Come calcolare l'IMU sui terreni agricoli

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Mentre la vecchia Imposta Comunale sugli Immobili, conosciuta con la sigla ICI, non prevedeva un pagamento per i proprietari di terreni agricoli, l'IMU (Imposta Municipale Unica) prevede anche il pagamento di questi ultimi, che prima erano completamente esenti. In realtà, spesso, il valore dei terreni agricoli è molto irrisorio. A volte l'importo che il proprietario dovrebbe pagare è inferiore al limite minimo di versamento, fissato dalla legge a 12 euro In questo caso l'imposta non è dovuta. Ma, come spessissimo avviene, i proprietari di terreni agricoli sono anche proprietari di fabbricati o aree edificabili e quindi il valore dei terreni agricoli, seppur minimo, contribuisce ad aumentare l'imponibile dell'IMU. Vediamo quindi come calcolare l'IMU sui terreni agricoli.

28

Occorrente

  • Visura castale
  • Calcolatrice
38

Come viene calcolata l'IMU

Per i terreni agricoli l'IMU viene calcolata in base al valore catastale e non al valore venale come invece accade per i fabbricati, il cui valore catastale è calcolato sulla rendita catastale, moltiplicandola per un coefficiente di 160. Per i terreni agricoli, invece, è previsto un coefficiente pari a 168,8. Esso va moltiplicato per il reddito dominicale, ottenendo così il valore sul quale calcolare l'IMU. Per prima cosa occorre reperire una visura catastale del terreno in questione. Il reddito dominicale è indicato in una colonna con scritto R. D.

48

Calcolate il valore catastale

Supponendo che il reddito dominicale del terreno in questione sia pari a 10 euro, bisogna moltiplicare qust'ultimo per il coefficiente di rivalutazione; quindi: R. D. X 168,8 = 10,00 euro x 168,8 = 1.688,00 euro.
Dunque, il terreno del nostro esempio ha un valore catastale di 1.688,00 euro, e su questo valore andrà calcolata la somma da versare.

Continua la lettura
58

Calcolate l'aliquota

A questo punto, basterà moltiplicare il valore ottenuto per l'aliquota che il Comune prevede per i fondi agricoli. Una volta conosciuto questo valore, sarà possibile calcolare l'IMU da versare con la seguente formula: IMU = valore x 7,6/1000. Nel nostro esempio avremo: IMU = 1.688,00 euro x 7,6/1000 = 12,83 euro.

68

Recatevi alla camera di commercio

Ovviamente, il calcolo precedentemente eseguito si riferisce alla casistica di un comune cittadino intestatario di un fondo agricolo per l'intero anno di competenza dell'IMU. Ma nel caso in cui il proprietario ha alienato in qualsiasi modo il terreno nel corso dell'anno deve pagare è minore. Essa si ottiene dividendo l'importo dell'IMU ottenuto come sopra per dodici. Successivamente va moltiplicato il risultato per i mesi in cui ne è stato effettivamente proprietario. Caso diverso, inoltre, per gli imprenditori agricoli ed i coltivatori diretti che sono in regola con le posizioni INPS e i registri delle Camere di Commercio. Questi possono ottenere le agevolazioni previste del DL 201 dal 6/12/2011.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come calcolare l'ICI sulle abitazioni e sui box auto

Dall'anno 2012 è entrata in vigore l'Imposta Municipale Unica ("IMU"), che ha preso il posto dell'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche ("IRPEF") e dell'Imposta Comunale sugli Immobili ("ICI"); a partire dal 2013, però, l'IMU non deve essere più...
Case e Mutui

Come pagare l'IMU sulla terza casa

L'IMU, acronimo di Imposta Municipale Unica, è una particolarissima tassa di tipo patrimoniale che viene applicata sugli immobili appartenenti al proprio patrimonio. L'imposta municipale unica è una tassa attiva dal 2011 che ha sostituito l'ICI ed ha...
Case e Mutui

IMU per i coniugi separati

Gli aspetti della vita emotiva si ripercuotono anche sulle pratiche burocratiche, una di queste riguarda il pagamento delle tasse. In particolare stiamo parlando dell'IMU. Ormai tutti conosciamo l'IMU, ovvero l'Imposta Municipale Unica, che ha sostituito...
Case e Mutui

Come chiedere il rimborso dell'IMU pagato in eccesso

L’IMU, Imposta Municipale Unica, è il tributo applicato ai beni immobili patrimoniali. Nata come sostituzione della precedente ICI, si immette nel sistema tributario italiano nel 2013, sotto il Governo Monti. Prevede l’immissione dell’imposta sulla...
Case e Mutui

Come compilare il modello F24 per l'IMU

Coloro che non possiedono la partita Iva devono provvedere al pagamento del Modello F24, mediante lo stesso è possibile pagare tributi, imposte previste da parte del sistema economico del nostro Paese. Tra queste imposte abbiamo l'IMU. Questa tipologia...
Case e Mutui

Come risparmiare sull'imu

In questa guida verranno date utili informazioni su come risparmiare sull'Imu. Come molti di voi sapranno, essa si tratta di una imposta di tipo municipale unica. È una vera e propria tassa che deve essere pagata in relazione a tutti coloro che possiedono...
Case e Mutui

Come calcolare il valore catastale di un immobile

Il valore catastale (o meglio base imponibile) è una cifra ottenuta moltiplicando la rendita catastale dell'immobile, quale risulta da una normale visura catastale, per un coefficiente, determinato per legge e differente per ogni categoria catastale...
Case e Mutui

Come calcolare l'ICI

L'ICI, (imposta comunale sui beni immobili), è un imposta che viene introdotta per la prima volta nel 1992 con D. Lgs 504/1992. Oggi, detta imposta è stata sostituita dall'IMU, (imposta municipale unica) che, a differenza della prima che era un introito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.