Come compilare il modello RLI per registrazione contratti beni immobili

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dal 19 settembre 2017 è entrato in vigore il nuovo modello RLI, ossia l'atto per la Registrazione delle Locazioni Immobiliari. Tale documento viene redatto nel momento in cui si stipula un contratto di affitto di uno o più beni immobili e deve essere regolarmente registrato presso l'Agenzia delle Entrate. Per entrare in possesso del modello RLI basta accedere al sito internet dell'Agenzia delle Entrate e scaricare il documento direttamente sul proprio pc, successivamente si potrà quindi procedere alla compilazione. Su ogni pagina, nell'apposito spazio, deve sempre essere indicato il codice fiscale del richiedente. Il modello RLI è poi diviso in 5 quadri, alcuni dei quali a loro volta sono suddivisi in diverse sezioni. Vediamo come compilare questo importante documento.

26

Occorrente

  • Modello RLI
  • Dati del conduttore
  • Dati del locatore
  • Dati dell'immobile
36

Quadro A

Il quadro A è quello relativo ai Dati Generali. Bisogna, quindi, indicare la tipologia di locazione (ad esempio a uso abitativo, a uso diverso dall'abitativo, relativo a terreni non edificabili e così via). Inoltre, è necessario specificare di che tipologia di contratto si tratta: a canone libero 4+4 anni, concordato 3 anni + 2, transitorio, per eventi eccezionali (ad esempio per calamità) o casi particolari (come le sublocazioni). Nel quadro A si trovano 3 sezioni: la prima con gli estremi del contratto, il costo della locazione e le eventuali garanzie richieste (fidejussione, garanti ecc); la seconda da compilare solo in caso di adempimenti relativi a un contratto precedentemente registrato, ad esempio per proroghe o risoluzioni; la terza, che deve contenere tutti i dati di chi richiede la registrazione.

46

Quadro B e Quadro C

I quadri successivi sono molto più sbrigativi da compilare. Il Quadro B è quello relativo ai soggetti e sono presenti solamente due sezioni: nella prima occorre inserire tutti i dati del locatore, nella seconda quelli del conduttore. Il Quadro C, invece, riguarda l'immobile pertanto è indispensabile essere in possesso di tutti i dati catastali perché dovranno essere inseriti anche la categoria e la rendita catastale.

Continua la lettura
56

Quadro D e Quadro E

Il Quadro D deve essere compilato se l'immobile viene affittato a uso abitativo e in caso di scelta oppure di revoca del regime di cedolare secca. Devono essere inseriti i nominativi di locatore e conduttore e deve essere barrata la casella relativa alla cedolare secca. Infine, il Quadro E viene compilato solo se nel Quadro A (Dati Generali) si è barrata la voce "Casi particolari", nel caso in cui per una o più annualità vengano pattuiti dei canoni di locazione differenti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare sempre il sito internet dell'Agenzia delle Entrate per avere eventuali aggiornamenti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come valutare beni immobili

I beni immobili hanno un valore immobiliare di mercato che viene determinato da: la localizzazione geografica e territoriale e lo stato di conservazione. Questo valore oscilla da una quotazione minima ad una massima al metro quadro in base a diversi fattori....
Case e Mutui

Locazione: tutto sulla registrazione del contratto

In questa guida parleremo di locazione: ecco tutto sulla registrazione del contratto. Cominciamo col dire che registrare un contratto di locazione è un obbligo dell'affittuario. Generalmente si deve provvedere alla registrazione solo se la locazione...
Case e Mutui

Come verificare la registrazione di un contratto di locazione

Il contratto di locazione è quel contratto con cui il proprietario di un immobile concede in locazione, o come comunemente si dice "in affitto", una casa, un appartamento o altro locale, al conduttore (cioè l'inquilino). I contratto di locazione affinché...
Case e Mutui

Come calcolare l’imposta di successione sugli immobili

L'imposta di successione sugli immobili, risulta essere esattamente un'imposta prevista per il trasferimento della proprietà di beni immobili, in seguito alla morte del proprietario, direttamente agli eredi, sulla base della successione legittima o secondo...
Case e Mutui

Certificazione energetica: gli immobili esenti

Dal 1 Luglio 2007, in Italia è obbligatoria la procedura conosciuta come ACE, ossia la ben nota certificazione energetica necessaria per l'attribuzione di una classe specifica di appartenenza degli edifici di nuova e vecchia costruzione, ma attualmente...
Case e Mutui

Come ottenere un'agevolazione per immobili contigui

Le agevolazioni fiscali in materia di immobili sono di vario tipo, infatti alcune riguardano l'acquisto della prima casa, altre si possono riferire ai mutui per i giovani precari, oppure a due costruzioni contigue. Per immobili contigui si intendono due...
Case e Mutui

Come calcolare la cedolare secca

La "cedolare secca sugli affitti", introdotta nel 2011, è un'imposta che sostituisce tutti i tributi attualmente dovuti sulle locazioni (articolo 3 del DLGS 23/2011). Si tratta in pratica di una facilitazione sul reddito percepito dall'affitto di un...
Case e Mutui

Come determinare il reddito degli immobili ai fini dell'imposta Irpef

Il reddito percepito da un individuo si divide essenzialmente in cinque capi per il calcolo delle imposte. Sono sicuramente necessari carta e penna, e una capacità di calcolo non troppo bassa. Se non sapete ancora come riuscire a determinare ol reddito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.