono comunque accomunate dalla tecnica attraverso la quale dover notificare l'assenza dal posto di lavoro. All'interno dei passaggi successivi di questo tutorial vediamo quindi come bisogna comunicare la malattia all'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale.

27

Occorrente

  • Certificato medico
  • Dati anagrafici
  • Indirizzo di domicilio
  • PEC o fax o raccomandata A/R (eventuale)
  • Certificato di ricovero e dimissioni (eventuale)
37

Richiedere il certificato di malattia, fornendo i dati necessari

L'azione di partenza che il lavoratore ammalato deve compiere è fare visita al medico di famiglia, per domandare il rilascio del certificato di malattia. Il compito di trasmettere all'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) tale certificazione in modo telematico spetta direttamente allo specialista. Durante questa fase iniziale, il lavoratore deve prestare molta attenzione nel comunicare al proprio medico ogni suo dato anagrafico corretto e l'indirizzo preciso relativo al domicilio. Quest'ultima informazione servirà per controllare l'effettiva malattia del lavoratore tramite un'eventuale visita fiscale. Essa potrà essere sottoposta in determinate fasce orarie ed ha l'obiettivo di verificare la reale incapacità lavorativa temporanea dell'ammalato. Durante il periodo di malattia si rende necessario il cambiamento dell'indirizzo per la reperibilità? Il lavoratore avrà l'obbligo di comunicare all'INPS di appartenenza la modifica in questione tramite PEC, fax o raccomandata con ricevuta di ritorno (A/R).

47

Far pervenire il certificato di malattia ed il relativo attestato

Dopo aver spedito la comunicazione a livello telematico della malattia all'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS), il lavoratore ammalato non avrà più l'obbligo di far giungere il certificato di malattia al proprio datore di lavoro. Quest'ultimo avrà infatti la possibilità di visionare tale attestazione legale beneficiando degli appositi servizi resi disponibilità appunto dall'INPS. Il medico di famiglia si trova nell'impossibilità di eseguire l'obbligatoria comunicazione telematica attestante la temporanea incapacità lavorativa? L'ammalato dovrà far arrivare il certificato di malattia all'INPS ed il relativo attestato al datore di lavoro entro 48 ore dal rilascio. Ma quale comportamento adottare qualora bisognasse affrontare un ricovero in ospedale o pronto soccorso? In questi casi, il certificato di ricovero e dimissione rilasciato dalla struttura sanitaria non potrà venire inviato telematicamente. Di conseguenza tale attestazione si dovrà comunicare in modo cartaceo, anche se trascorsi oltre 2 giorni dal rilascio. Ad ogni modo la comunicazione andrà eseguita prima del termine di prescrizione della prestazione sanitaria.

Continua la lettura
57

Seguire la procedura giusta per malattia in Paese straniero

Con riferimento ai certificati di malattia riguardanti la giornata di ospedale o pronto soccorso, è necessario fare una precisazione. Vengono considerati efficaci dall'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) soltanto le attestazioni contenenti quattro tipologie di elementi. Si tratta delle informazioni anagrafiche relative al lavoratore ammalato, della data di rilascio, della firma leggibile dello specialista e della diagnosi medica comportante la temporanea incapacità lavorativa. Ma cosa fare quando la malattia si verifica in un Paese straniero? In questi casi, occorre distinguere tra due procedure alternative. Qualora ci si trovasse in uno Stato appartenente all'Unione Europea (UE), bisogna applicare le medesime leggi esistenti nel Paese di residenza del lavoratore ammalato. Se la malattia insorge all'interno di un Paese extracomunitario che non ha stipulato con l'Italia degli accordi specifici in materia, la competenza è dell'Ambasciata italiana. Tale rappresentanza diplomatica dovrà quindi farsi carico delle azioni per legalizzare il certificato di malattia.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare molta attenzione all'esattezza delle informazioni inseriti nel certificato medico.
  • Comunicare l'eventuale modifica relativa all'indirizzo di domicilio con congruo anticipo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come inviare il certificato di malattia via internet

Nel 2010, abbiamo assistito all'introduzione della possibilità di inviare il certificato di malattia per via telematica.Tramite un decreto del 26 febbraio, questa opportunità si è fatta strada con lo scopo di semplificare il processo di gestione dei...
Lavoro e Carriera

Come trasmettere il certificato medico di malattia

Dal primo febbraio 2011 sono cambiate le modalità per trasmettere il certificato medico, relativo alla malattia, da presentare al proprio datore di lavoro, sia esso pubblico che privato. Sebbene le maggiori incombenze siano a carico del certificante,...
Lavoro e Carriera

Come richiedere un congedo per malattia del proprio figlio

Il vostro bambino si è ammalato però purtroppo non possedete alcun parente a cui lasciarlo? Volete perciò un po' di tempo a disposizione di esonero dal lavoro per poterlo accudire e curare opportunamente? Non abbiate nessun timore, questa guida è...
Lavoro e Carriera

Come affrontare il rientro al lavoro dopo una lunga malattia

Spesso capita, specialmente nei periodi invernali, di affrontare una lunga malattia. Durante i periodi di malattia ci si sente un vero inferno e non è sempre facile riprendere la solita routine quotidiana. Per questo motivo vi darò, all'interno di questa...
Lavoro e Carriera

Come richiedere i crediti di lavoro all'INPS

I crediti di lavoro rappresentano quelle retribuzioni che vengono maturate dal lavoratore nel corso di anni o mesi, per essere riscattati in un secondo momento. È sempre bene preservare il proprio diritto a ricevere le retribuzioni spettanti richiedendo...
Lavoro e Carriera

Come richiedere l'estratto conto contributi INPS On Line

Tutti quanti quando lavoriamo, dobbiamo versare una quota mensile all'INPS per la nostra futura pensione. Ma quanto versiamo ogni anno all'INPS? L'estratto conto contributi non è altro che un elenco, registrato negli archivi dell'INPS, contenente tutti...
Lavoro e Carriera

Come chiedere la disoccupazione all'Inps

La disoccupazione si sta diffondendo tra tutte le fasce di età: dai più giovani (che cercano disperatamente ed inutilmente un qualunque tipo di lavoro) ai più anziani (che lavoravano da una vita e che adesso sono in situazioni abbastanza critiche...
Lavoro e Carriera

Come segnalare all'Inps i contributi previdenziali non versati

Pagare le tasse e versare i contributi sono dei doveri a cui tutti i cittadini devono assolvere. Bisogna quindi verificare periodicamente che si siano versati i contributi corretti, e in caso di mancanza provvedere a versare la quota rimanente al più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.