Come calcolare il valore catastale

Tramite: O2O 19/03/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il valore catastale di un immobile viene preso come riferimento per per determinare la consistenza di specifiche imposte sulla casa. In caso di successioni, donazioni, iscrizioni di ipoteche o imposte di registro e catastali, questo è il dato di riferimento da considerare. Per gli immobili concessi in locazione questo valore assume importanza poiché il canone annuo non può essere inferire al 10% del valore catastale. Ovviamente stiamo parlando di valori fiscali e pertanto virtuali, ovvero frutto di un calcolo che è utilizzato esclusivamente per dare luogo a delle tassazioni. La stima sul valore commerciale di un immobile è ben altra cosa e viene realizzata da un professionista che ne calcola il valore ai fini della sua collocazione nel mercato immobiliare. La guida che segue servirà per calcolare il valore catastale di un immobile, dato che, tra l'altro, è necessario anche per calcolare l'ISEE o Indicatore della Situazione Economica Equivalente.

25

Iniziamo il calcolo partendo da un dato, ovvero la rendita catastale. Se vi siete affidati a dei professionisti per la compravendita di un immobile potete chiedere che vi facciano avere questo dato ma attenzione che sia corretto. Se non volete rischiare potete ricavarlo direttamente da una visura catastale che potrebbe essere già presente o che potete richiedere voi per pochi euro all'Agenzia delle Entrate. Il valore catastale si ottiene moltiplicando la rendita catastale (che andrebbe rivalutata al 5%, ma questo dato viene ormai inglobato nel calcolo generale per evitare un doppio passaggio) per un coefficiente che è diverso a seconda della categoria catastale dell'immobile di riferimento.

35

Trattandosi di una guida per coloro che si apprestano a comperare la prima casa, si riportano i coefficienti per gli immobili collocati nella categoria A, che è pari a 115,50 (ad eccezione delle categorie A/7, A/1 e A/8), quelli nella categoria C (ad eccezione del C/1) che è pari a 126,00. Per le seconde case o gli immobili di lusso (categorie A/1, A/7 ed A/8) il coefficiente è 126.

Continua la lettura
45

Ecco un esempio pratico. In caso di acquisto di un immobile come prima casa, composto da un appartamento con annessa cantina (con rendita catastale di euro 124,50) e due box (rendita catastale di euro 85,50 ciascuno), dovete sommare le rendite che possono fruire dell'agevolazione prima casa (210,00 euro) e mantenere separata la rendita del secondo box, che non è agevolata. La somma delle rendite passibili di agevolazione, pari ad euro 210,00, moltiplicatela per 115,50 ed otterrete il valore catastale di euro 24.255,00. Per il secondo box, che sarà soggetto a tassazione ordinaria, moltiplicate la rendita di euro 85,50 per 126 ed in questo caso il valore totale sarà di 10.773,00 euro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come calcolare la superficie catastale

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come calcolare la superficie catastale. Questo tipo di superficie rappresenta la somma delle varie tipologie di superficie di una determinata unità immobiliare urbana, prendendo per...
Case e Mutui

Come calcolare il valore di una casa

La valutazione di una casa da questi tempi è molto difficile rispetto ai tempi degli anni novanta, siccome gli immobili sono tutti diversi l'uno dall'altro. Molto tempo fa, invece, la costruzione di una casa veniva fatta sulla base del quartiere, cioè...
Case e Mutui

Come calcolare il valore di un immobile

In questo periodo piuttosto difficile per l'Italia, prima di acquistare un immobile bisogna pensarci più volte a causa degli elevati costi. Il problema non sta nel prezzo che anzi proprio per le suddette problematiche economiche è tendenzialmente livellato...
Case e Mutui

Come conoscere la categoria catastale della casa

Ogni immobile possiede un determinato "valore catastale" in relazione alla cosiddetta "rendita catastale". Si tratta di un valore piuttosto importante quando si acquista, quando vi è in gioco una successione o una cessione dell'immobile, e serve per...
Case e Mutui

Come ridurre la rendita catastale di un immobile

La rendita catastale è un parametro fiscale attribuito ad ogni immobile in grado di produrre un reddito in forma autonoma . La rendita catastale è un parametro utilizzato in diversi algoritmi per il calcolo delle imposte sugli immobili (quali TASI ,...
Case e Mutui

Requisiti per abbassare la rendita catastale di un'abitazione

Chi ha una casa di proprietà, ha certamente dovuto fare i conti con la tanto temuta tassa dell'IMU. Molte persone, dopo aver calcolato l'imponibile dovuto per la tassazione attraverso gli strumenti delle nuove procedure moltiplicative, hanno potuto osservare...
Case e Mutui

Come variare l'intestazione della visura catastale

In caso di trasferimento di proprietà, di donazioni, di compravendite, di successioni, ecc., è necessario eseguire un aggiornamento di intestazione degli immobili censiti presso il catasto per avere sempre l'esatta corrispondenza tra quanto presente...
Case e Mutui

Come leggere un estratto di mappa catastale

L'estratto di mappa catastale è un documento che si può ottenere anche online e che indica strade, fabbricati e terreni che si trovano in un centro urbano. Il foglio in genere è in formato A3 oppure A4 è rappresenta un vero e proprio certificato...