Come comunicare al datore di lavoro la gravidanza

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il mondo del lavoro può diventare un ambiente ostico specialmente per le donne, nonostante una teorica "uguaglianza" di diritti che non rispecchia la realtà: infatti è notizia di questi giorni come lo stipendio di una donna rimane più basso rispetto a quello di un collega uomo con la stessa mansione. Le regole del gioco sono sempre decise dagli uomini e tra i tanti aspetti ancora penalizzati vi è quello della maternità, che spinge molte lavoratrici a temere il momento in cui dovranno comunicare al proprio datore di lavoro la gravidanza. Vediamo insieme qualche consiglio utile per affrontare il tema con il capo, senza subire penalizzazioni.

27

Occorrente

  • Sicurezza di sé e consapevolezza dei propri diritti di lavoratrice e madre.
37

Sarà capitato a molte di voi di affrontare un colloquio di lavoro e arrivare al momento della fatidica domanda: Lei ha intenzione di avere figli? Ebbene sì: molti datori di lavoro considerano problematica la prospettiva della gravidanza per le proprie dipendenti, portandoli a considerare gli uomini potenzialmente più produttivi e affidabili. Ma nel caso in cui doveste scoprire di essere incinta non temete: esistono tutele legali, tra le quali l'assenza d'obbligo di comunicare al capo il vostro stato interessante, subito dopo esserne venute a conoscenza.

47

La legge vi permette di attendere il settimo mese prima di inviare qualsiasi comunicazione, per poi presentare tutti i documenti per l'avvio delle pratiche di congedo per maternità. Siate chiare col vostro superiore sulle vostre intenzioni: specificate che non avete intenzione né di venire meno ai vostri impegni lavorativi, né di ottenere ferie aggiuntive oltre quelle previste per legge. Se il vostro impiego vi costringe a lunghe sessioni senza pause, a mantenere la stazione eretta per molte ore consecutive o a un impegno fisicamente più stressante, potete chiedere un temporaneo cambio di ruolo.

Continua la lettura
57

Per tutte quelle mansioni "a rischio", la legge prevede che durante tutti i nove mesi le lavoratrici in attesa di un figlio non potranno essere esposte a lavori pericolosi, al trasporto e spostamento di carichi pesanti e a ruoli particolarmente debilitanti. Se la vostra azienda lo prevede, dopo il parto e successivo rientro a lavoro potrete modificare il contratto per andare incontro alle esigenze di madre. In caso contrario rimarcate con convinzione l'intenzione di tornare pienamente operative senza che la maternità pregiudichi la vostra produttività in azienda.

67

Non tutti i datori di lavoro sono ben disposti ad accettare l'eventualità di gravidanze nel personale, cosa che risulta discriminatoria per la donna, ma non regolamentata da norme specifiche. Siate comunque sicure di voi e risolute nel ribadire la vostra assoluta serietà e professionalità con il vostro superiore.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se possibile, fate consultare il vostro contratto di lavoro da un avvocato per utili consigli su come agire.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come agire in caso di contributi non versati da parte del datore di lavoro

In questo articolo abbiamo pensato di affrontare un problema che purtroppo, molto spesso, affligge molti lavoratori. Vogliamo parlare di come poter agire nel caso in cui abbiamo dei contributi, che non vengono versati, da parte del nostro datore di lavoro....
Lavoro e Carriera

Cosa fare se il datore di lavoro non paga

Può accadere di avere dei seri problemi con il proprio datore di lavoro. I problemi con cui si può venire in contatto sono veramente tanti e possono succedere ogni giorno, in particolar modo in questo periodo di profonda crisi economica. Nello specifico,...
Lavoro e Carriera

Come relazionarsi Con il Datore Di Lavoro

Il lavoro è sicuramente un qualcosa di fondamentale importanza. In numerose sono infatti le professioni che possiamo svolgere e che vanno per esempio dall'operaio in fabbrica e dal cuoco, fino ad arrivare a liberi professionisti quali per esempio dentisti...
Lavoro e Carriera

Come chiedere una referenza al nostro ex datore di lavoro

La lettera di referenze è un documento molto importante, ma viene spesso sottovalutato. Questo strumento, viene poco utilizzato in Italia, ma ha un ruolo fondamentale nel processo che porta all'assunzione di un lavoratore. Quando si è alla ricerca di...
Lavoro e Carriera

Come impostare una lettera al datore di lavoro

Nei rapporti interpersonali con amici, parenti e famigliari è normale usare un linguaggio informale. Con chi ci è caro e vicino utilizziamo termini e forme leggere, confidenziali. Questo è perfetto in contesti informali e rilassanti, con persone che...
Lavoro e Carriera

Come avere un buon rapporto con il proprio datore di lavoro

Il rapporto con il proprio datore di lavoro è un rapporto di tipo gerarchico, non sempre fondato sulla condivisione di interessi. Conflitti, tensioni e incomprensioni sono possibili e frequenti, ma ciò non toglie che queste situazioni problematiche...
Lavoro e Carriera

Come contattare via e-mail un possibile datore di lavoro senza errori

Questa guida offre consigli su come contattare senza errori un possibile datore di lavoro utilizzando un'e-mail. L'approccio iniziale può avvenire con due modalità: la risposta ad un annuncio (su riviste, siti web, portali specifici, etc.) o l'auto-candidatura....
Lavoro e Carriera

Come comunicare la malattia all'INPS

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) è un ente pubblico che si occupa dei lavoratori dipendenti/autonomi nel territorio italiano e dei pensionati. Con riferimento agli occupati del settore pubblico/privato, chi si ammala viene obbligato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.