Come compilare il libro IVA acquisti

Tramite: O2O 28/10/2017
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Ogni attività commerciale che comporta l'entrata di somme di denaro deve essere contabilizzata utilizzando un apposito registro. In questo modo si ha la possibilità di fare la dichiarazione al fisco per il relativo pagamento delle tasse. Le scritture possono essere stampate sia in forma cartacea che digitale; esse sono oggetto di particolari adempimenti. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come è possibile compilare il libro IVA acquisti.

26

Annotazione dati

La prima cosa da fare è quella di annotare sul frontespizio del registro il nome della ditta, la sede, il numero di partita IVA ed il codice fiscale. Nell'ultima pagina, invece, bisogna annotare il numero delle pagine di cui è composto il registro e la data di inizio dell'attività; su di essa deve essere apposto il relativo timbro. Dopo che sono state effettuate queste operazioni si può procedere tranquillamente alla trascrizione delle fatture.

36

Annotazione fatture

Le fatture che sono emesse vanno annotate nell'ordine della numerazione e con riferimento alla data di emissione. Inoltre, per ciascuna di essa va indicato il numero progressivo, la data di emissione, le generalità del cliente, l'ammontare imponibile delle operazioni e l'IVA. Successivamente si deve mettere la data di registrazione, quella del documento, il numero progressivo, il nome della ditta fornitrice. È importante separare l'imponibile dall'IVA, distinguendola in base all'aliquota.

Continua la lettura
46

Separazione delle fatture

In seguito si devono separare le operazioni che sono esenti da IVA. Le fatture acquisti vanno registrate nei termini utili per la dichiarazione annuale dell'IVA. Se una fattura arriva dopo tale periodo la detrazione può essere spostata all'anno successivo. I termini logicamente variano in base al sistema di fatturazione che viene adottato. Ad esempio le fatture di tipo immediato vanno annotate entro quindici giorni dalla data di emissione, invece le fatture differite entro quindici del mese successivo a quello di consegna dei beni.

56

Conservazione di registri e fatture

È indispensabile sapere che le fatture acquisti ed i registri devono essere conservati per dieci anni presso la sede; ciò è importante per eventuali controlli fiscali. Dopo la fine di ogni mese oppure di ogni trimestre deve essere calcolata la somma dell'IVA sugli acquisti; essa varia in base alle diverse aliquote. L'importo rappresenta l'IVA che l'azienda ha a suo credito; essa infatti si compensa con quella a debito che risulta dal registro dei corrispettivi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • conservare fatture e registri per dieci anni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Contabilizzare Gli Acquisti In Moneta Estera

Spesso potrà capitare di doversi rivolgere a fornitori che operano in paesi esteri, per una società, e che non usano come per noi, la moneta dell'Euro. Chiaramente questo potrà comportare certi svantaggi: si dovranno considerare i tempi d'attesa abbastanza...
Aziende e Imprese

Come liquidare l'IVA: scritture di rilevazione e di versamento nei registri contabili

L'IVA è una tassa che deve essere versata allo Stato, molte volte viene direttamente trattenuta dalle buste paghe naturalmente, a prescindere se il lavoro è full-time o par-time altre volte invece, deve essere pagata a parte soprattutto se si è titolari...
Aziende e Imprese

Come procedere alla tenuta del registro IVA sulle vendite

Tra i diversi libri contabili la cui tenuta è obbligatoria per alcune tipologie di azienda troviamo il registro IVA sulle vendite, sul quale, per l'appunto, andranno annotate alcune operazioni che si svolgono nell'azienda e che sono soggette all'applicazione...
Aziende e Imprese

Come calcolare il pro-rata di detraibilità IVA

L'Iva, che è l'imposta sul valore aggiunto, è una forma di tassazione indiretta che va a colpire i trasferimenti di ricchezza prodotta da servizi e beni intermedi oppure finali. Essa è una norma di recepimento di una direttiva comunitaria. Ai fini...
Aziende e Imprese

Come scorporare l'IVA da un importo totale

Per chi ha la partita IVA, può essere sicuramente utile se non addirittura necessario, riuscire a risalire al prezzo originale di un articolo, prima dell'applicazione dell'IVA per poterlo eventualmente acquistare correttamente, secondo dei calcoli corretti....
Aziende e Imprese

Come aprire partita Iva e gestirla senza commercialista

Questa guida, offre semplici suggerimenti a chi vuole cimentarsi in una nuova attività produttiva. In alcuni casi, aprire una partita IVA, e gestirla senza oneri, è possibile evitando il commercialista, il cui costo sicuramente inciderebbero  sul fatturato....
Aziende e Imprese

Come verificare l'esistenza di una partita iva

La partita iva è rappresentata da una sequenza di 11 numeri, che identifica univocamente un soggetto o un'impresa che esercita un'attività rilevante dal punto di vista dell'imposizione fiscale indiretta. È molto importante verificare l'esistenza e...
Aziende e Imprese

Come aprire una partita IVA per giovani

Oggi per i giovani ci sono delle nuove opportunità per inserirsi nel modo del lavoro con una professione autonoma; infatti, per loro è stata istituita una Partita Iva specifica che gli consente di ottenere anche una serie di agevolazioni rispetto a...