Come compilare la domanda per la Dis Coll

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dall'anno 2015 c'è la possibilità di ottenere l’indennità di disoccupazione mensile (per 12 mesi) che prende il nome di Dis Coll. Si tratta di un'agevolazione a favore dei collaboratori che svolgono un rapporto continuativo o a progetto, e che abbiano perso il lavoro involontariamente. Per inviare la domanda all'Inps, è necessario seguire un iter burocratico che consiste nel compilare un apposito modulo online. In riferimento a ciò, ecco una guida per sapere come procedere.

26

Occorrente

  • Pin Inps
  • Modulo Dis-Coll
36

Disporre del Pin Inps

Per poter usufruire dell'indennità di disoccupazione denominata Dis-Coll è importante avere dei requisiti fondamentali; infatti, va sottolineato che non spetta a coloro che percepiscono una pensione, posseggono una partita IVA, ad amministratori e sindaci nonchè a svariate categorie di revisori per conto di società, associazioni oppure altri enti indipendentemente se abbiano o meno una personalità giuridica. Detto ciò, va anche precisato che l'inoltro della domanda deve avvenire per via telematica, quindi per gli interessati è necessario disporre di un Pin d'accesso al portale dell'Inps se intendono procedere in proprio, oppure rivolgersi ad un Patronato.

46

Compilare la domanda

Se per il soggetto interessato a ricevere l'indennità di disoccupazione Dis-Coll l'opzione è di inoltrare la domanda in proprio come accennato nel passo precedente, è dunque fondamentale disporre del Pin d'accesso al portale Inps. Una volta inserite le credenziali si apre la schermata principale del sito, dopodichè è necessario individuare l'omonima voce Dis-Coll. Su quest'ultima va eseguito un clic che consente di aprire un menù a tendina, in cui ci sono delle voci da spuntare a seconda della categoria di appartenenza. Una volta individuata quella specifica, è sufficiente cliccare per visualizzare il modulo di domanda. Quest'ultimo si compone di due distinte sezioni, di cui una prevede la compilazione dei dati anagrafici del richiedente e tra questi ci sono nome, cognome, codice fiscale ed indirizzo email. Per quanto riguarda invece la seconda parte è necessario inserire i dati personali del datore di lavoro e la data della cessazione del rapporto collaborativo. Una volta compilata la domanda, si può procedere come descritto nel passo successivo della guida.

Continua la lettura
56

Inviare la domanda

A margine del modello di domanda presente nel portale dell'Inps, si trova la voce "Conferma" che di fatto serve per inviarla per via telematica. Fatto ciò, il sistema genera in automatico un numero di protocollo che il richiedente può visualizzare dopo pochi secondi sul portale stesso, e di conseguenza monitorare l'andamento della pratica. Il datore di lavoro invece riceverà l'avviso tramite la sua PEC, e dovrà provvedere ad elargire quanto dovuto entro e non oltre 60 giorni dall'inoltro della richiesta.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come presentare la domanda di invalidità civile on line

Al giorno d'oggi chi ha la necessità di presentare una domanda di invalidità civile presso l'INPS, ovvero l'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, può farlo anche direttamente on line. Questa modalità è molto semplice e soprattutto comoda...
Previdenza e Pensioni

Come presentare domanda per il reddito di inclusione

Per contrastare la povertà e gli effetti della crisi economica, il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato il reddito di inclusione (REI). Questo aiuto per le famiglie italiane sarà accessibile a coloro che aderiranno a un progetto finalizzato...
Previdenza e Pensioni

Come fare la domanda di pensione anticipata

Negli ultimi anni, per merito anche dell'allungamento della vita media, anche l'età pensionabile è stata prolungata fino a 67 anni e 6 mesi. Tuttavia, a partire da gennaio 2012, tutti i lavoratori che hanno un'anzianità contributiva minima hanno diritto...
Previdenza e Pensioni

Come fare domanda di ricostituzione della pensione

Se abbiamo la necessità di chiedere all’Inps la ricostituzione della pensione, è importante sapere che anche questa operazione è possibile farla online, entrando nel portale dell’ente previdenziale. Si tratta di un lavoro semplice, che evita perdite...
Previdenza e Pensioni

Pensione anticipata: come fare domanda

APE, Acronimo di Anticipo Pensionistico, si regge in base ad una serie di valutazioni da effettuare prima della sua ricezione. Scopriamo insieme della pensione anticipata come fare domanda. In generale, il lavoratore e l'Inps devono rispettare diversi...
Previdenza e Pensioni

Come presentare domanda di rendita INAIL

La rendita Inail è una prestazione corrisposta dall’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro. Il lavoratore in seguito alle conseguenze di una malattia professionale o un infortunio sul lavoro, può riportare una riduzione della capacità...
Previdenza e Pensioni

Come compilare il modulo AP23 per i ratei pensione non riscossi

Nel nostro Paese, a causa del calo delle nascite si sta assistendo a una rapida crescita del numero dei pensionati. In questo articolo, nello specifico, vedremo compilare il modulo AP23 per i ratei pensione non riscossi. Cercheremo, quindi, di capre cosa...
Previdenza e Pensioni

Dimissioni per la pensione: come fare la richiesta

Dopo tanti anni di lavoro, finalmente arriva il periodo del termine del proprio lavori e la possibilità di andare in pensione. Le dimissioni per la pensione, possono avvenire per vecchiaia o per anzianità, e possono anche essere richieste delle dimissioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.