Come Comunicare al creditore la revoca del RID

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Con il termine RID si intende l'autorizzazione che il debitore concede alla propria banca affinché possa addebitare sul suo conto degli importi da parte di un creditore. In questo modo, le somme verranno direttamente addebitate nel conto corrente della persona debitrice. Per far comprendere meglio, facciamo un esempio prendendo in considerazione le bolletta del telefono. Il debitore in questo caso è l'utente che usufruisce del telefono, esso quindi decide come forma di pagamento il RID; la compagnia telefonica (creditore) potrà quindi addebitare direttamente la somma mensile nel conto corrente dell'utente in questione. Nella seguente guida vi sarà spiegato come comunicare al creditore la revoca del RID.

26

Occorrente

  • Conto corrente
36

Diciamo pure che questa forma di pagamento attualmente è una delle più utilizzate, in quanto il debitore non è obbligato a recarsi negli uffici bancari o postali mensilmente per provvedere al pagamento della bolletta ed inoltre non dovrà sostenere alcuna spesa, discorso differente se parliamo dei bonifici bancari o dei bollettini citati in precedenza. Ci sono varie motivazioni per cui il debitore chiede la revoca del RID, una delle più probabili per esempio è la disdetta del contratto con la società. Ad ogni modo l'intenzione di revocare del RID dev'essere data con anticipo al proprio creditore. Il debitore dovrà compilare un documento come quello che vi riporto a questo link.

46

Nel documento in questione egli dovrà trascrivere tutti i suoi dati, nello specifico, quelli della sua residenza nonché dell'azienda (compresa partita IVA) se si tratta di un RID tra società e fornitore. Sempre se non si tratta di un privato, il debitore dovrà specificare anche la sua posizione all'interno dell'azienda per la quale si richiede la revoca (ad esempio titolare, legale rappresentante). Questa comunicazione sarà utili per dare conferma dell'esplicita revoca della domiciliazione, (postale o bancaria), a seconda di dove si dispone il proprio conto corrente.

Continua la lettura
56

Il documento di richiesta di revoca RID dovrà ovviamente spiegare esplicitamente anche le motivazioni per le quali si richiede tale revoca. La chiusura del conto corrente sul quale vengono effettuati gli addebiti potrebbe essere un esempio. Una volta compilato il documento in tutte le sue parti, esso dovrà essere spedito tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al proprio creditore, ed attendere successivamente la revoca del RID in questione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Questa comunicazione sarà utili per dare conferma dell'esplicita revoca della domiciliazione, (postale o bancaria), a seconda di dove si dispone il proprio conto corrente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

5 modi per comunicare tra colleghi

A tutti è capitato di ritrovarsi a parlare con i colleghi e non sapere come fare per rompere il ghiaccio o per sentirsi sicuri di sé. In questa lista vi elencheremo 5 modi per comunicare tra colleghi in maniera semplice e diretta, facendo in modo di...
Aziende e Imprese

Come Comunicare l' emissione di un assegno circolare

Il primo punto da chiarire riguarda il termine assegno circolare, esso è un titolo di credito ed un metodo per effettuare pagamenti molto utilizzato, viene erogato un pagamento a partire da somme che sono già presenti nella banca alla quale si richiede...
Aziende e Imprese

Come comunicare il valore dell'impresa

Vitale, per un’impresa, è riuscire a comunicare il proprio valore a una varietà di interlocutori talmente ampia che è necessario pianificare una strategia integrata che unisca le risorse e le strategia più adeguate per ottimizzare gli sforzi ed...
Aziende e Imprese

Come comunicare la correzione di un dato di fatturazione

Durante l'emissione delle fatture potrebbe accadere, che per un errore di stampa o di distrazione venga immesso un dato errato. Questo può riguardare la data, l'IVA, l'importo imponibile, i dati del cliente. Ma come rimediare a tale errore? Innanzitutto,...
Aziende e Imprese

Come Richiedere l'ammissione al passivo fallimentare

Il fallimento di un'azienda scatta nel momento in cui si verifica la morosità dell'imprenditore, il quale è responsabile di un inadempimento delle sue obbligazioni. Secondo la legge fallimentare, vi sono altri indicatori di insolvibilità. Tra questi...
Aziende e Imprese

Come si quietanza una fattura

Quando un soggetto riceve una prestazione da un altro soggetto è obbligatorio per legge emettere una fattura, per provarne l'effettivo adempimento. In questo caso si parla di quietanza. Tale documento contabile deve essere emesso in modo contestuale...
Aziende e Imprese

Come Richiedere il pagamento anticipato di una fattura

Molte volte capita sia ai fornitori che ai negozianti di emettere una fattura e che questa non venga pagata entro la scadenza stabilita. Questa inottemperanza può generare non pochi problemi, soprattutto per quelle piccole aziende o quei privati che...
Aziende e Imprese

Come Procedere alla messa in mora di un debitore

Quando un'azienda emette una fattura nei confronti di un cliente, essa si aspetta che quest'ultima proceda al più presto al pagamento di quanto dovuto. Quando questo non succede allora il creditore deve agire affinché egli riesca a recuperare il proprio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.