Come compilare e incassare un assegno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
111

Introduzione

Esistono, come ben saprai, due tipi di assegni, quello denominato bancario e quello definito circolare. Quando compili un'assegno bancario o ne ricevi uno in pagamento, oppure richiedi l'emissione di un assegno circolare, ti trovi tra le tue mani due titoli di credito a vista. Con il primo titolo una persona che ha denaro disponibile presso una banca ordina alla stessa di pagare una certa somma a favore proprio o di un'altra persona. Con l'assegno circolare, invece, la banca prende l'impegno di pagare una certa cifra all'ordine di una persona indicata dal richiedente dell'assegno.
Di seguito elencherò tutto quello che devi sapere in merito a questo antico ma sempre utilizzato metodo di pagamento. Vediamo, in particolare, come compilare ed incassare un assegno.

211

L'assegno bancario è il più utilizzato. Per poter emettere un assegno è necessario che tu sia in rapporto di conto corrente con una banca o che tu abbia una somma su detto conto derivante o da precedenti depositi di denaro o da un prestito ottenuto dal'istituto bancario. Pertanto, prima di emettere il tuo assegno dovrai accertarti di disporre, in quel determinato momento, sul tuo deposito l'importo necessario per permettere alla banca di estinguere il titolo.

311

Rammenta che nell'assegno bancario figurano il traente o emittente ovvero colui che emette il titolo di credito e lo sottoscrive, dando l'ordine alla banca di pagare, il trattario ossia l'istituto di credito scelto per il pagamento ed il beneficiario, che è la persona a favore della quale è stato emesso l'assegno.

Continua la lettura
411

Ognuno di questi foglietti è composto da due parti, la madre che rappresenta un talloncino che rimane attaccato all'assegno su cui potrai, a tua discrezione, annotare l'importo dell'assegno, il nome della persona a cui è stato rilasciato, la data di emissione ed il saldo disponibile dopo la decurtazione dell'importo del titolo di credito rilasciato e la figlia ovvero l'assegno bancario vero e proprio che dovrai staccare, dalla madre, per poterlo consegnare al beneficiario che potrà decidere se riscuoterlo o trasferirlo.

511

Quando emetti un assegno fai sempre attenzione che la somma di denaro da te indicata sia presente sul conto, per evitare che sia scoperto o a vuoto. Nel primo caso potresti incorrere in un illecito amministrativo ed a dover pagare ulteriori spese e/ o interessi passivi al tuo istituto bancario per aver sconfinato dalla somma disponibile, mentre nel secondo caso potresti andare incontro a conseguenze civili e penali tra cui multe e, nei casi più gravi, anche alla reclusione fino a sei mesi.

611

Attualmente non è più molto diffusa la sbarratura, tuttavia se la vuoi utilizzare allo scopo di evitare lo smarrimento o la sottrazione del titolo, dovrai tracciare due righe trasversali sulla facciata anteriore dell'assegno bancario, In questo caso i tuo chèque potrò essere girato, il suo pagamento però potrà essere effettuato dalla banca trattaria solo ad un proprio cliente o ad un'altro istituto di credito.

711

Ti suggeriscono di non emettere assegni postadatati ossia di non apporre una data molto posteriore al giorno di emissione in quanto è considerato un titolo irregolare che la legge punisce e non ammette. Inoltre il possessore del titolo potrebbe presentarlo all'incasso in ogni momento ed il tuo conto potrebbe in quella occasione risultare scoperto. Ti faccio presente, tuttavia, che una tollerata postdatazione massima di 4 giorni è ammessa ma solo per i titoli pagati fuori piazza.

811

Se invece sei tu a doverlo riscuotere ricordati che puoi cambiarlo subito in contanti recandoti presso un'agenzia della stessa banca indicata sull'assegno, oppure puoi versarlo sul conto corrente della tuo istituto bancario, in questo caso devi attendere qualche giorno prima di trovarti l'importo come saldo sul conto valuta, la disponibilità della somma avverrà entro due-tre giorni se l'assegno è stato emesso sulla stessa piazza della tua banca, saranno invece necessari fino a 15 giorni se pagabile fuori piazza cioè in altra città.

911

Nell'assegno circolare ci sono due figure ovvero la banca o emittente ed il beneficiario o prenditore che è la persona a cui verrà consegnato l'assegno e che lo presenterà in banca per la riscossione o lo girerà ad un'altra persona. Questo titolo di credito viene detto a copertura precostituita ed è di sicuro buon fine, proprio per questo viene accettato da tutti come se fosse denaro contanti.

1011

Se sei in possesso di un assegno circolare per poterlo incassare non dovrai fare altro che presentarlo presso una qualsiasi banca insieme ad un tuo documento di riconoscimento in corso di validità per vedertelo trasformare in denaro contante senza nessuna difficoltà. Se vuoi potrai anche accreditarlo sul tuo conto corrente, in questo caso la sua valuta corrisponderà alla stessa data di presentazione in quanto valutato come denaro contanti.

1111

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non presentare un assegno postdatato: si rischiano sanzioni penali, sull'assegno si puo scrivere "non trasferibile" e così impedire che venga incassato da persona diversa dall'interessato. Se invece è sbarrato la banca non può pagarlo ad una persona ma solo a un'altra banca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Le differenze tra assegno bancario e circolare

L'assegno è uno strumento finanziario di pagamento. Spesso si sente parlare di assegni bancari e circolari, ma probabilmente molti non ne conoscono la differenza: tecnicamente si tratta di due modi di pagamento differenti.In questa guida tenteremo di...
Banche e Conti Correnti

Come versare un assegno non trasferibile

L'assegno bancario è un particolarissimo metodo di pagamento attraverso il quale chi deve effettuare il pagamento ordina alla propria banca di versare la somma prevista su tale titolo di credito. Esistono diverse tipologie di assegni ed in base a questi...
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Finanza Personale

Come riscuotere un assegno postale

Le Poste Italiane oggi sono diventate un vero e proprio operatore finanziario, e permettono di svolgere molteplici operazioni finanziare, oltre a quelle classiche postali come invio di lettere, raccomandate e via dicendo. Alle Poste oggi è possibile...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario non trasferibile

Conseguentemente ad una norma contenuta nella Legge di Stabilità il limite per pagamenti in contanti è stato fissato a 3000 €. Questa manovra è stata fatta al fine di incentivare i consumi e porre fine ad un vero e proprio "terrore" fiscale. Resta,...
Banche e Conti Correnti

Tutto sull'assegno circolare e bancario

Nel caso in cui vi siano da affrontare delle spese di grosse quantità economiche il metodo più sicuro è sicuramente l'assegno. Questo è un documento fornito dalla banca in cui si è aperto il conto che consente di pagare grosse somme di denaro: così...
Finanza Personale

Come emettere assegni circolari

Tutti prima o poi nella vita abbiamo sentito parlare di assegni circolari, in banca, ufficio, tra amici. A molti è capitato di essere interessati ma di non conoscere bene l'argomento? Sono titoli sempre piú richiesti sia da privati che dalle imprese,...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario

L'assegno bancario è un utilissimo strumento di pagamento che può essere impiegato in sostituzione del denaro contante. Ma ai fini per contrastare il fenomeno del cosiddetto "denaro sporco, nel 2007, sono state introdotte norme più stringenti in funzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.