Come Calcolare il DSCR

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Ogni società e impresa che si rispetti purtroppo deve far fronte a delle spese gestionali che comportano alcune volte dei rischi, ai quali è importante far fronte e soprattutto capire se si è in grado. Esistono degli strumenti appositi per calcolarli. Il DSCR (Debt Service coverage Ratio) è un rapporto che misura la capacità di una società o di un privato a far fronte ai suoi debiti. Più è alto questo rapporto, più è facile ottenere un prestito. Questo rapporto deve essere superiore ad 1: se è inferiore, ad esempio 0.95, significherebbe che è presente un flusso di cassa negativo. Solitamente il DSCR minimo deve essere di 1.20-1.30, mentre quello medio di 1.30-1.40. In questa guida vediamo come calcolare correttamente il DSCR. In questa guida vedremo come Calcolare il DSCR attraverso pochi e semplici passaggi, in cui daremo utili consigli in merito.

24

Il DSCR a volte viene chiamato anche ADSCR in quanto si tratta di misurazione annuale, la A sta appunto per Annual. Nella sostanza si vede quanto il flusso finanziario del periodo copra il servizio del debito, ovvero la somma da rimborsare al nostro creditore. Molte nuove attività, e quindi imprese, vengono finanziate con debito, per questo l'indice viene usato nella presentazione dei progetti. I creditori vogliono conoscere il flusso di cassa di una società e quindi quanto denaro ha a disposizione per pagare i debiti presenti e futuri.

34

Il calcolo è molto semplice. Il DSCR è pari al rapporto, calcolato per il periodo previsto per la durata del finanziamento, tra il flusso di cassa operativo generato dall'azienda e il servizio del debito comprensivo di quota capitale e quota di interessi. Se il Debt Service Coverage Ratio viene effettuato in un'ottica previsionale, è possibile che i debitori chiedano ulteriori garanzie. Non esiste un livello standard con cui confrontare gli indici di copertura del debito, il limite considerato ammissibile verrà stabilito di volta in volta a seconda delle garanzie fornite e della forza contrattuale delle parti. Il DSCR è un indice annuale del debito ed esprime, quindi, un indice istantaneo cioè esprime le possibilità dell'azienda di rimborsare la rata del debito relativa al corrente anno. Calcolando la media dei singoli DSCR si ottiene l'Average Debt Service Cover Ratio (ADSCR) .

Continua la lettura
44

Vediamo ora un esempio di calcolo. Ricordiamo che il Cash Flow Operativo è dato nella sostanza dagli incassi legati all'attività caratteristica meno i pagamenti legati all'attività caratteristica. Ipotizziamo che un'impresa abbia Un Cash Flow Operativo pari a 100.000 €, la rata del debito che deve rimborsare annualmente è pari a 50.000€ composta da una Quota Capitale pari a 40.000 € e una Quota Interessi pari quindi a 10.000 €. Il DSCR sarà quindi dato da 100.000€ / 50.000 € ovvero al 200 %. SI tratta di un valore molto alto che indica una grande capacità di rimborso del debito da parte del soggetto finanziato.
Calcolare il DSCR non è sempre facile, molte variabili entrano in gioco ed è necessario essere preparati a questo. Se non sapete ancora come fare vi sarà sufficiente iniziare applicando i principi elencati in questa guida, e continuare poi le ricerche, magari rivolgendovi a qualche specialista del settore che sappia guidarvi nella giusta direzione. Non mi resta che augurarvi buon lavoro e buona fortuna.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di redditività

Calcolare la redditività di un'azienda o di un'azione finanziaria è alla base della sua buona riuscita e delle conseguenti possibilità di investire e calcolare gli investimenti. Esistono due diversi tipi di indice di redditività: l'indice di redditività...
Aziende e Imprese

Come calcolare la percentuale del tasso di crescita annuo

La percentuale del tasso di crescita annuo viene calcolata utilizzando un valore iniziale e un valore finale per un determinato periodo di tempo, tenendo conto degli effetti dell'interesse composto. Ad esempio, se si desidera far crescere i ricavi aziendali...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Roi Return On Investment

ROI è l'acronimo di "Return on Investment" che tradotto dall'inglese significa "Ritorno sull'investimento". Viene utilizzato per indicare l'indice che identifica la redditività del capitale investito. Praticamente serve per capire quanto il capitale...
Aziende e Imprese

Come calcolare i costi di produzione

Calcolare i costi di produzione di un'attività è uno dei passaggi indispensabili per la corretta gestione dei propri affari. Posto che tra gli elementi del calcolo vi possano essere una serie di varianti da prendere in considerazione in funzione del...
Aziende e Imprese

Come calcolare e contabilizzare l'accantonamento Tfr

Il "Trattamento di Fine Rapporto", anche detto "TFR", liquidazione o buonuscita, è un indennizzo o risparmio forzoso a corresponsione differita. Il compenso viene pagato a fine collaborazione dal datore di lavoro, con una quota che viene versata mensilmente...
Aziende e Imprese

Come calcolare il fondo di ammortamento

L'ammortamento fa parte dei costi contabili che consentono alle varie aziende di distribuire il costo del valore di un bene, durante l'intera vita utile del bene stesso. In poche parole, l'ammortamento consente alle aziende di calcolare il costo di un...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Multiplo Enterprise Value To Ebit

I multipli di mercato rappresentano delle grandezze molto utilizzate nel settore finanziario, che vengono principalmente usate soprattutto per calcolare il valore di un'azienda e per confrontarla con le altre società quotate, presenti sul mercato. In...
Aziende e Imprese

Come calcolare i dividendi

In particolare, quando le variazioni di una azienda sono orientate verso una crescita veloce nel tempo, i dividendi pagati agli azionisti possono essere decisamente bassi, oppure non sussistere affatto, in quanto l'obiettivo è quello di reinvestire quanto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.