Come chiudere una partita IVA dormiente

Tramite: O2O 04/10/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Chi possiede una regolare attività commerciale detiene anche la partita IVA. Più nel dettaglio si tratta di una sequenza di cifre. Tale numero si associa come identificativo ad un soggetto che eserciti delle attività. In questo caso si tratta appunto di attività importanti ai fini dell'IVA. Una partita IVA può divenire "dormiente", o più semplicemente inattiva. In passato si prevedevano delle sanzioni per la non comunicazione di tale stato. Oggi, però, un contribuente può chiudere la partita IVA dormiente senza ammende. Ma come agire nel modo più corretto possibile? La procedura da seguire è, in realtà, molto semplice.

27

Occorrente

  • Comunicazione Unica
  • Modulo AA9/12 (persone fisiche)
  • Modulo AA7/10 (attività diverse da persone fisiche)
  • Documenti d'identità in corso di validità
  • Un PC
  • Connessione a internet
37

Acquisire i modelli giusti per la corretta prassi

L'Agenzia delle Entrate provvede a chiudere una partita IVA dormiente o inattiva da oltre 3 anni. In passato erano presenti delle sanzioni, anche salate, per la mancata comunicazione. Oggi invece, grazie alle semplificazioni governative, le partite IVA dormienti si chiudono d'ufficio. Ma il titolare di partita IVA può agire prima dello scadere dei 3 anni. Esiste naturalmente una prassi da seguire. Per attività successive al 2010, il titolare deve servirsi della Comunicazione Unica. Inoltre dovrà presentare all'Agenzia delle Entrate il modello AA9/12. È il documento relativo all'inizio attività, alla variazione dati e alla cessione attività ai fini IVA.

47

Compilare i moduli e recarsi all'Agenzia delle Entrate

Il modello AA9/12 vale per ditte individuali, per il lavoro autonomo, artisti e professionisti di vari settori. Per altro genere di attività, diverse da persone fisiche, si usa il modello AA7/10. Il titolare dovrà compilare il modulo di riferimento in ogni sua parte. Dovrà portare tutto a uno degli uffici locali dell'Agenzia delle Entrate. Non si dovranno scordare i documenti di identità. Per la chiusura di una partita IVA dormiente non si prevedono più dei costi. Tuttavia esiste una tariffa in caso di cancellazione dal Registro delle Imprese. Potremo avere più informazioni sui costi sempre presso l'ufficio dell'Agenzia.

Continua la lettura
57

Controllare lo stato della partita IVA online

Dopo l'esecuzione della prassi standard non riceveremo comunicazioni dirette sulla chiusura. Possiamo, però, controllare noi stessi lo stato della nostra partita IVA. L'Agenzia delle Entrate, infatti, mette a disposizione un servizio gratuito allo scopo. Tramite i suoi servizi telematici potremo controllare in ogni momento lo stato della procedura. Dovremo solo inserire il numero identificativo della nostra partita IVA sul sito istituzionale. Se la partita IVA risultasse ancora attiva aspettiamo qualche giorno. La chiusura effettiva richiederà un po' di giorni dalla richiesta.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'Agenzia delle Entrate fornirà tutti i consigli migliori per eseguire la prassi nel modo migliore possibile. Tuttavia chi non ha l'immediata possibilità di recarsi fisicamente in uno dei suoi uffici, può consultare la guida telematica all'indirizzo presente tra i link utili.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come funziona la cessione del credito IVA

La cessione del credito IVA è una specifica direttiva proposta dal Ministero delle Finanze, che prevede la possibilità da parte di un soggetto lavoratore di trasferire il suo credito ad un altro individuo secondo delle modalità ben precise. In genere,...
Finanza Personale

Come compilare la dichiarazione IVA

Tra gli argomenti più ostici e meno facili da capire ed interpretare c'è sicuramente quello che riguardo il sistema tributario, in merito a ciò infatti abbiamo pensato di realizzare questa guida per spiegare come compilare la dichiarazione Iva. Essa...
Finanza Personale

Come chiedere il rimborso dell´IVA a credito

Dal 2015 sono cambiati alcuni dettagli legati ai limiti, alle condizioni e ai requisiti per richiedere il rimborso del'IVA a credito. Le novità introdotte sono state moltissime, soprattutto dal punto di vista della procedura per ottenerne il rimborso....
Finanza Personale

Come Calcolare Importo della Merce senza IVA

Quando si apre un'attività commerciale, la cosa più importante da sapere è quanto si spenderà per la merce che dovrà essere poi venduta. Purtroppo l'IVA è arrivata ad una percentuale molto alta e questo fa si che i prezzi lievitino parecchi. Per...
Finanza Personale

Come scorporare l'iva

Quando si possiede una qualsiasi azienda, è necessario affrontare tante problematiche nel migliore dei modi. Esempi di problemi riguardano il fatturato insufficiente, l'assunzione di lavoratori competenti, il sostenimento di notevoli costi ed il pagamento...
Finanza Personale

Come chiudere il conto corrente arancio

Il conto corrente è un particolare strumento utilizzato dalle banche attraverso il quale un utente titolare di un conto può versare delle somme di denaro, in maniera tale che queste siano conservate dalle banche. Esistono moltissime banche che offrono...
Finanza Personale

Come Fatturare con ritenuta d'acconto

Chi offre prestazioni di lavoro occasionali, per delle competenze tecnico-pratiche che possiede, può ora fatturare con ritenuta d'acconto senza però essere costretto ad aprire una posizione i. V. A.. Infatti per chi non svolge attività a fini di lucro...
Finanza Personale

Cos'è lo spesometro

Cos'è lo spesometro? L'ufficio delle imposte ha previsto requisiti dettagliati per la nuova dichiarazione dell'IVA italiana, lo Spesometro, che fornisce un'analisi dettagliata delle operazioni IVA di circa € 3.600. Lo Spesometro, si propone per individuare...