Come calcolare l'indice di rigidità degli impieghi in un'azienda

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli indici economici vengono utilizzati per rielaborare la situazione patrimoniale, senza contare però il reddito. Per gli altri indici i calcoli sono inversi. Quelli patrimoniali controllano i vari investimenti messi in pratica dall'azienda, con lo scopo di mantenere la struttura economica dell’azienda solida e produttiva. I vari indici si formano anche con lo scopo di analizzare ed offrire informazioni e giudizi sull'andamento dell’attività o impresa che si sta gestendo. Essi si suddividono in diversi indici, che sono gli indici economici, di rigidità, patrimoniali, finanziari e produttivi. Nella seguente guida vi sarà spiegato come calcolare in modo corretto l'indice di rigidità degli impieghi in un'azienda in modo semplice e veloce. Vediamo insieme come fare.

26

Occorrente

  • indici di impresa
  • investimenti
  • Attivo immobilizzato
  • totale impieghi
  • conoscenze finanziarie
  • Attivo circolante
36

Per calcolare l’indice di rigidità è opportuno prendere in considerazione anche altri fattori, come ad esempio l’indice di elasticità che si collega in modo complementare all'indice di rigidità. Prendete innanzitutto il valore attivo immobilizzato e dividetelo per il totale degli impieghi. Fatto ciò vi basterà moltiplicarlo per cento per trovare il valore totale dei RIG. Quest'ultimo, definito anche indice di rigidità, utilizza una percentuale di impieghi a lungo ciclo con un livello basso, rispetto al totale di impieghi.

46

Per quanto riguarda invece l’indice di elasticità, che si collega all'indice di rigidità, vi basterà invece eseguire proprio un semplice calcolo. Prendete l’attivo circolante e dividetelo per il totale impieghi. Una volta che avrete fatto questo, moltiplicate il tutto per cento. Il risultato ottenuto sarà il valore ELA, che stavate cercando. Questo valore rispetto al precedente ha un ciclo più corto rispetto al totale impieghi ed è meno rischioso e molte volte anche più produttivo.

Continua la lettura
56

A completare la sezione indici, troviamo anche l’indice di rigidità dei finanziamenti, il quale si calcola nel seguente modo: capitale permanente / totale finanziamenti X 100 = I (Indice di rigidità dei finanziamenti). Qualora l'indice risulti essere alto, significa che il livello dei debiti è basso. In caso contrario l’indice non può considerarsi soddisfacente e quindi l’azienda rischia di andare in crisi. È sempre consigliato, inoltre, tener conto di diversi fattori. È necessario anche capire esattamente se conviene mantenere un'azienda con una leva finanziaria a indice di tipo rigidità degli impieghi o di elasticità degli impieghi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • È necessario anche capire esattamente se conviene mantenere un'azienda con una leva finanziaria a indice di tipo rigidità degli impieghi o di elasticità degli impieghi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare l'indice di dipendenza finanziaria in un'azienda

Coloro che si occupano di analisi di bilancio, l’investitore che necessiti di conoscere la solidità finanziaria dell’impresa dal punto di vista patrimoniale, l’azienda che debba finanziare le proprie attività chiedendo dei prestiti a qualche Istituto...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Grado Di Elasticità Degli Impieghi

Quando ci si riferisce ad un'analisi patrimoniale generalmente si intende un'analisi che ha come obiettivo quello di verificare se una società ha raggiunto una posizione di equilibrio strutturale. In questo modo infatti l'azienda sopravvive come organismo...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'indice di liquidità primaria

Per l'analisi finanziaria, che concerne la capacità di un azienda di far fronte con strumenti propri agli impegni finanziari di breve e di medio/lungo periodo, è fondamentale saper calcolare l'indice di liquidità primaria. In particolare, essa pone...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'indice di rotazione delle scorte in magazzino

Calcolare le scorte che mediamente si detengono nel proprio magazzino rappresenta, sicuramente, una delle attività più complicate inerenti ad una gestione aziendale. Questa, tuttavia, costituisce una fase assolutamente fondamentale ai fini del perseguimento...
Aziende e Imprese

Come Calcolare L'Indice Di Liquidità Secondario

Gli indici di liquidità sono indicatori molto importanti per un'impresa. È necessario infatti effettuare un'analisi finanziaria dell'azienda per capire se si trova nella condizione di poter fronteggiare le spese e le uscite future senza compromettere...
Aziende e Imprese

Come calcolare il valore economico di un'azienda

Se siete interessati ad effettuare un'analisi sulla salute finanziaria di un'azienda, oppure nel caso in cui voleste acquistarla, sarà necessario fare un calcolo in merito al valore economico della stessa. Ci sono vari metodi per farlo, ed in particolare,...
Aziende e Imprese

Come calcolare la redditività di un'azienda

Le aziende presenti in Italia, hanno un quadro amministrativo differente, a volte anche l'una dall'altra. Le aziende possono essere gestite da una sola persona oppure da più componenti e si chiamano S. R. L (società a responsabilità limitata). Nelle...
Aziende e Imprese

Come Calcolare e ad analizzare gli indici di liquidità di un'azienda

La gestione dell'azienda comporta anche la valutazione della sua situazione finanziaria. Uno degli strumenti utilizzati per eseguire una corretta analisi del bilancio d'esercizio sono gli indici di liquidità. Questi determinano se l'azienda sia in grado...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.