Come chiedere un aumento al proprio capo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'ambiente di lavoro, è risaputo, non è mai molto semplice da vivere. Ciò sia per i grandi livelli di stress a cui si è sottoposti, ma soprattutto per via della difficoltà di relazionarsi al meglio con colleghi e superiori. La maggior parte dei lavoratori infatti trova molta difficoltà nell'esporre le proprie problematiche familiari e personali al proprio capo. In realtà i datori di lavoro sono spesso dalla nostra parte, e bisogna solo imparare a chiedere nel giusto modo benefit e ricompense meritate. Per tale motivo inq uesta guida affronteremo insieme come chiedere un aumento al proprio capo nel migliore dei modi.

24

Preparare un discorso

La prima cosa da fare è quello di preparare le cose da dire in anticipo, per non farsi prendere dall'emozione al momento del confronto. Il tono della richiesta non deve essere troppo pretenzioso, perché ciò potrebbe indispettire l'interlocutore, ma nemmeno troppo dimesso. Ci si deve dimostrare sicuri della richiesta che si avanza, ma pronti ad accettare un diniego. Una buona strategia consiste nel chiedere un incontro senza anticipare il motivo: sapendo che verrà rivolta la richiesta di un aumento, il capo potrebbe procrastinare l'appuntamento. Inoltre è buona norma non parlare con i colleghi delle proprie intenzioni: potrebbero nascere invidie, gelosie e maldicenze. Ciò però non significa che dovrete recitare come dei pappagalli dinanzi al vostro capo, ma è bene fare unas caletta dei punti da esporre e soprattutto della motivazioni da addurre a proprio vantaggio.

34

Vagliare bene il momento

Bisogna usare anche un po' di psicologia, e scegliere un momento in cui il datore di lavoro appare di buon umore e in cui non sia tropo indaffarato, altrimenti dedicherebbe poca attenzione alla richiesta. Potrebbe essere conveniente chiedere l'appuntamento di venerdì, in modo che abbia il fine settimana per maturare una decisione. Al momento dell'incontro, non c'è bisogno di sfoggiare una particolare eloquenza, ma è importante essere chiari, esponendo il motivo per il quale si ritiene di essere meritevoli di un aumento di stipendio. Meglio andare dritti al sodo e non usare troppi giri di parole, che potrebbero far innervosire il capo.

Continua la lettura
44

Controlli in busta paga e diniego

Quando si chiede un aumento di stipendio, ci si deve preoccupare di verificare in busta paga di non aver già ricevuto altri incentivi nei mesi precedenti, altrimenti sicuramente la richiesta non verrebbe accolta. Nel momento in cui il datore di lavoro non dovesse accettare la richiesta, non bisogna sentirsi offesi o defraudati, nè portare rancore nei confronti del capo. Se la richiesta è stata fatta correttamente, la decisione del capo potrebbe maturare in seguito, magari anche con un miglioramento generale della posizione lavorativa e dei benefit connessi alla retribuzione. In ogni caso ricordate sempre che la migliore arma a vostra disposizione è la diplomazia, cercate di adoperarla al meglio per il vostro vantaggio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare l'aumento percentuale di un valore

Ecco pronta una bella ed interessante guida, che sarà molto utile a tutti coloro i quali decideranno d'imparare come calcolare l'aumento percentuale di un valore, evitando di commettere errori e sbagli, a volte anche gravi. Iniziamo subito questa guida,...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale a Capo Verde

Capo Verde oggi è un paese che è aperto agli investimenti stranieri, in quanto gode di stabilità socio-politica ed è credibile per i governi, le aziende e le istituzioni finanziarie internazionali. Ciò è dovuto dalla sua ottima posizione geografica,...
Finanza Personale

Come chiedere il rimborso dell´IVA a credito

Dal 2015 sono cambiati alcuni dettagli legati ai limiti, alle condizioni e ai requisiti per richiedere il rimborso del'IVA a credito. Le novità introdotte sono state moltissime, soprattutto dal punto di vista della procedura per ottenerne il rimborso....
Finanza Personale

Come chiedere un prestito a tuo fratello

Non è certo facile chiedere soldi in prestito, specialmente in questo particolare periodo di crisi economica, ma sappiamo bene che purtroppo può anche accadere di avere la necessità di compiere tale passo. Avete un fratello (o ovviamente una sorella)...
Finanza Personale

Come chiedere il rimborso per un pacco arrivato in ritardo

Se spedite dei pacchi alle poste, dovrete sapere che a seconda del servizio che scegliete, esistono delle garanzie sugli stessi servizi. Un servizio tra questi è quello che chiede il rimborso relativo ad un pacco che è giunto a destinazione con ritardo,...
Finanza Personale

Come chiedere un prestito personale senza busta paga

Con l'attuale crisi economica che sta affliggendo praticamente tutto il mondo, chiedere un prestito personale per realizzare i propri sogni nel cassetto, come ad esempio comprare una casa o una bella automobile, studiare all'estero, aprire un'attività,...
Finanza Personale

Come chiedere il rimborso per ritardo attivazione linea telefonica

Qualora vi sia capitato di avere notevoli disagi per quanto riguarda l'attivazione della linea telefonica Telecom o di un altro operatore, tenete certamente presente che potete richiedere il rimborso per questa tipologia di disservizio. In questo articolo,...
Finanza Personale

Come chiedere la surroga del mutuo

In questa guida, vogliamo dare una mano a tutti coloro che sono alle prese con il famoso e pesante mutuo. Nello specifico vogliamo dare un vero aiuto, alle giovani coppie e non solo, che hanno deciso di modificare il loro mutuo, cambiando il tasso ed...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.