Come Comunicare l' emissione di un assegno circolare

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il primo punto da chiarire riguarda il termine assegno circolare, esso è un titolo di credito ed un metodo per effettuare pagamenti molto utilizzato, viene erogato un pagamento a partire da somme che sono già presenti nella banca alla quale si richiede tale pagamento. Esso può anche essere riscosso senza la presenza fisica del beneficiario. Le parti in un titolo come questo sono in genere: il traente ossia l'individuo che eroga l'assegno, il trattario ossia la banca di colui che emette l'assegno circolare e per finire abbiamo il beneficiario ossia la persona alla quale è destinata la somma di danaro. Il primo consiglio che vi do è quello di seguire questa vita se siete interessati a capire l'argomento: Come Comunicare l' emissione di un assegno circolare.

24

Ci sono alcune nozioni da possedere per fare in modo che l'assegno non venga rifiutato, ossia fare in modo che l'assegno venga compilato correttamente e siano ben rispettati tutti i parametri. L'assegno deve avere: La denominazione di assegno circolare, esso non potrà essere duplicato o falso, la banca deve impegnarsi al pagamento della somma quando tale assegno viene presentato, la data e il luogo di emissione, il nome del beneficiario la scritta "al portatore" non potrà essere accettata, inoltre, cosa importante per terminare servirà la sottoscrizione della banca emittente. La banca dovrà eseguire il pagamento a favore del beneficiario se quest'ultimo porterà alla cassa l'assegno circolare in questione entro trenta giorni dalla data in cui è stato creato.

34

Dopo essere stati messi a conoscenza del contenuto necessario dell'assegno si dovrà disporre l'emissione dell'assegno circolare recandosi presso un istituto bancario, al richiedente verrà infatti rilasciato un titolo, che successivamente dovrà trasferire al proprio fornitore. Il mittente dovrà dare una comunicazione in forma scritta al destinatario, il passo successivo sarà quindi scrivere la comunicazione. Sulla comunicazione dovranno essere riportati i dati del mittente e i dati del destinatario, una volta scritti i dati si dovrà motivare la comunicazione appena scritta, in questo caso la motivazione sarà l'emissione di un assegno circolare. Un altra nota importante è specificare sulla comunicazione la fattura relativa al saldo indicando il suo numero e la data.

Continua la lettura
44

Il passo finale consiste nel firmare la comunicazione, a quest 'ultima si allegherà l'assegno circolare, verranno entrambi immessi in una busta chiusa, per finire si deve inviare tale busta chiusa al creditore, questo metodo risulta il più efficace per quanto riguarda la sicurezza dei documenti da inviare; con documenti importanti si può ad esempio prendere in considerazione un titolo di pagamento quale l'assegno circolare. Spero che la guida vi sia stata di aiuto e che possiate svolgere le vostre mansioni correttamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Rimediare In Caso Di Emissione Di Scontrino Errato

Lavorando a contatto con un registratore di cassa, può capitare di digitare erroneamente un importo diverso da quello reale. Per evitare che questa svista possa comportare delle ripercussioni negative, è necessario intervenire per annullare l'errore....
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'emissione di una ricevuta bancaria

È una valida alternativa di incasso, più snella e meno onerosa della classica cambiale. Si tratta di un documento, che accerta l'avvenuta riscossione di un debito, mediante la banca dove viene domiciliata. La ricevuta bancaria, nel linguaggio tecnico...
Aziende e Imprese

Come comunicare la correzione di un dato di fatturazione

Durante l'emissione delle fatture potrebbe accadere, che per un errore di stampa o di distrazione venga immesso un dato errato. Questo può riguardare la data, l'IVA, l'importo imponibile, i dati del cliente. Ma come rimediare a tale errore? Innanzitutto,...
Aziende e Imprese

Come comunicare la sostenibilità di impresa e gli investimenti ambientali

Comunicare sostenibilità non è più un segreto in Italia. Ci sono sempre più aziende ed imprese che intraprendono progetti eco-sostenibili e investimenti ambientali. Chi si assume questo impegno a breve termine può soddisfare i bisogni individuali....
Aziende e Imprese

5 modi per comunicare tra colleghi

A tutti è capitato di ritrovarsi a parlare con i colleghi e non sapere come fare per rompere il ghiaccio o per sentirsi sicuri di sé. In questa lista vi elencheremo 5 modi per comunicare tra colleghi in maniera semplice e diretta, facendo in modo di...
Aziende e Imprese

Come comunicare il valore dell'impresa

Vitale, per un’impresa, è riuscire a comunicare il proprio valore a una varietà di interlocutori talmente ampia che è necessario pianificare una strategia integrata che unisca le risorse e le strategia più adeguate per ottimizzare gli sforzi ed...
Aziende e Imprese

Come Comunicare al creditore la revoca del RID

Con il termine RID si intende l'autorizzazione che il debitore concede alla propria banca affinché possa addebitare sul suo conto degli importi da parte di un creditore. In questo modo, le somme verranno direttamente addebitate nel conto corrente della...
Aziende e Imprese

La dilazione nel pagamento: gli assegni postdatati

A molti sarà spesso capitato di chiedersi se gli assegni postdatati siano legali oppure no. In teoria sembrano essere realmente illegali poiché sono simili ad una cambiale e istituiscono di conseguenza, anche il reato di evasione dell’imposta di bollo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.