Come compilare un F24 per pagare l'IMU in 3 rate

Di: E. T.
Tramite: O2O 10/03/2020
Difficoltà: media
19
Introduzione

Cominciamo col dire cos'è l'IMU. L'Imposta Municipale Unica (IMU) in un certo senso ha sostituito l'ICI, l'Irpef e le addizionali comunali e regionali, che venivano calcolate sui redditi fondiari. Questa Imposta dovrà essere pagata dai proprietari d'immobili o dai titolari di usufrutto. Attualmente, con la Legge di Stabilità 2014 l'IMU è stata abolita solo sulla prima casa, con delle riserve naturalmente. Tuttavia deve essere pagata annualmente e, per farlo, si possono intraprendere diversi tipi di pagamento. È possibile anche dilazionarlo, al fine di non versare l'intero ammontare dell'importo in un'unica soluzione, ma versarlo in due oppure tre rate annuali. Attraverso questa guida ci concentreremo sul versamento in 3 rate. Vediamo insieme allora come si può compilare un F24 per pagare l'IMU in 3 rate. Esistono inoltre dei servizi online che permettono la compilazione in modo molto semplice del modello F24.

29
Occorrente
  • Modulo F24
39

Sezione contribuente

Il modello F24 è composto da varie sezioni e parti. Ognuna va compilata in base ai diversi pagamenti che si devono effettuare. Tenete presente però che l'ultima parte in fondo, va compilata da parte dell'operatore postale o bancario, a seconda di dove ci si reca per fare il versamento. Per prima cosa, bisogna compilare la sezione del contribuente. Come potrete immaginare, in questa sezione vanno immessi i nostri dati anagrafici, comprensivi del nostro sesso, il codice fiscale ed il domicilio fiscale. Nel caso si stia compilando per conto terzi, bisogna indicare anche il codice fiscale della persona per la quale si sta facendo il versamento, nella opportuna sezione. Completata questa fase, possiamo passare alla fase successiva.

49

Sezione IMU e altri contributi locali

Come vedrete, ora sono presenti molteplici campi. Quello che interessa a noi, in questo caso, è solamente la sezione "IMU e altri contributi locali". Quindi evitiamo la compilazione degli altri campi e focalizziamoci su questo. Per prima cosa, bisogna inserire il corretto codice ente o comune. Ogni comune ha un suo codice, ed è necessario saperlo in base alla collocazione dell'immobile. Successivamente ci si trova davanti quattro caselline da barrare. Nel nostro caso, se si tratta della prima o seconda rata, andrà barrata la casella "Acc.", mentre nel caso della terza rata dovremo barrare "saldo". Quindi indichiamo il numero di immobili, ed il codice tributo che dobbiamo versare. Qui il codice cambia a seconda si tratti di terreni, fabbricati od altro.

Continua la lettura
59

Prima o seconda rata

Ora, la compilazione cambia leggermente nel caso di prima o seconda rata. Nel caso della prima rata, come "rateazione/mese di riferimento", dovremo indicare la dicitura "0102". Nel caso di seconda rata, il codice da indicare è invece "0202". Ricordiamo che la prima rata va versata entro il mese di giugno, e consiste nel 33% di quanto dobbiamo pagare in totale, calcolato con l'aliquota di base più la detrazione. Stessa cosa per la seconda rata, che però come termine ultimo vede il mese di settembre.

69

Terza rata

La terza rata, ovvero l'ultima, è ancora diversa dalle due. In questo caso, infatti, non avrà più barrata la casella "acc.", ma si dovrà procedere a barrare la casella "saldo", trattandosi della chiusura del pagamento. Altra cosa che cambierà, sarà il codice da inserire nella sezione "rateazione/mese di riferimento", che ora sarà il codice "0101". Nel caso aveste pagato in un'unica rata, avreste dovuto immettere sempre il medesimo codice, ma le caselle da barrare sarebbero state sia la casella "acc." sia la casella "saldo". Ora non ci resta che finire di compilare la sezione relativa al saldo, e reinserirla uguale nell'ultima casella in basso relativa al saldo. Siamo quindi pronti per poter pagare l'IMU.

79

Attenzione nella compilazione

L'opzione di rateizzazione si rivela molto utile soprattutto per quelle persone che hanno difficoltà nel disporre dell'intera cifra in un unico momento. Prestate tuttavia sempre molta attenzione nella compilazione del modello F24. Nel caso non sia stato compilato correttamente, il vostro pagamento potrebbe venire rifiutato, e, nel caso di mancato pagamento, potreste pagare delle sanzioni ulteriori. Queste si verificano mediante una maggiorazione dell'aliquota da versare. In particolare, segnatevi da qualche parte la necessità di dover effettuare i vari pagamenti, infatti in questi casi è più facile scordarsi di effettuare un versamento e quindi risultare morosi.

89
Guarda il video
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23 per pagare l'Imposta registro trasferimento terreni

Il modello F23 serve per pagare delle sanzioni ma anche per l'imposta di registro relativa al trasferimento di terreni, e si deve compilare in tutti i suoi campi senza omettere quelli definiti obbligatori. Tuttavia l'operazione potrebbe non risultare...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23 per pagare l'imposta di registro per affitto fondi rustici

Il modulo fiscale F23 viene utilizzato per pagare determinati tipi di tasse, commissioni e penali, come previsto dal sistema fiscale italiano. Più specificamente, il modello F23 viene utilizzato per pagare alcune imposte, come le tasse di registrazione,...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F24 per la Tari

A differenza di quanto qualcuno possa ritenere erroneamente, la Tari non rappresenta una nuova tassa da pagare. La Tari nient'altro è se non la tassa sui rifiuti che è sempre stata presente ma che, dal 2014, è stata rimodulata, tanto da chiamarsi così...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F24 ordinario

È possibile utilizzare il modello per il pagamento delle imposte sui redditi, sull'Iva, sull'Irap; sull' addizionale regionale o comunale all’Irpef; sull'imu, TASI, TARI, INAIL, ENPALS, INPDAI, sui contributi inps e i premi annessi, sulle ritenute...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello esenzione IMU

L'IMU, imposta municipale propria, è la tassa che ha sostituito l'ICI, imposta comunale sugli immobili, a partire dall'anno 2012. Si tratta di un tributo che viene richiesto sulla componente immobiliare del patrimonio.Tutti i proprietari di immobili,...
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo F23

Il modulo F23 è uno strumento messo a disposizione del contribuente da parte dell'Agenzia delle Entrate per poter pagare diversi tipi di tasse, tributi e sanzioni amministrative. È attualmente il modulo di pagamento più diffuso e usato, insieme al...
Richieste e Moduli

Come compilare il modello F23

Il modello F23 è un modulo che va usato ogni qual volta si deve procedere al pagamento di imposte, tasse, multe, ingiunzioni di pagamento o simili. Possiamo pagare le imposte in un qualsiasi ufficio postale o banca. Se non avete la possibilità di farvi...
Richieste e Moduli

Come compilare F35 per Equitalia

Tutti i cittadini che intendono aderire alla sanatoria sulle cartelle di Equitalia, prevista dalla Legge di Stabilità devono utilizzare il bollettino F35. Vediamo in questa guida come bisogna fare per compilare questo modulo da mandare all' ufficio che...