Come calcolare il tasso di interesse effettivo

Tramite: O2O 18/04/2020
Difficoltà: media
19
Introduzione

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di leggere un articolo che tratta argomenti di economia ma di non riuscire a capire il significato, poiché vengono utilizzati termini tipici di questo settore. Se vogliamo iniziare a capire gli argomenti trattati in questi articoli, potremo trovare su internet varie guide che ci spiegheranno con termini semplici tutto ciò che riguarda questa branca. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a calcolare il tasso di interesse effettivo, chiamato anche TAEG.

29
Occorrente
  • Dati da utilizzare per i necessari calcoli
  • Comparatori per scegliere la soluzione più conveniente
  • Penna
  • Carta
  • Calcolatrice
39

Il costo del finanziamento

L'obiettivo che intende porsi il T.A.E.G. (Tasso Annuo Effettivo Globale) è quello di rappresentare, nella maniera più completa e precisa, il possibile il costo che caratterizza un finanziamento. Consiste in un quoziente puramente virtuale, infatti non viene usato per effettuare il calcolo delle rate. Ma è utile per fungere da indicatore ed è una misura capace di rivelare il costo globale. L'importante vantaggio di eseguire tale calcolo è la possibilità di utilizzarlo ai fini comparativi. In presenza di due o più mutui, si fa un confronto e si comprende subito quale sia il più costoso e a quale somma corrisponda la differenza sul prezzo.

49

Gli oneri iniziali

Ecco dunque come dovremo orientarci: ipotizzando che i costi iniziali vadano a ridurre il capitale prestato e che ogni esborso periodico aumenti la rata, conteggiamo il TAEG dopo aver apportato tali modifiche ai numeri dell'operazione. Vediamo un esempio pratico che ci aiuterà a capire meglio questo argomento. Una cifra da restituire in 10 anni di ? 100.000,00 al 5% (? 1.061,00 mensili), senza alcuna spesa di apertura o di gestione presenterebbe un TAEG del 5,12%, quindi uguale al suo tasso effettivo. Nel caso in cui la Banca chiedesse invece ? 800,00 di onere iniziale, significherà praticamente ottenere un finanziamento ridotto ad ? 99.200,00 euro (100.000,00 - 800,00).

Continua la lettura
59

Le spese mensili

Inoltre, se mensilmente occorre spendere ? 3,00 per la polizza incendi ed ? 2,00 per gli oneri di incasso, sarà come vedersi maggiorare una rata di 5 euro. Il pratico e utilissimo TAEG, farà dunque i propri conteggi tenendo conto del capitale ridotto ad ? 99.200,00 ed una rata mensile alzata ad ? 1.066,00 (1.061,00 + 5,00 di costi), per cui ciò che risulta è: TAEG = 5,41%. Cioè il tasso effettivo di un mutuo di 10 anni pari ad ? 99.200,00 da rimborsare mensilmente con rate di ? 1.066,00 cadauna. Si comprende bene che, alla fine, contro ? 100.000,00 di finanziamento richiesto ne avremo ottenuto ? 99.200,00 che rimborseremo con una cifra totale di ? 127.920,00.

69

Il calcolo

Per il calcolo vero e proprio dell'interesse effettivo dobbiamo partire da quello nominale, ossia da quello dichiarato ufficialmente. Si esprime in percentuale e simboleggia il valore di base per il calcolo del reale costo del denaro. Poi ci servirà conoscere i tempi di capitalizzazione del finanziamento. Solitamente sono mensili, ma occorre verificare il contratto. A questo punto, si può applicare la formula r=(1 + i/n)^n-1. In cui r sta per il tasso effettivo, i per il nominale ed n per i tempi di capitalizzazione annuali. Considerando un interesse nominale del 5% si ottiene r=(1+0,05/12)^12-1 con un risultato di 5,12%. Infatti bisogna ridurre il valore i (5%) a 0,05 e dividerlo per 12 (mesi in un anno). Si ottiene 0,004166667 a cui bisogna aggiungere 1. Ora bisogna elevare il tutto alla potenza di 12 con un risultato di 1.05116193975. Togliamo 1 ed avremo 0,0512 arrotondato che equivale al tasso di 5,12%.

79

La normativa

L'introduzione del TAEG si deve ad una normativa italiana risalente al 2003. Poi aggiornato negli ultimi anni, con modifiche al calcolo, tramite un provvedimento della Banca d'Italia. Detto provvedimento riguarda la trasparenza delle operazioni e dei servizi sia finanziari che bancari. E contempla anche la correttezza dei rapporti fra clientela ed intermediari. Rispondendo così alla direttiva dell'Unione Europea 2011/90 per uniformare le metodologie stabilite per tutti gli intermediari. A questo punto siamo finalmente giunti al termine della nostra breve guida. Seguendo tutte le indicazioni riportate nei passi precedenti, sapremo finalmente in grado di capire cos'è il tasso di interesse effettivo e come fare per riuscire a calcolarlo correttamente.

89
Guarda il video
99
Consigli
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare il tasso d'interesse

Calcolare preventivamente il tasso d'interesse per usufruire di prestiti o mutui, limita le possibili fregature. Il tasso d'interesse, sostanzialmente, rappresenta in percentuale la remunerazione del capitale finanziato. Viene applicato dall'organo erogante,...
Finanza Personale

Come calcolare il tasso di interesse implicito

Per realizzare alcuni dei propri progetti più ambiziosi è importante partire da una copertura finanziaria adeguata. Non tutti, però, possono contare su questa risorsa fin da subito. Alcune persone lavorano sodo per anni prima di poter disporre di un...
Finanza Personale

Come calcolare il tasso d'interesse di un leasing a rata costante

Per ammortizzare i costi derivanti dall'acquisto di un'automobile, spesso si ricorre al leasing, una forma di compravendita particolare vincolata ad un periodo di tempo predefinito. Capita spesso di sentir dire che si possiede un'auto in leasing, ma cosa...
Finanza Personale

Come funziona il tasso d'interesse legale

A giorno d'oggi è molto importante riuscire a capire qualcosa di economia e la prima difficoltà sta proprio nel comprendere il significato dei vari termini. Grazie ad internet, potremo riuscire facilmente ad avere alcune informazioni base in questo...
Finanza Personale

Come calcolare l'interesse semplice

Il momento in cui si ha in mente di fare un investimento, può essere utile saper calcolare da soli l'interesse semplice. Questo ad esempio quando si tratta di decidere se tenere i propri soldi sul proprio conto corrente oppure aprire un conto deposito...
Finanza Personale

Come calcolare il tasso interno di rendimento di un investimento

Sempre più persone decidono di effettuare un investimento per poter avere un guadagno mensile più cospicuo, magari arrotondando lo stipendio stesso. Come tutte le scelte da prendere con in ballo il denaro, si vorrebbe avere un certo grado di sicurezza...
Finanza Personale

Come calcolare il tasso di crescita annuo

Esiste generalmente una sproporzione tra i bisogni della popolazione e le risorse disponibili per soddisfarli. Dal punto di vista economico vengono utilizzati alcuni calcoli che aiutano stabilire alcuni parametri. Questi servono a quantificare l'investimento...
Finanza Personale

Come calcolare l'interesse di un buono fruttifero

Il buono fruttifero è un prodotto finanziario per la gestione del risparmio. Ha, da sempre, un grande riscontro tra i risparmiatori, trattandosi in uno strumento finanziario molto semplice e molto utile per conservare i propri risparmi.Il buono fruttifero...