Come calcolare l'ICI

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'ICI, (imposta comunale sui beni immobili), è un imposta che viene introdotta per la prima volta nel 1992 con D. Lgs 504/1992. Oggi, detta imposta è stata sostituita dall'IMU, (imposta municipale unica) che, a differenza della prima che era un introito del Comune, con la seconda, cioè con l'IMU, una percentuale va nelle casse dello Stato. Tuttavia, tra le due imposte vi sono delle differenze, ma sostanzialmente, la norma del 2012 sull'IMU è stata redatta seguendo le linee guida del D. Lgs. 504/1992 sull'ICI. E allora per calcolare sommariamente l'importo che dovremmo versare nelle tasche dell'amministrazione pubblica, non serve una mente eccelsa ma, servono alcuni dati fondamentali e, qualche calcolo alla calcolatrice. Attraverso i passi di questa guida scoprirete come calcolare l'ICI.

27

Occorrente

  • visura catastale
  • calcolatrice
  • rendita catastale
  • aliquota comunale
37

Il primo elemento essenziale che ci serve riguarda, il nostro immobile: la rendita catastale della nostra casa. Questo dato si trova nella copia dell'atto di proprietà dell'immobile alla voce rendita catastale, oppure se non siamo in possesso di questo atto, possiamo recarci in un ufficio del catasto e farci dare una copia della visura catastale della nostra casa, in cui troveremo tutti i dati relativi al nostro immobile come: i metri quadri e la rendita. A questo punto, avendo in mano questo dato non ci resta che moltiplicarlo per 100. Il risultato che otterremo da questa moltiplicazione non è altro che il valore economico del bene immobile sul quale calcoleremo l'imposta.

47

Adesso però ci serve un altro dato essenziale e cioè l'aliquota dell'imposta, che generalmente viene stabilita dal Comune, nel cui territorio si trova il bene immobile interessato. Di solito questo coefficiente d'aliquota ICI oscilla tra il 5 ed il 7 per mille. In questo caso il Comune decide autonomamente e, può scegliere il coefficiente più adatto alla propria superficie demografica.
In ogni caso, il 7 per mille è il coefficiente massimo e non può essere superato.

Continua la lettura
57

Una volta che avremo ottenuti questi due dati fondamentali, non ci resta che sviluppare il calcolo della nostra imposta. Moltiplichiamo il coefficiente adottato dal nostro Comune, per il valore dell'immobile che abbiamo già calcolato prima e po, moltiplicando per 100 la rendita catastale della casa, e dividendo il risultato per mille.
Esempio:
valore immobile 100 000,00 per 6 (aliquota ICI applicata dal comune) = 600 000,00 diviso 1000 = 600,00.
600,00 sarà l'importo ICI annuale da pagare per un immobile del valore di 100 000,00 al 6 per mille.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Normalmente il pagamento prevede un acconto della metà entro il 16 giugno ed un saldo entro il 16 dicembre.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come calcolare il valore catastale di un immobile

Il valore catastale (o meglio base imponibile) è una cifra ottenuta moltiplicando la rendita catastale dell'immobile, quale risulta da una normale visura catastale, per un coefficiente, determinato per legge e differente per ogni categoria catastale...
Case e Mutui

Come calcolare l'IMU sui terreni agricoli

Mentre la vecchia Imposta Comunale sugli Immobili, conosciuta con la sigla ICI, non prevedeva un pagamento per i proprietari di terreni agricoli, l'IMU (Imposta Municipale Unica) prevede anche il pagamento di questi ultimi, che prima erano completamente...
Case e Mutui

Come calcolare l’imposta di successione

In questo articolo vi vorrei parlare di come calcolare l'imposta di successione. L'imposta di successione è un tributo il cui pagamento spetta a chi ha ricevuto l'eredità di un defunto. L'imposta di successione va saldata dagli eredi entro 60 giorni...
Case e Mutui

Come calcolare la rata del mutuo in base allo stipendio

Hai deciso di acquistare casa ma ti spaventa l'idea di un mutuo troppo elevato? Hai alcuni dubbi sui parametri utilizzati dalle banche per calcolare tale rata, in base al tuo stipendio? In questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie, non...
Case e Mutui

Come calcolare l'interesse semplice della cauzione locativa

Al giorno d'oggi, la maggior parte dei depositi cauzionali si caratterizza per un tasso di interesse maturato minimo. Di solito, questo fattore cambia di anno in anno. La legge statale provvede a fissarlo con precisione. Se si fornisce un deposito di...
Case e Mutui

Come calcolare il TAEG

Il TAEG o più precisamente il Tasso Annuale Effettivo Globale rappresenta il costo esatto di un finanziamento, che può essere quello di un fido, di un prestito o di un mutuo. L'importanza del TAEG risiede nella possibilità di poter scegliere un prestito...
Case e Mutui

Come calcolare la rata del mutuo a tasso fisso

Al giorno d'oggi è molto difficile ottenere un mutuo da una banca, soprattutto per i giovani. Questi, data la crisi che riguarda il mondo del lavoro, non sempre possiedono i requisiti richiesti. Una banca, infatti, concede il mutuo esclusivamente a chi...
Case e Mutui

Come calcolare l'IMU sulle aree edificabili

I terreni edificabili, in quanto tali, sono soggetti all'Imposta Municipale Unica. Per calcolare l'IMU sulle aree edificabili occorre fare riferimento al valore venale del terreno al primo giorno dell'anno in corso, applicandovi l'aliquota ordinaria....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.