Come compensare le cartelle esattoriali con i crediti verso la P.A.

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per compensazione delle cartelle esattoriali, si intende la possibilità di poter saldare le proprie pendenze debitorie nei confronti di una Pubblica Amministrazione, attraverso eventuali crediti commerciali vantati nei confronti di quest'ultima. Per crediti commerciali si intendono dei lavori svolti nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, ad esempio somministrazioni, forniture e altri tipi di prestazioni professionali. Per ottenere la compensazione, la condizione essenziale è che sia le imprese che i liberi professionisti vantino crediti non prescritti, liquidi ed esigibili. Vediamo ora nel dettaglio: Come compensare le cartelle esattoriali con i crediti verso la P. A.

25

Il primo passo da compiere è dunque quello di "certificare" il proprio credito accedendo alla piattaforma informatica del Ministero dell'Economia e delle Finanze. La "certificazione" costituisce il titolo rappresentativo del credito commerciale nei confronti della P. A.
A questo punto la P. A. Riceverà l'istanza di certificazione, di cui potrebbe essere anche rilevata l'inesigibilità o l'insussistenza. Nel caso in cui invece si ottenga la certificazione, quest'ultima andrà presentata all'agente di riscossione in forma cartacea o attraverso l'utilizzo del codice di controllo, fornito al momento della certificazione sulla piattaforma informatica. Verrà poi valutata la conformità della certificazione, ed in caso di esito positivo verrà rilasciata immediatamente da tale ente l'attestazione di pagamento.

35

Il creditore, ottenuta la certificazione, può attuare due comportamenti differenti:
- Attendere il pagamento della P. A. entro la data stabilita al momento della certificazione;
- Oppure, al fine di ottenere la somma nell'immediato, il creditore si potrà recare presso una banca, un intermediario finanziario abilitato o un agente di riscossione, o in ulteriore alternativa potrà compensare un proprio debito verso l'agenzia delle entrate.

Continua la lettura
45

Bisogna ricordare che i debiti che possono essere compensati devono riguardare nello specifico:
- Tributi;
-Contributi;
-Premi.
È importante sapere inoltre che l'istanza di certificazione può essere vantata nei confronti di :
- Amministrazioni centrali, locali e periferiche;
- Enti locali;
- Regioni e province autonome;
- Enti del Servizio Sanitario Nazionale (esclusi gli enti sottoposti a piani di rientro dei disavanzi sanitari);
-Camere di commercio;
-Enti pubblici nazionali;
-Altre P. A.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il credito deve essere commerciale, certo, non prescritto, liquido ed esigibile, e la certificazione può essere presentata da chiunque (società, persona fisica o impresa individuale).
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di rotazione dei crediti e dei debiti

L'analisi per indici si occupa di calcolare quozienti o rapporti tra valori e grandezze di natura diversa. Si distingue a seconda dell'aspetto della gestione che viene esaminato. L'analisi finanziaria, in particolare, va a esaminare quella che è l'attitudine...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare il fondo svalutazione crediti

La partita doppia e la contabilizzazione delle voci sono da sempre un elemento molto ostico. Per contabilizzare alcune movimentazioni è infatti richiesta una buona conoscenza di economia aziendale e magari anche qualche infarinatura di ragioneria. La...
Aziende e Imprese

Iter di approvazione di un bilancio nella S.P.A.

La s. P. A. (Società per Azioni) è, insieme alla S. R. L. (Società a responsabilità limitata) e alla S. A. S. (Società in accomandita semplice, una delle tre maggiori tipologie di società che è possibile costituire in Italia. La s. P. A. È una...
Aziende e Imprese

Le modifiche dello statuto in una S.P.A.: la procedura

Una società per azioni (s. P. A.) è un particolare società di capitali dove ogni socio partecipa con dei titoli trasferibili che prendono il nome di azioni. Il regolamento interno della società è racchiuso nello statuto che regola quindi il funzionamento...
Aziende e Imprese

Come gestire contabilmente il contratto di factoring

Un contratto di factoring è un'accordo che permette ad un'impresa di smobilizzare i propri crediti commerciali a favore di una società preposta alla riscossione e gestione degli stessi crediti, detta "factor". A quest'ultima, vengono corrisposte commissioni...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'incasso delle ricevute bancarie

Con la presente guida ti presento gli aspetti contabili connessi all'operazione di incasso crediti mediante l'utilizzo delle ricevute bancarie, uno strumento molto utilizzato nella prassi commerciale. In particolare, ti spiego come contabilizzare in ciascuna...
Aziende e Imprese

Come fare un bilancio di fine anno

Il bilancio è costituito da una serie di particolari documenti contabili prodotti periodicamente da un'impresa per verificare la situazione patrimoniale e finanziaria allo scadere del periodo amministrativo a cui si fa riferimento. Se siamo proprietari...
Aziende e Imprese

Come registrare i conti in partita doppia

La partita doppia è un metodo di scrittura contabile che viene applicata al sistema del reddito. Essa riguarda la registrazione dei fatti di gestione simultaneamente in due gruppi di conti: numerari ed economici. Un conto di natura numerica si riferisce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.