Come compilare un assegno

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Compilare un assegno bancario è un gesto ormai entrato nella quotidianità moderna. Eppure, soprattutto per chi si trova a doverne compilare uno per la prima volta, può riservare dei dubbi. Anche se i libretti degli assegni o carnet possono variare nei colori a seconda della banca, la compilazione è comunque la stessa. Nella seguente guida, passo dopo passo, spiegheremo proprio come compilare correttamente un assegno.

26

Per scoprire come compilare correttamente un assegno, partiamo dalla scrittura dell'importo. In alto a destra troveremo l'apposito spazio per indicare la cifra, in formato numerico, che intendiamo trasferire. Non dimentichiamo che i numeri decimali in questo campo andranno separati con una virgola. Per evitare di incorrere in spiacevoli incovenienti, anteponiamo e postponiamo sempre un cancelletto alla cifra indicata. In questo modo andremo a "contenere" la cifra evitando possibili aggiunte. L'importo appena scritto in cifre, andrà poi riportato nuovamente in lettere nell'apposito spazio che troviamo nel cuore dell'assegno. Anche in questo caso un occhio di riguardo ai numeri decimali (che in questo passaggio sono separati da una barra), anche questa volta andranno scritti comunque in cifre numeriche.

36

Andiamo adesso ad occuparci dell'inserimento di tutti gli altri dati. In alto a sinistra andiamo a scrivere il luogo e la data dell'emissione del nostro assegno. Ricordiamo sempre che non è consentito emettere assegni postdatati (cioè con data posticipata rispetto a quella reale). Compilare assegni di questo tipo significa commettere reato! Al centro dell'assegno, infine, andiamo a inserire il nome del beneficiario, nella modalità in cui ci verrà indicato.

Continua la lettura
46

Proseguiamo con la nostra compilazione. Ora, in basso a sinistra, andrà inserita la nostra firma autografata. La firma dovrà essere quella depositata presso il nostro istituto di credito. Dal 30 aprile 2008 una fondamentale trasformazione nella compilazione degli assegni modifica un parametro importante. Ogni assegno infatti riporta la dicitura "Non trasferibile", ovvero l'impossibilità di essere incassato o girato ad un beneficiario diverso da quello indicato nell'assegno. L'assegno diventa così unicamente incassabile esclusivamente dal beneficiario. Ora il nostro assegno è pronto per essere consegnato al beneficiario, che dovrà a sua volta firmare l'assegno sul retro e portarlo in banca per l'incasso.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come cambiare un assegno non trasferibile

Un metodo utilizzato per poter pagare grosse somme di denaro, senza alcuna carta di credito, è sicuramente l'assegno. Questo sistema di pagamento è un foglio rilasciato dalla banca dove si ha il proprio conto corrente, e da qui vengono ritirati i soldi...
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Banche e Conti Correnti

Come versare un assegno non trasferibile

L'assegno bancario è un particolarissimo metodo di pagamento attraverso il quale chi deve effettuare il pagamento ordina alla propria banca di versare la somma prevista su tale titolo di credito. Esistono diverse tipologie di assegni ed in base a questi...
Banche e Conti Correnti

Come spedire un assegno bancario

Oggi spostarsi con particolari somme di denaro in tasca, diventa davvero rischioso e problematico. È' per questo motivo che molti preferiscono sfruttare gli assegni per i propri pagamenti. Prima di emettere un assegno però, bisogna anche essere consapevoli...
Banche e Conti Correnti

Le differenze tra assegno bancario e circolare

L'assegno è uno strumento finanziario di pagamento. Spesso si sente parlare di assegni bancari e circolari, ma probabilmente molti non ne conoscono la differenza: tecnicamente si tratta di due modi di pagamento differenti.In questa guida tenteremo di...
Finanza Personale

Come compilare e incassare un assegno

Esistono, come ben saprai, due tipi di assegni, quello denominato bancario e quello definito circolare. Quando compili un'assegno bancario o ne ricevi uno in pagamento, oppure richiedi l'emissione di un assegno circolare, ti trovi tra le tue mani due...
Banche e Conti Correnti

Tutto sull'assegno circolare e bancario

Nel caso in cui vi siano da affrontare delle spese di grosse quantità economiche il metodo più sicuro è sicuramente l'assegno. Questo è un documento fornito dalla banca in cui si è aperto il conto che consente di pagare grosse somme di denaro: così...
Finanza Personale

Come riscuotere un assegno postale

Le Poste Italiane oggi sono diventate un vero e proprio operatore finanziario, e permettono di svolgere molteplici operazioni finanziare, oltre a quelle classiche postali come invio di lettere, raccomandate e via dicendo. Alle Poste oggi è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.