Come compilare una fattura per una prestazione occasionale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Alcuni individui effettuano prestazioni lavorative occasionali che non raggiungono valori di fatturazioni elevati, tanto da obbligare all'apertura della partita IVA, in questi casi generalmente si ricorre alla fattura per prestazione occasionale la quale, prevede comunque, una ritenuta fiscale del 20%. Ma vediamo come compilare, esattamente, una fattura per prestazione occasionale.

26

Occorrente

  • Foglio di carta - dati fiscali prestatore d'opera e committente - marca da bollo
36

La ritenuta d'acconto

Generalmente, non possedendo una posizione lavorativa aperta, il datore di lavoro, o colui che comunque ci incarica di effettuare un servizio o un lavoro, dovrà versare la ritenuta d'acconto. Essendo prestatori d'opera occasionali, non dovrete versare nulla all'INPS (ente di previdenza sociale). Nella fattura andranno specificati i dati anagrafici, il codice fiscale, il domicilio del soggetto che emette fattura, l'importo pattuito e versato per la prestazione lavorativa effettuata. Nella fattura andrà dichiarato di non aver superato la soglia massima consentita per legge (generalmente 5.000 euro), andranno inseriti tutti i dati relativi del committente. Un altro dato importante che andrà inserito nella fattura per prestazione occasionale è quello che esplica la tipologia di lavoro svolto e la relativa durata dello stesso. Tale ricevuta andrà corredata di marca da bollo specifica da 1,81 euro.

46

Fatturazione annua

Un altro tipo di fatturazione per una prestazione occasionale e quello di non superare il regime delle fasce specifiche di fatturazione annua. Per rientrare appunto nel regime di prestatore d'opera occasionale è importante non superare delle fasce specifiche di fatturazione annua, relativa e proporzionale al tipo di attività svolta, ad esempio per attività sportiva la cifra in cui si deve rientrare, non deve superare i 7.000 euro, mentre per altri tipi di attività, tale cifra è ridotta a 5.000 euro annui.

Continua la lettura
56

Compilazione dei dati

Dopo aver effettuato la descrizione dell'oggetto della prestazione ed il periodo relativo andrà indicato il calcolo relativo all'imponibile della somma da percepire, il 20 % di ritenuta d'acconto relativa, come già accennato ed infine, il netto da pagare, (ossia la cifra che riceveremo per la nostra prestazione lavorativa). La compilazione di tutti i dati relativi di cui sopra, andrà effettuata su foglio di carta semplice, come quella comunemente usata per le fotocopie. La fattura per prestazione d'opera occasionale andrà stampata in duplice copia e firmata sia dal prestatore d'opera, che dal committente relativo. Ricordate di apporre la data e il luogo di fatturazione (es. Roma 20 Maggio 2013).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come compilare la ricevuta per prestazione di lavoro occasionale

La prestazione di lavoro occasionale è una tipologia che si differenzia dal lavoro autonomo e da quello dipendente per una serie di caratteristiche definite dalla legge. Altre peculiarità del lavoro occasionale si rinvengono nel periodo di tempo impiegato...
Lavoro e Carriera

Prestazioni occasionali: quali sono i limiti da rispettare

Con il termine prestazione occasionale si definisce una prestazione lavorativa non continuativa, cioè non prolungata nel tempo ma che può invece ripetersi occasionalmente a intervalli di tempo più o meno regolari o essere limitata ad una singola volta....
Lavoro e Carriera

Come funziona il Lavoro Occasionale Accessorio

Lavorare è un diritto di tutti, ma spesso trovare lavoro in Italia è veramente difficile. Nascono in questo modo delle categorie di lavoro che permettono anche ai meno agiati di poter lavorare, avendo un discreto guadagno, però non è poi così semplice...
Finanza Personale

Come mettersi in regola senza aprire la partita IVA

Da qualche anno a questa arte, la prestazione occasionale è diventata estremamente richiesta ed esercitata da moltissime persone, molte delle quali la effettuano come secondo lavoro per arrotondare il proprio stipendio. Per prestazione occasionale si...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare la posizione del collaboratore occasionale che supera il reddito ai fini inps

Se durante l'anno solare un lavoratore che ha un contratto a collaborazione occasionale supera il limite superiore pari a 5.000 € (previsto dalla legge per questa tipologia di reddito), sarà necessario adeguare la posizione anche ai fini INPS (Istituto...
Lavoro e Carriera

Come compilare e ordinare correttamente una fattura

Per il popolo della Partita Iva l'emissione della fattura si rileva un obbligo finalizzato all'ottenimento del pagamento della vendita di merci o della prestazione di servizi. Si tratta di una documentazione che deve corrispondere a precisi canoni. Non...
Aziende e Imprese

Regime dei minimi: come fatturare a un cliente estero

Il regime fiscale, che consente ad una ben precisa categoria di persone di diminuire le spese amministrative in modo molto vantaggioso, è il cosiddetto regime dei minimi. Interessa in maggior modo le imprese individuali e quelle professionali. In questa...
Finanza Personale

Come redigere un contratto di collaborazione occasionale

Come vedremo nel corso di questa guida, un contratto di collaborazione occasionale è un accordo che presuppone l'instaurazione di un rapporto tra il committente e il collaboratore, stante nel dovere a capo del collaboratore di adempiere ad una certa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.