Come calcolare il surplus del produttore

Tramite: O2O 14/05/2019
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molto spesso, in microeconomia, si sente parlare del concetto di "surplus del produttore", detto anche "sovrappiù del produttore". Con questo concetto si indica la differenza, sempre positiva, che intercorre fra il prezzo di vendita di un bene e il prezzo che il produttore avrebbe dovuto accettare per tutte le quantità inferiori di quel bene. Il bene si può spesso indicare anche con il termine di servizio. In termini matematici, è sempre possibile calcolare il surplus del produttore avvalendosi di una semplice formula. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi il modo più corretto per calcolare tale surplus del produttore. Vediamo come procedere.

26

Disegnare la curva di offerta

In linea generale, si può affermare che il produttore è in una situazione di equilibrio economico quando il costo marginale del bene equivale al prezzo. Si può, in questi casi, rappresentare graficamente tale equilibrio con una curva di offerta che coincida con il tratto crescente della curva che rappresenta il costo marginale. È dunque evidente che, all'aumento della quantità che si offre, aumenterà anche il costo marginale, con la conseguenza che il produttore possa chiedere un prezzo sempre più elevato. Vediamo dunque come procedere per calcolare tale surplus.

36

Stabilire il punto di equilibrio

Per il calcolo del surplus del produttore, sarà necessario rappresentare le curve di domanda ed offerta con due rette, che troveranno il punto equilibrio nella zona che indicheremo con E. Nella parte sinistra del punto E, il produttore è disposto a vendere il bene ad un prezzo inferiore rispetto a quello che il consumatore sia realmente disponibile a pagare. Ed è proprio questo che permette al produttore di aumentare la quantità Qe offerta, fino ad arrivare ad offrire al prezzo Pe. Nella parte destra del punto di equilibrio E, invece, il produttore è costretto a chiedere un prezzo superiore a quello che il consumatore è disponibile a pagare. Da ciò si evince che occorre ridurre la produzione fino a giungere alla quantità Qe .

Continua la lettura
46

Calcolare il sovrappiù del produttore

Da ciò ne consegue che, quando si ottiene l'equilibrio, il produttore ottiene il prezzo Pe per tutte le quantità vendute, ivi comprese quelle quantità che poteva vendere ad un prezzo inferiore. Il suo surplus (e qui veniamo alle modalità di come si calcola) è dunque pari all'area di un triangolo che indicheremo con la dicitura di "Pmin Pe E". Quindi il surplus del produttore SP, sarà uguale a 1/2 Qe (Pe-Pmin). Questa rappresenta la formula matematica con la quale, in ogni occasione, sarà dunque possibile calcolare il surplus del produttore.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzate la formula del surplus del produttore per misurare l'effetto di shock su tutte le imprese di un mercato, senza dover per forza analizzare il profitto di ogni impresa nella sua singolarità
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare i costi di produzione

Calcolare i costi di produzione di un'attività è uno dei passaggi indispensabili per la corretta gestione dei propri affari. Posto che tra gli elementi del calcolo vi possano essere una serie di varianti da prendere in considerazione in funzione del...
Aziende e Imprese

Come calcolare la percentuale del tasso di crescita annuo

La percentuale del tasso di crescita annuo viene calcolata utilizzando un valore iniziale e un valore finale per un determinato periodo di tempo, tenendo conto degli effetti dell'interesse composto. Ad esempio, se si desidera far crescere i ricavi aziendali...
Aziende e Imprese

Come calcolare il ROI

ROI è l'acronimo di "Return on Investment" che tradotto dall'inglese significa "Ritorno sull'investimento". Viene utilizzato per indicare l'indice che identifica la redditività del capitale investito. Praticamente serve per capire quanto il capitale...
Aziende e Imprese

Come calcolare e iscrivere a bilancio il fondo di ammortamento

Ogni società, all'interno della propria contabilità, si deve occupare di gestire l'ammortamento di alcuni beni immateriali e materiali. La valutazione di questi ultimi è una parte fondamentale, che deve essere fatta con particolare cautela, basta seguire...
Aziende e Imprese

Come calcolare il fondo di ammortamento

L'ammortamento fa parte dei costi contabili che consentono alle varie aziende di distribuire il costo del valore di un bene, durante l'intera vita utile del bene stesso. In poche parole, l'ammortamento consente alle aziende di calcolare il costo di un...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di redditività

Gli indici di redditività sono tra gli strumenti più utili per una buona gestione d'impresa ed hanno la funzione di verificare la capacità dell'impresa di produrre reddito in grado di remunarare il capitale investito e generare risorse.Calcolare la...
Aziende e Imprese

Come calcolare il valore aggiunto del conto economico

Una voce fondamentale di calcolo presente nel bilancio di ogni attività è sicuramente il valore aggiunto. Il valore aggiunto rappresenta il primo margine del conto economico, praticamente quello che indica quanto reddito produce la gestione caratteristica...
Aziende e Imprese

Come calcolare la rotazione del capitale investito

Quando bisogna gestire una società oppure un'azienda, diventa tassativo determinare periodicamente la rotazione del capitale investito in relazione alle vendite effettuate. È molto importante eseguire questo calcolo con estrema precisione per venire...