Come calcolare la IUC

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Al giorno d'oggi il meccanismo delle tasse sulle abitazioni, in Italia, si è arricchito di un nuovo acronimo, che acquista la denominazione di IUC. Precisamente, parliamo della cosiddetta Imposta Unica Comunale, che è stata introdotta con la Legge di Stabilità del 2014. Per quanto riguarda, invece, Imu, Trise e Tuc, dobbiamo dire che sono diventate soltanto un amaro ricordo, reale o in alcuni casi soltanto giornalistico. La IUC è una nuova sigla che, nelle intenzioni del legislatore, raggruppa le tre classiche tasse comunali, ossia l'Imu, il Tasi e la Tari. L'Imu interessa i proprietari delle case, il Tasi riguarda i servizi indivisibili come l'illuminazione pubblica e la pulizia delle strade, mentre la Tari si occupa dei rifiuti urbani. Quest'ultima tassa, viceversa, aveva sostituito le più famose Tares e Tarsu, sempre in ambito di rifiuti. In questa guida spiegheremo, nel dettaglio, cos'è e come procedere per calcolare la nuova Imposta Unica Comunale.

25

Occorrente

  • visura catastale
  • delibera comunale recante le aliquote
  • calcolatrice
35

Le tasse sugli immobili

L'Imposta Unica Comunale è stata introdotta dal Governo Letta, e sostanzialmente ha apportato alcune importanti novità. Come già esposto nell'introduzione, la nuova tassa comunale è composta da tre voci, una delle quali interessa gli immobili. Nel sostituire la vecchia IMU, l'IUC prevede, salvo correzioni dell'ultima ora, l'esenzione del pagamento per le prime case, cioè le case adibite a residenza principale. La speranza è che questa novità sia confermata in modo tale da poter dichiarare, senza alcun dubbio, che chi possiede una sola unità immobiliare non deve pagare ulteriori tasse sugli immobili. Per quanto concerne, invece, l'eventuale seconda abitazione, il sistema rimane invariato con la previsione da parte di ogni singolo comune di stabilire l'aliquota, in media il nove per mille, da applicare alla rendita catastale.

45

Il calcolo

Anche per effettuare il calcolo della parte di IUC relativa ai servizi indivisibili, denominato Tasi (appunto, il tributo per i servizi indivisibili), il risultato è pressoché analogo rispetto a quello precedentemente indicato. Per ottenere la quota di tassa da pagare, in questo caso occorre moltiplicare la propria rendita catastale per un'aliquota dell'1 per mille. Inoltre, è facoltà di ogni singolo comune, tramite opportuna delibera, di abbassare l'aliquota fino all'azzeramento oppure di alzarla fino al limite del 2,5 per mille.

Continua la lettura
55

La terza componente

La terza componente della IUC interessa il servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti urbani, ed è denominata Tari. In questo caso, non ci sono novità rispetto agli anni precedenti. È opportuno, tuttavia, precisare che il calcolo per la quantificazione della tassa prende come base imponibile la metratura dell'immobile ed il numero di persone in cui vi abitano. È poi compito di ogni singolo comune, tramite adeguata delibera, di fissare l'aliquota applicabile e di prevedere condizioni di riduzione o esclusione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare il rendimento di un investimento con Excel

Quello del rendimento di un investimento è un calcolo finanziario utilizzato per misurare in modo in cui viene investito il denaro, allo scopo di guadagnarne ancora di più. Per calcolare il rendimento di un investimento, bisogna dividere i guadagni...
Finanza Personale

Come calcolare il codice SWIFT

Per poter fare delle operazioni bancarie internazionali dovremmo cercare il Codice Swift (o BIC - Bank Identifier Code). Questo particolare codice è formato da lettere e numeri e serve ad identificare la banca del beneficiario che effettua un bonifico....
Finanza Personale

Come calcolare gli interessi di un prestito

Gli interessi di un prestito includono la quantità di erogazione di controllo più le eventuali spese applicabili non appena il prestito viene erogato. Questa regola vale per prestiti sovvenzionati, diretti e prestiti privati ​​diretti. In generale,...
Finanza Personale

Come calcolare lo sconto di un articolo che desideriamo acquistare

In periodi di saldi bisogna sempre fare attenzione per evitare eventuali fregature. Ecco che sarebbe utile saper calcolare il prezzo dello sconto effettivo, per sapere se è possibile permettersi o no l'acquisto, specialmente in un periodo di ristrettezze...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento di un portafoglio

Un portafoglio è, solitamente, composto da più titoli finanziari caratterizzati da diverse caratteristiche, una di queste è il rendimento. Ovviamente il rendimento di un portafoglio non è dato dalla somma dei rendimenti dei singoli titoli che lo compongono....
Finanza Personale

Come calcolare la varianza utilizzando Excel

La varianza è un indice di dispersione dei dati che fornisce un grado di dispersione di una variabile dal suo valore medio. Il calcolo della varianza non è molto complicato, ma richiede alcune serie di passaggi per ogni valore assunto dalla variabile....
Finanza Personale

Come calcolare i contributi Inps della badante

Un paese civile si può avere anche regolarizzando il lavoro nero, purtroppo una piaga della nostra nazione. Ogni lavoratore ha bisogno di essere tutelato regolarizzando il proprio lavoro attraverso un adeguato contratto. Le famiglie che assumono dei...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento medio di un investimento

Dovete calcolare il rendimento medio di un investimento che avete fatto, ma non sapete come fare?In questa guida vi aiuterò a calcolare il RENDIMENTO di un investimento. Le nostre fonti di rendimento possono includere i dividendi, i rendimenti di capitale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.