Come calcolare la ritenuta d'acconto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Sempre più spesso, nell'ambito lavorativo professionale, si sente parlare di ritenute d'acconto, ma questo argomento abbraccia quasi tutte le realtà lavorative regolari italiane in quanto è una vero e proprio anticipo di pagamento voluto dallo stato per assicurare il versamento delle tasse. In questa breve guida cercheremo di farvi capire in maniera semplice di cosa si parla se si tratta di ritenuta d'acconto e come calcolarla.

27

Cos'è la ritenuta d'acconto?

La ritenuta d'acconto è una trattenuta di circa il 20% che viene effettuata dai datori di lavoro, banche o istituti finanziari, sulle somme di denaro o sui bonifici di ogni dipendente. Essa viene corrisposta dal datore di lavoro nei confronti di un altro soggetto detto "percipiente" e viene applicata sulle fatture di servizi e di prestazioni che riguardano soprattutto il lavoro autonomo e dipendente. Il soggetto sostituto d'imposta, nel momento in cui effettua il pagamento verso il suo lavoratore dipendente, effettua anche il versamento dell'onere di imposta al posto del percipiente.

37

Calcola della ritenuta

Esistono varie tipologie di ritenuta d'acconto, anche se vengono applicate quasi sempre le con la stessa percentuale. Per calcolare l'esatto importo della ritenuta e la correttezza dei dati, basta prendere la cifra dell'importo lordo e decurtarlo del 20%. Ad esempio, se l'importo è di 1.000 euro la ritenuta d'acconto sarà pari a 200 euro, le quali saranno versate dal proprio datore di lavoro come imposta sul reddito e quindi come anticipazione dell'imposta che dovrebbe pagare lo stesso lavoratore. Successivamente, il sostituto d'imposta versa il restante importo netto al percipiente.

Continua la lettura
47

Versamento

Il versamento della ritenuta d'acconto deve essere fatto entro il giorno 16 del mese successivo al pagamento attraverso il modulo F24. Se quel giorno dovesse coincidere con un fine settimana, ossia un sabato o una domenica, la scadenza per il versamento slitterà al primo giorno lavorativo successivo. Entro il 28 febbraio di ogni anno, inoltre, a ogni lavoratore dipendente al quale si sono corrisposte retribuzioni l'anno precedente, è obbligatorio inviare una certificazione denominata Certificato Unico Dipendente(CUD), chiamata anche volgarmente dichiarazione dei redditi. Questa viene rilasciata su un apposito modello predisposto dall'Agenzia delle Entrate, dove bisogna annotare tutte le ritenute assicurative e contributive fiscali.

57

Ritenuta superiore al 20%

Bisogna precisare che la norma generale prevede che venga calcolata decurtando il 20% dall'importo totale, ma è bene sapere che per particolari categorie professionali, essa è maggiorata nella sua percentuale arrivando anche al 50%. Questa ritenuta maggiorata, chiarita nella circolare del 23 dicembre 1997, n. 326/E emessa dall' Agenzia dell'entrate, permette di anticipare il versamento di imposte in maniera tale che, al momento dell'effettuazione dell' atto di conguaglio, si eviti che l'imposta effettivamente dovuta sia troppo elevata, con il rischio di chiudere con un conguaglio incapiente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come recuperare le tasse di una ritenuta d'acconto

Se si è un freelance e non si ha la partita IVA la maggior parte dei servizi vengono erogati dietro pagamento con ritenuta d'acconto. Essa, come tutti i contratti commerciali, comporta il pagamento delle tasse. La ritenuta che si applica su compensi...
Finanza Personale

Come Fatturare con ritenuta d'acconto

Chi offre prestazioni di lavoro occasionali, per delle competenze tecnico-pratiche che possiede, può ora fatturare con ritenuta d'acconto senza però essere costretto ad aprire una posizione i. V. A.. Infatti per chi non svolge attività a fini di lucro...
Finanza Personale

Come autoridurre l'acconto Irpef

L'IRPEF, acronimo di Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, è una particolare tassa pagata sia dai soggetti residenti in Italia con redditi prodotti nella nazione e al di fuori di essa, e sia dai soggetti non residenti in Italia ma che producono...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento delle obbligazioni

L'obbligazione è un titolo di credito emesso da una società o ente pubblico che attribuisce al possessore il diritto al rimborso del capitale a scadenza, maggiorato di un interesse. Solitamente, il rimborso del capitale avviene in un'unica soluzione,...
Finanza Personale

Come calcolare l' ICI

Come voi lettori e lettrici probabilmente saprete già, tre anni fa circa (nell'anno 2012) l'ICI (acronimo di "imposta Comunale sugli Immobili") è stata sostituita da una nuova tassa che è stata denominata IMU, la quale (a differenza della prima imposta...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Giamaica

In questa guida ci occuperemo di come funziona il sistema fiscale in Giamaica. Come sappiamo, ogni Stato ha un suo sistema fiscale che comprende l'insieme della tassazione che incombe sul sui contribuenti. Come nella maggior parte degli Stati anche in...
Finanza Personale

Come Calcolare L'indice Di Correlazione Utilizzando Excel

L'indice di correlazione di Bravais-Pearson costituisce un indicatore statistico che analizza la relazione che intercorre tra due o più variabili. Stiamo parlando di una regola determinata da una lunga serie di parametri. Scopriamo insieme come calcolare...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento di un investimento con Excel

Quello del rendimento di un investimento è un calcolo finanziario utilizzato per misurare in modo in cui viene investito il denaro, allo scopo di guadagnarne ancora di più. Per calcolare il rendimento di un investimento, bisogna dividere i guadagni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.