Come calcolare l'imposta di registro compravendita

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'imposta di registro di compravendita serve a registrare un documento per fini legali. La sua sicurezza sta nel fatto che il contenuto e la data non sono modificabili. Le imposte di registro si archiviano presso l'Agenzia delle Entrate, secondo un ordine puramente cronologico. Gli acquisti e le locazioni relativi agli immobili prevedono il pagamento di imposte. Il pagamento di tali tasse non è, invece, obbligatorio se l'interessato paga l'IVA. All'interno di questa guida, vi spiegherò come calcolare l'imposta di registro di compravendita.

26

Occorrente

  • Documentazione necessaria
36

Classificare lo stabile acquistato

Innanzitutto, per calcolare l'imposta di registro di compravendita, dovete classificare lo stabile acquistato e dichiarare se l'immobile è soggetto ad IVA o meno. Se il proprietario provvede al pagamento dell'IVA, non è tenuto a pagare l'imposta di registro di compravendita. Il metodo più semplice per il calcolo parte dal valore catastale dell'immobile in questione. Questo metodo, chiamato in linguaggio tecnico prezzo/valore, è piuttosto vantaggioso. Il dato da cui partire è la rendita catastale totale dell'immobile. Se vendete la proprietà in una data non superiore a cinque anni dopo la fine dei lavori, pagherete parzialmente l'IVA. Un altro vantaggio del sistema prezzo/valore è quello di ridurre di oltre il 30% le spese notarili, generalmente molto care.

46

Registrare la nuova residenza

Per trovare il valore dell'imposta di registro, utilizzate i moltiplicatori della specifica rendita catastale. In questo caso, potete informarvi presso l'Agenzia delle Entrate riguardo i parametri da tenere in considerazione. Ad esempio, il moltiplicatore valido per la prima casa è 110, mentre per la seconda 120. Attenzione: potete utilizzare il metodo prezzo/valore solo se lo stabile è nello stesso comune in cui avete residenza. Inoltre, dovete dichiarare di non usufruire di alcun altro diritto né sull'immobile stesso, né in qualsiasi altro in territorio nazionale. Dopo la stipulazione del contratto, dovete registrare la nuova residenza entro un periodo non superiore ai 18 mesi.

Continua la lettura
56

Controllare la propria categoria catastale

Da gennaio 2014, l'imposta di registro di compravendita ha un incremento del 9%. L'aumento riguarda gli stabili non ad uso abitativo principale. L'imposta si abbassa, invece, al 2% per la prima casa. Le categorie escluse da questo nuovo decreto legislativo sono gli immobili registrati al catasto come A1, A8 e A9. Il valore dell'imposta di registro si aggira intorno ai 200 euro. Per sapere esattamente quale sia l'importo da pagare, controllate la vostra categoria catastale: in questo caso, vi basterà consultare il decreto legislativo numero 23 del 2011.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come Procedere al versamento annuale dell'imposta sulle locazioni

La burocrazia è un atto in cui noi cittadini ci sottoponiamo a pagamenti e procedure in determinati periodi dell'anno, in questa piccola guida cercheremo di comprendere come procedere al versamento annuale dell'imposta sulle locazioni. Sappiamo che avere...
Finanza Personale

Come determinare l'imposta lorda

L'IRPEF è l'imposta principale del nostro ordinamento tributario, nota ai più dal momento che interessa oltre 40 milioni di contribuenti. Nata nel 1973, essa viene applicata alle persone fisiche o alle società (che la corrispondono comunque tramite...
Finanza Personale

Come richiedere il rimborso 730 senza sostituto d'imposta

Tutti i contribuenti che hanno versato dei soldi in più facendo la dichiarazione dei redditi con il modello 730 hanno la possibilità di chiedere il rimborso senza il sostituto d'imposta. Infatti, il decreto legge 69/2013 dà la possibilità di utilizzare...
Finanza Personale

Come si calcolano le detrazioni di imposta per i dipendenti

Le detrazioni fiscali d'imposta sono somme di denaro che posso essere detratte dalle imposte sui redditi. Molti sono i casi che portano a dedurre denaro dalle imposte fiscali, quali familiari a carico, medicinali, ristrutturazioni edilizie, riqualificazioni...
Finanza Personale

Come Calcolare Le Diverse Forme Di Progressività

Il sistema tributario italiano, in conformità con l'art 53 della Costituzione, prevede delle forme di calcolo di imposta in relazione all'imponibile. Si chiama progressività d'imposta ed esistono quattro differenti modi per calcolarla: ad incremento...
Finanza Personale

Come calcolare il bonus Irpef

In questa guida, darò tutte le indicazioni utili su come calcolare al meglio il bonus Irpef. Si tratta in poche parole del credito d'imposta, che a partire da quest'anno si è trasformato in detrazione. In ogni caso per il lavoratore cambierà ben poco,...
Finanza Personale

Come calcolare il rimborso Irpef dal Cud

Ogni anno il lavoratore dipendente sa che riceverà dal datore di lavoro il CUD. Il CUD permette di fornire una certificazione sui propri redditi. Dal modello CUD è possibile calcolare il rimborso IRPEF. L'IRPEF è un'imposta diretta sui redditi dei...
Finanza Personale

Come calcolare la giacenza media di un conto corrente

La giacenza media di un conto corrente è uno strumento che viene utilizzato per calcolare gli interessi alla fine del periodo contabile; quest'ultimo può essere trimestrale, semestrale o annuale. Ultimamente, la giacenza media viene calcolata anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.