Come calcolare il tasso interno di rendimento di un investimento

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Sempre più persone decidono di effettuare un investimento per poter avere un guadagno mensile più cospicuo, magari arrotondando lo stipendio stesso. Come tutte le scelte da prendere con in ballo il denaro, si vorrebbe avere un certo grado di sicurezza prima di investire tempo e risorse, in modo da non perdere ciò che si ha investito. Un modo per stabilire questo grado di sicurezza, è ricorrere al calcolo del tasso interno di rendimento (anche conosciuto come TIR), un indicatore molto usato per discernere gli investimenti vantaggiosi da quelli svantaggiosi, definito anche come l'indice di redditività finanziaria di un flusso monetario. Nel caso di un investimento, rappresenta il tasso composto annuale di ritorno effettivo, generato dall'investimento (la somma netta guadagnata). Nella seguente guida, dopo esservi muniti di calcolatrice, vedremo insieme gli step con i quali calcolare quest'indice.

25

Cos'è il TIR

Il TIR è basato sul valore attuale netto, matematicamente definito come il tasso di attualizzazione "i" che rende il valore attuale netto di una serie di flussi di cassa pari a zero, posto ovviamente che questo tasso "i" esista nell'intervallo (-1,+∞) e che sia unico. Il valore attuale netto di un investimento è una metodologia tramite cui si definisce il valore attuale (abbreviato VAN) di una serie attesa di flussi di cassa, non solo sommandoli contabilmente, ma attualizzandoli sulla base del tasso di rendimento (costo opportunità dei mezzi propri).

35

La tecnica per il calcolo del TIR

Il TIR viene calcolato risolvendo l'equazione del VAN con "i" tale che il valore del VAN sia pari a zero. Cioè andremo a calcolare quello specifico tasso che annulli il valore attuale netto. Si può utilizzare questa tecnica per mettere a confronto due diversi investimenti, scegliendo quello con TIR più alto, quindi, teoricamente, il più vantaggioso e che frutterà maggiormente denaro. Facciamo un esempio considerando due investimenti differenti: nel primo, ipotizziamo di depositare una cifra di 100 euro su un conto corrente e, trascorso un anno, di avere la somma di 110 euro (quindi avremo ottenuto 10 euro di interessi totali). Nel secondo, compriamo un'obbligazione sempre a 100 euro, la quale ci renderà 115 euro al termine di 1 anno (che ci avrà fruttato quindi 15 euro, cinque euro in più rispetto al primo esempio).

Continua la lettura
45

Come viene calcolato il TIR

Da questi due semplici esempi sarebbe comunque facile la scelta su quale puntare il proprio denaro, ma vediamo come calcolare i due diversi TIR, tenendo sempre a mente che il valore attuale netto deve essere uguale a zero ed applicando la formula, supponiamo, nel primo caso, che 100 = 110 / (1 + TIR) ovvero che 1 + TIR = 110 / 100 cioè TIR = 10%. Nel secondo caso, procedendo nello stesso modo, supponiamo che 100 = 115 / (1 + TIR) quindi 1 + TIR = 115/100 e TIR = 15%. Considerando i calcoli effettuati per i due casi, risulta senza dubbio che il secondo investimento risulta essere quello più conveniente e che, alla fine dell'anno, ci avrà fruttato un maggior guadagno. L'importante, in ogni caso, è sempre valutare con prontezza dove investire il proprio denaro, cercando di avere un guadagno e non una perdita o uno stallo (cioè la cifra depositata non frutta interessi).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare il rendimento di un investimento

Quando si è in grado di possedere gli strumenti per attuare delle forme di investimento in beni o capitali, ci si orienta verso quelle più idonee a garantire una resa in termini percentuali, del capitale investito. Ma per valutare la forma di investimento...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento medio di un investimento

Dovete calcolare il rendimento medio di un investimento che avete fatto, ma non sapete come fare?In questa guida vi aiuterò a calcolare il RENDIMENTO di un investimento. Le nostre fonti di rendimento possono includere i dividendi, i rendimenti di capitale...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento annuo di un fondo comune

Il rendimento annuo di un fondo comune fornisce informazioni utili relative al guadagno in un determinato periodo di tempo, espresso in percentuale. Le fonti di rendimento possono includere i dividendi, i rendimenti di capitale e le rivalutazioni del...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento dei titoli di Stato

Il mercato azionario e della finanza per alcuni rappresenta una vera e propria giungla, dalla quale difficilmente se ne viene fuori. Il fatto è che esso può nascondere diverse insidie e diversi e numerosissimi ostacoli. Per cui bisogna sapersi districare...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento di un portafoglio

Un portafoglio è, solitamente, composto da più titoli finanziari caratterizzati da diverse caratteristiche, una di queste è il rendimento. Ovviamente il rendimento di un portafoglio non è dato dalla somma dei rendimenti dei singoli titoli che lo compongono....
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento dei buoni fruttiferi postali

I Buoni fruttiferi postali (BFP) rappresentano una forma di risparmio sicura e flessibile, offrendo al risparmiatore la possibilità di disinvestire in qualsiasi istante con la totale garanzia del capitale investito, maggiorato degli interessi nel frattempo...
Finanza Personale

Come calcolare il rendimento netto di un BTP

Se avete intenzione di investire i vostri soldi in BTP ovvero nei buoni pluriennali del tesoro, è importante conoscerne a fondo le caratteristiche e quali sono i profitti al netto delle tassazioni previste. In riferimento a ciò, ecco una guida con annesso...
Finanza Personale

Come calcolare il tasso di interesse

Se avete depositato una somma di denaro (capitale) in banca oppure alla posta, dopo un anno noterete che questa somma vi avrà fruttato degli interessi che si saranno aggiunti al capitale. Se volete sapere che tasso di interesse vi ha fornito la banca...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.