Come cambiare il proprio nome o cognome all’anagrafe

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Anche se potrebbe non sembrare una pratica affatto usuale, quella di cambiare il proprio nome o cognome all'anagrafe potrebbe rispondere ad un'esigenza non banale di un individuo che, per ragioni legate alla riservatezza o alla propria sicurezza individuale o familiare, o, ancora, semplicemente per il gusto personale, decidesse di modificare l'intestazione dei propri documenti di identità. Come avviene per ogni procedimento amministrativo, occorre attenersi alla normativa vigente, nella specie quella in materia di stato civile. Il Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, contenuto nel D. P. R. del 3 novembre 2000, n. 396, successivamente modificato dal D. P. R. Del 13 marzo 2012, n. 54, contempla proprio tale possibilità, disciplinata dal Titolo X (articoli da 84 a 94).

27

Occorrente

  • Strumenti informatici per redigere e stampare il ricorso
  • Essere cittadini italiani
37

Richiesta al Ministro dell'interno

La domanda va presentata, direttamente dall'interessato ovvero da altra persona dallo stesso delegata, per il tramite del Prefetto del luogo ove il richiedente ha residenza. Il Prefetto è infatti l'organo che rappresenta il Ministro dell'interno a livello provinciale. La domanda deve contenere, oltre alle generalità complete del richiedente, anche il motivo o i motivi per i quali viene richiesta la modificazione del nome e/o del cognome. Assunte tutte le necessarie informazioni sulla domanda, il Prefetto la trasmette al Ministro dell'interno, unitamente al proprio parere ed ai documenti allegati.

47

Pubblicazione ed eventuale opposizione

Se la domanda non viene immediatamente rigettata perché dichiarata manifestamente inammissibile, il richiedente viene autorizzato con decreto a far affiggere all'albo pretorio sia del comune di nascita, sia del comune di residenza, un sunto della propria richiesta. Il decreto può anche disporre che la richiesta venga notificata a determinati soggetti. La pubblicazione deve avere una durata non inferiore a trenta giorni, trascorsi i quali, in assenza di opposizioni da parte di controinteressati (da proporsi con atto notificato al Ministro dell'interno), il richiedente dovrà presentare al Prefetto - per il successivo inoltro al Ministro dell'interno - la prova dell'avvenuta pubblicazione, nonché la relazione di notificazione della richiesta eventualmente disposta dal Prefetto.

Continua la lettura
57

Decreto di concessione ed annotazioni successive

Dopo aver verificato la regolarità delle pubblicazioni e/o delle notificazioni, nonché deciso in merito alle eventuali opposizioni, il Ministro dell'interno decreta la modificazione del nome e/o del cognome come richiesta, comunicandola al richiedente il quale, a sua volta, dovrà notificarla agli eventuali opponenti. Il decreto di accoglimento andrà quindi annotato nei registri di nascita e di matrimonio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non occorre pagare perchè il procedimento è completamente esente da tasse e imposte
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come cambiare il cognome

Cambiare il cognome d'origine richiede un iter burocratico lungo. Tante sono le motivazioni. In alcuni casi risulta volgare, ridicolo oppure offensivo per la persona. In altri, invece, viene semplicemente sostituito con quello della madre. Ecco dunque...
Richieste e Moduli

Come cambiare sesso all'anagrafe

Negli ultimi tempi le normative stanno cambiando e si stanno adattando all'evolversi dei tempi e di conseguenza alle esigenze e ai desideri delle persone. Per quanto concerne l'identità personale sono stati fatti dei grandi passi avanti, specialmente...
Richieste e Moduli

Come Dare Ai Figli Il Doppio Cognome

In Italia ogni bambino che nasce riceve in automatico il cognome paterno, il quale viene interamente sostituito da quello materno nel caso in cui il padre biologico si rifiuta di riconoscere il proprio figlio. Anticamente, invece, c'era l'usanza, soprattutto...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso all'Anagrafe in caso di controversia sulla residenza

Ogni cittadino ha la possibilità di fare ricorso nei confronti dell'Ufficio Anagrafe del Comune di residenza se si accorge che sussistono errori negli atti che lo riguardano. Questi errori possono essere involontari, frutto di una errata trascrizione...
Richieste e Moduli

Come dare il cognome materno ai figli

In tale tutorial vi daremo informazioni utili su come dare il cognome materno ai figli vostri. La normativa Italiana permette degli spazi di intervento parecchi limitati e con percorsi che sono complessi particolarmente. Non dovrete dimenticare che la...
Richieste e Moduli

Come redigere il registro di anagrafe condominiale

Affinché le autorità pubbliche siano in grado di conoscere perfettamente lo stato immobiliare dell'Italia, la "Legge n°220/2012" riguardante la riforma dei condomini ha previsto, per gli amministratori di condominio, il dovere di raccogliere:- le informazioni...
Richieste e Moduli

Come registrare il nome di una band

Questo argomento mi interessa molto perché sono vicina ad alcune band che puntano al successo. L'occasione e gli agganci giusti, conditi con tanta determinazione, contribuiranno a trasformare i sogni in realtà. La scelta del nome adatto non è poi qualcosa...
Richieste e Moduli

Come richiedere il certificato di residenza

Il certificato di residenza è un documento attestante la residenza in un determinato comune. Viene rilasciato dall'ufficio anagrafe del comune cui si risiede. Il certificato di residenza ha una validità di sei mesi a partire dalla data di emissione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.