Come comprendere gli altri attraverso i loro gesti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Quando però interagite con qualcuno entrano in azione due processi molto importanti: la comunicazione verbale, ovvero i contenuti e le parole dette e la comunicazione non verbale in cui rientrano gesti, posture, distanza interpersonale, colore e tono della voce e addirittura le espressioni facciali. La differenza tra questi due processi è che mentre il primo si può cercare in qualche modo di controllare, il secondo è molto più difficile da gestire. Ecco come comprendere gli altri attraverso iloro gesti.

26

Occorrente

  • spirito di osservazione
36

Nella comunicazione non verbale ci sono segnali che possono essere intenzionali e altri più naturali e involontari che sfuggono al controllo. Solitamente tanto più un segnale è vicino al volto più si può controllare mentre più si allontana maggiore sarà la possibilità che questo sia ingestibile volontariamente. Dovete sapere, infatti, che mani e gambe per esempio, sono le parti del corpo che sono meno controllabili ed essi possono quindi svelare molto sulla personalità e gli stati d'animo della gente: chi prende in mano oggetti posti su un tavolo allontanandoli da sé svela un atteggiamento di rifiuto nei confronti degli argomenti o del comportamento della persona con cui sta parlando.

46

Bisogna quindi osservare e cogliere i segnali. Già dalla stretta di mano, potete capire molte caratteristiche del vostro interlocutore; infatti una stretta di mano breve ma salda, è indice di una persona con un carattere forte e sicuro che non avrà problemi a relazionarsi con voi.

Continua la lettura
56

Un altro elemento fondamentale sono gli occhi. Se il vostro interlocutore risponde a una vostra domanda guardando in alto a destra, molto probabilmente vi starà mentendo: gli occhi si posizionano in questo modo quando si prova a elaborare mentalmente un'immagine di concetti o cose nuove. Se invece gli occhi sono rivolti in alto a sinistra, essi delineano un tentativo di ripercorrere mentalmente un ricordo di qualcosa.

66

Quando una persona gesticola molto durate un dialogo, è sinonimo di agitazione e presenta un malessere interiore. Le persone che non si animano durante una discussione, sono sicure di loro stesse. Se una persona mentre vi parla ha il vizio di toccarvi il braccio in continuazione, vuol dire che è molto insicura e vuole essere certa che voi la stiate seguendo nel discorso. Se quando un'amica o un amica s muove in continuazione con le gambe anche quando non parla è certamente una persona molto nervosa che presenta qualcosa che la turba e inconsciamente scarica la tensione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

5 consigli per le insegnanti di sostegno

All'interno di scuole ed istituti, i bambini e i ragazzi certificati come diversamente abili sono, purtroppo, inseriti in un contesto spesso difficile da affrontare. Per seguire il loro percorso al fine di renderlo più semplice e privo di ostacoli è...
Lavoro e Carriera

Come farsi assumere dopo uno stage in azienda

Come avrete sicuramente compreso attraverso la semplice lettura del titolo di questa guida, ora andremo a occuparci di assunzioni. Nello specifico, cercheremo di offrirvi dei consigli per comprendere come farsi assumere dopo aver effettuato uno stage...
Lavoro e Carriera

Tecniche per gestire le obiezioni dei clienti

Dopo tanta fatica profusa nel contattare intere liste di potenziali clienti, finalmente abbiamo ottenuto il nostro appuntamento. Ci siamo seduti, abbiamo mostrato al nostro potenziale cliente ogni singolo prodotto nelle sue più minuziose varianti, abbiamo...
Lavoro e Carriera

5 segreti per avere successo sul lavoro

Vuoi crescere professionalmente, ma non sai come far decollare la tua carriera? Niente paura, in questo articolo vedremo i 5 segreti per avere successo sul lavoro. Ovviamente, quanto starai per leggere, non sono formule magiche, ma sono 5 preziosi consigli...
Lavoro e Carriera

Come presentare il portfolio ai potenziali clienti

Il portfolio è un documento che ormai viene richiesto dai potenziali clienti. Il portfolio infatti riguarda tutti i soggetti, come i professionisti che operano attraverso la più grande rete, cioè internet. Attraverso il portfolio vengono analizzate...
Lavoro e Carriera

Come diventare birraio artigianale

La birra è un prodotto molto amato e impiegato sempre più spesso durante i pasti, essendo un'ottima scelta da abbinare a diverse tipologie di pasti e di situazioni conviviali. Il grande apprezzamento per questa bevanda ha fatto si che, il mercato legato...
Lavoro e Carriera

Come scegliere il corso di laurea più adatto

Terminata la scuola media superiore (un istituto tecnico, un liceo oppure un istituto professionale) arriva il momento della grande scelta: quale corso di laurea intraprendere per realizzare uno specifico "obiettivo professionale" e quindi accedere al...
Lavoro e Carriera

Come fare una buona prima impressione

"La prima impressione è quella che conta". Questa frase, purtroppo, è tanto famosa quanto vera. In America è usanza dire che non si ha una seconda occasione per fare una buona impressione. Secondo degli studi sociali sembra, infatti, che la mente umana...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.