Come calcolare il tasso di sconto WACC

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il mercato finanziario permette d'investire in svariate tipologie di azioni e titoli azionari: ciascuno di essi possiede un determinato costo iniziale, che viene remunerato successivamente con un rendimento fisso o variabile. Tra le numerose opzioni ed incognite che occorre assolutamente valutare quando viene effettuato un qualsiasi investimento, c'è il "Costo Medio Ponderato del Capitale" (WACC): nella seguente rapida ed esaustiva guida, quindi, vi spiegherò come bisogna calcolare esattamente questo tasso di sconto.

28

Innanzitutto, dovete sapere che il tasso di sconto "WACC" (Weighted Average Cost of Capital) costituisce la media ponderata tra il costo del capitale proprio (Ke) ed il costo del capitale di debito (Kd).
Precisamente, si tratta di un tasso minimo che ciascuna impresa ed azienda deve produrre, affinché possa remunerare tutti quei creditori che hanno investito in essa e si aspettano un rendimento personale.

38

Ciascuna impresa ed azienda che decide di calcolare il "WACC" corrispondente ad ogni investimento deve essere capace di effettuare dei calcoli veramente complessi e laboriosi: in particolare, sarà preferibile conoscere alcuni dati basilari, allo scopo di essere sicuri di riuscire bene nelle operazioni che si andranno ad eseguire.
Specificatamente, sarà fondamentale sapere l'indebitamento finanziario (I), il debito conferito dai soci (E), il costo dell'indebitamento finanziario (Kd), l'imposta pagata sui guadagni (T) e il rendimento richiesto per gli azionisti (Ke).

Continua la lettura
48

Dopo che avrete a disposizione tutti questi valori, potrete cominciare ad eseguire i due calcoli richiesti, ovvero "Kd * D (1-T) + Ke * E" e "E + D": i risultati delle seguenti operazioni devono essere impiegati per effettuare il calcolo del tasso di sconto "WACC", per cui si avrà che "[Kd * D (1-T) + Ke * E) / (E + D)]".

58

Affinché sia possibile conoscere il valore percentuale del "WACC", sarà opportuno moltiplicare per "100" il risultato ottenuto eseguendo l'ultima operazione descritta nel passaggio antecedente.
Supponete che un'azienda abbia i seguenti importi:
- "D = 6.743" (indebitamento);
- "E = 65.716";
- "Kd = 0,04%";
- "T = 24%";
- "Ke = 3,53%".

68

Nel primo calcolo, si avrà "0,0004 * 6.743 (1 - 0,24) * 0,0353 * 65.761 = 2323,4", mentre la seconda operazione darà un risultato pari a "65.761 + 6.743 = 72.504": nella determinazione finale, invece, si ha "2323,4 / 72.504 = 0.032".
Il risultato che avrete ottenuto per ultimo corrisponde esattamente al "Costo Medio Ponderato del Capitale" (WACC) che stavate ricercando: per avere la sua percentuale, basterà moltiplicarlo per 100 e si avrà "3,20%".

78

Questi sono i procedimenti che è necessario seguire per ottenere il tasso di sconto "WACC" di uno specifico investimento: secondo le somme che si avranno, l'azienda verrà chiamata a fornire delle somme specifiche agli investitori, in base al rendimento che spetta ad ognuno di loro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Tasso Di Crescita Atteso Dei Dividendi

I dividendi sono la forma di retribuzione mediante la quale un'impresa distribuisce i propri utili agli azionisti. Questi sono quindi legati, ovviamente, ai risultati positivi conseguiti dall'azienda nel periodo. In finanza si ritiene possibile calcolare...
Aziende e Imprese

Come Determinare Il Tasso di Crescita G

Il tasso di crescita è senza ombra di dubbio un fattore molto importante, si parla di questo tasso nell'ambito della finanza. Il tasso di crescita lo potrai ricavare in diversi modi e può avere diverse caratteristiche e anche andamenti. Può essere...
Aziende e Imprese

Come calcolare il costo del capitale di debito

Il tasso effettivo che una società paga si basa sul suo debito corrente. Questo può essere misurata in rendimenti sia al lordo che al netto delle imposte; tuttavia, a causa degli interessi passivi, esso è detraibile. Questa rappresenta una parte della...
Aziende e Imprese

Come calcolare la rotazione del capitale investito

Quando bisogna gestire una società oppure un'azienda, diventa tassativo determinare periodicamente la rotazione del capitale investito in relazione alle vendite effettuate. È molto importante eseguire questo calcolo con estrema precisione per venire...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'indice di rotazione delle scorte in magazzino

Calcolare le scorte che mediamente si detengono nel proprio magazzino rappresenta, sicuramente, una delle attività più complicate inerenti ad una gestione aziendale. Questa, tuttavia, costituisce una fase assolutamente fondamentale ai fini del perseguimento...
Aziende e Imprese

Come Calcolare I Periodi Di Dilazione Media

La dilatazione media, conosciuta anche con la denominazione di sfasamento, rappresenta quella capacità da parte di un'azienda di allungarsi oppure di restringersi a seconda delle esigenze. Calcolando i periodi di dilazione media, sarà possibile avere...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Multiplo Price Earnings To Growth Ratio

Numerosi sono i metodi che servono a valutare ogni singola impresa e a paragonarne una rispetto ad un'altra. Uno di questi è rappresentato dai cosiddetti multipli di mercato, che costituiscono una delle grandezze maggiormente utilizzate dagli esperti...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Valore Attuale Di Un Investimento Annuale

Relativamente ai mercati mobiliari, ci troviamo di fronte ad una somma di denaro che si dovrebbe impiegare come investimento per il periodo in corso. Si tratta del cosiddetto "valore attuale", il quale serve per bilanciare la quantità di denaro che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.