Come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel momento in cui si va ad emettere un assegno di pagamento, sia bancario e sia postale, c'è la necessità di assicurarsi che la somma che dovrà essere prelevata sia subito a disposizione all'interno del proprio conto corrente personale. Nella guida che avrete l'occasione di leggere nei prossimi tre passi successivi a questa breve introduzione, andremo a spiegarvi come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario. Possiamo immediatamente incominciare con le nostre valutazioni.
Se nel vostro conto corrente bancario non fosse presente la somma a copertura dell'assegno emesso, nel momento in cui il beneficiario dell'assegno si appresta a riscuoterlo, costui non potrà ricevere la somma richiesta. D'altra parte la banca segnalerà la situazione e tu ti ritroverai alle prese con un protesto presso la camera di commercio. Questa è una situazione molto imbarazzante poiché causa varie difficoltà per accedere al credito o altre procedure finanziarie in futuro e mina anche la tua credibilità come commerciante.

26

Occorrente

  • L'assegno in originale
  • Visura uso protesti della propria camera di commercio di appartenenza
  • Marca da Bollo di €70,00
  • Liberatoria dell'avvenuto pagamento dell'assegno con firma autenticata del creditore
36

La richiesta della visura

Il primo passaggio che dovrete portare a termine nel momento in cui ci fosse la necessità di cancellare un protesto di un assegno bancario o postale, sarà quella di andare alla camera di commercio della vostra provincia di residenza. È molto importante che tu porti con te una copia dei documenti d'identità e del tuo certificato di residenza storico. Alla camera di commercio dovrai richiedere una visura uso protesti. Con questa procedura otterrai un documento contenente i dati del protesto che vuoi eliminare.

46

La domanda di riabilitazione

Una volta che sarete arrivati fino a questo punto, dopo aver ottenuto la visura, per poter riuscire a cancellare un protesto dall'assegno bancario o postale, dovrete presentarvi nel tribunale civile della vostra zona d'appartenenza, prendendo informazioni sulla sezione specifica relativa ai protesti. Dovrete compilare una specifica domanda redatta per la riabilitazione dovuta all'avvenuto pagamento del titolo. Per compilare questa domanda deve essere passato almeno un anno dall'avvenuto pagamento. Allega alla tua domanda l'assegno in originale, la liberatoria firmata da entrambe le parti dell'avvenuto pagamento, con firme autenticate del notaio, copia dei propri documenti di identità, il certificato di residenza e la Visura uso protesti della camera di commercio. Infine allega una Marca da bollo del valore di €70,00.

Continua la lettura
56

L'attestato di riabilitazione

Successivamente alla presentazione della domanda di cancellazione del protesto, dovrete aspettare circa un mese. Quando sarà passato il tempo dovuto, il Tribunale in cui vi sarete recati dovrà rilasciarvi un "Attestato di Riabilitazione" che conferma l'avvenuto pagamento del Titolo. Con questo attestato dovrete nuovamente recarvi presso la camera di commercio e questa volta chiedere la cancellazione del protesto, compilando un modulo predisposto per questa procedura. La cancellazione del protesto e la riabilitazione per l'accesso al credito vi verranno comunicati entro 10 giorni circa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario

L'assegno bancario è un utilissimo strumento di pagamento che può essere impiegato in sostituzione del denaro contante. Ma ai fini per contrastare il fenomeno del cosiddetto "denaro sporco, nel 2007, sono state introdotte norme più stringenti in funzione...
Finanza Personale

Come incassare un assegno bancario

In questi ultimi anni l'utilizzo dei contanti è diminuito in modo notevole a favore di metodi di pagamento come il bancomat, la carta di credito e le carte prepagate (utilizzate soprattutto per gli acquisti in rete). Anche se introdotto da molto tempo,...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario non trasferibile

Conseguentemente ad una norma contenuta nella Legge di Stabilità il limite per pagamenti in contanti è stato fissato a 3000 €. Questa manovra è stata fatta al fine di incentivare i consumi e porre fine ad un vero e proprio "terrore" fiscale. Resta,...
Finanza Personale

Come emettere un assegno bancario

Gli assegni rappresentano uno strumento finanziario molto utile per emettere ed incassare dei pagamenti. La maggior parte delle persone lo utilizza insieme al bonifico proprio per questo scopo. Anche se essi possono variare in base all'istituto bancario...
Finanza Personale

Cosa fare in caso di assegno scoperto

L'assegno rappresenta un mezzo di pagamento largamente utilizzato al giorno d'oggi. La legge italiana determina che per ingenti somme di denaro non si può effettuare un pagamento in contanti. Come ogni cosa, ovviamente, questo metodo di pagamento presenta...
Finanza Personale

Come compilare e incassare un assegno

Esistono, come ben saprai, due tipi di assegni, quello denominato bancario e quello definito circolare. Quando compili un'assegno bancario o ne ricevi uno in pagamento, oppure richiedi l'emissione di un assegno circolare, ti trovi tra le tue mani due...
Finanza Personale

Come compilare un assegno

Compilare un assegno bancario è un gesto ormai entrato nella quotidianità moderna. Eppure, soprattutto per chi si trova a doverne compilare uno per la prima volta, può riservare dei dubbi. Anche se i libretti degli assegni o carnet possono variare...
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.