Come compilare un F24 per pagare l'IMU in 3 rate

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Cominciamo col dire cos'è l'IMU. L'Imposta Municipale Unica (IMU) in un certo senso ha sostituito l'ICI, l'Irpef e le addizionali comunali e regionali che, venivano calcolate sui redditi fondiari. Questa Imposta dovrà essere pagata dai proprietari d'immobili o dai titolari di usufrutto. Attualmente, con la Legge di Stabilità 2014 l'IMU è stata abolita solo sulla prima casa, con delle riserve naturalmente. Tuttavia deve essere pagata annualmente e, per farlo si possono intraprendere diversi tipi di pagamento. È possibile anche dilazionarlo, al fine di non versare l'intero ammontare dell'importo in un'unica soluzione, ma versarlo in due oppure tre rate annuali. Vediamo insieme come si può compilare un F24 per pagare l'IMU in 3 rate.

27

Occorrente

  • Modulo F24
37

Il modello F24 è composto da varie sezioni e parti. Ognuna va compilata in base ai diversi pagamenti che si devono effettuare. Per effettuare il pagamento relativo all'IMU, dopo aver compilato in ogni sua parte la zona relativa ai dati personali del contribuente, ci si può spostare nella sezione dedicata all'IMU e agli altri contributi locali.

47

Innanzitutto, si deve indicare l'identificativo dell'operazione. Successivamente si può cominciare a compilare tutto il resto, in modo da non dimenticare il dettaglio principale. Si deve inserire il codice ente o codice comunale che in sintesi sarebbe il codice catastale del comune sul cui territorio si trova l'immobile. Se si effettua il pagamento in un'unica soluzione, si deve barrare la casella "Saldo". In caso di rate, si deve barrare in primis la casella "Acc." Nell'ipotesi del versamento in tre rate, si tratta di due acconti e del saldo finale. Il primo acconto deve essere versato a giugno e si tratta del 33% dell'imposta calcolata con l'aliquota di base e la detrazione. Si deve barrare la casella "Acc." e nel campo "Rateazione/mese" si deve indicare il codice 0102 che indica la prima rata.

Continua la lettura
57

Nel secondo versamento, che si effettuerà entro il mese di settembre, si deve barrare sempre la casella "Acc." e successivamente si deve indicare il codice 0202 ad indicare che si tratta della seconda rata. Infine, per il terzo versamento, si deve selezionare la casella "saldo" ad indicare che il pagamento è stato concluso. In questo caso si deve indicare il codice 0101 nel campo "Rateazione/mese". L'opzione delle tre rate si rivela molto utile soprattutto per quelle persone che hanno difficoltà nel disporre dell'intera cifra in un unico momento. Quando si compila il modello F24, è bene fare molta attenzione per non commettere errori. Essi potrebbero portare l'autorità competente a non ricevere il pagamento ed essere oggetto così di una multa e di una maggiorazione. Seguendo questa guida e facendo attenzione, non si avranno problemi di alcun genere.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23 per pagare l'imposta di registro per affitto fondi rustici

Il modello F23 viene messo a disposizione dei contribuenti dall'Agenzia delle Entrate, ed è necessario per identificare e permettere il pagamento di tasse, sanzioni e per espletare numerose funzioni legate alla locazione immobiliare. Come la registrazione,...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F24 per la Tari

Attualmente, per pagare la Tari, la tassa rifiuti istituita dall'articolo 1, l'Agenzia delle entrate ha emesso una ridenominazione dei codici tributo usati prima per la Tares. Sono molte le domande che si compongono i cittadini riguardo questa tassa:...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F24 ordinario

È possibile utilizzare il modello per il pagamento delle imposte sui redditi, sull'Iva, sull'Irap; sull' addizionale regionale o comunale all’Irpef; sull'imu, TASI, TARI, INAIL, ENPALS, INPDAI, sui contributi inps e i premi annessi, sulle ritenute...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello esenzione IMU

L'IMU è l'imposta che ha sostituito l'ICI, od imposta comunale sugli immobili, a partire dall'anno 2012. Sono tenuti al pagamento dell' IMU tutti i proprietari di immobili o terreni, con la sola esclusione dell'abitazione principale o prima casa. Questa...
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo F23

Il modulo F23 è uno strumento messo a disposizione del contribuente da parte dell'Agenzia delle Entrate per poter pagare diversi tipi di tasse, tributi e sanzioni. È attualmente il modulo di pagamento più diffuso e usato, insieme al modello F24, per...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23

Il modello F23 è un modulo che va usato ogni qual volta si deve procedere al pagamento di imposte, tasse, multe, ingiunzioni di pagamento o simili. Possiamo pagare le imposte in un qualsiasi ufficio postale o banca. Se non avete la possibilità di farvi...
Richieste e Moduli

Come compilare F35 per Equitalia

Tutti i cittadini che intendono aderire alla sanatoria sulle cartelle di Equitalia, prevista dalla Legge di Stabilità devono utilizzare il bollettino F35. Vediamo in questa guida come bisogna fare per compilare questo modulo da mandare all' ufficio che...
Richieste e Moduli

Come fare il ravvedimento per errata indicazione importo su Modello F24

Il modello F24 è un modulo, ovvero un documento in parte già compilato con il quale si possono pagare diverse tasse. Tempo fa infatti, per ogni tassa c'era un modello specifico, ora esiste un modello unico che è appunto il modello F24. Quindi, da questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.