Come calcolare i contributi INPS delle colf

Tramite: O2O 28/03/2017
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La vita frenetica dei nostri giorni toglie alle famiglie molto tempo. Ci sono enormi difficoltà nella gestione della casa. È frequente, quindi, il ricorso all'aiuto di una colf. Negli ultimi tempi, questo mestiere è sempre più qualificato. La legge tutela le lavoratrici domestiche, le quali hanno diritto all'assicurazione e al versamento dei contributi. Questa guida vi spiegherà come calcolare esattamente i contributi INPS delle nostre colf.

27

Occorrente

  • calcolatrice
37

calcolare la retribuzione oraria

L'importo dei contributi delle colf, varia in base alle ore di lavoro settimanali. Possono essere fino a ventiquattro, oppure superiori a venticinque. La retribuzione concordata non deve essere mai inferiore ai limiti fissati dall'INPS. L'importo varia anche in base alla durata del contratto di lavoro se a tempo indeterminato o determinato. Per il tempo determinato si applica una maggiorazione.

47

differente calcolo su orario fino a ventiquattro ore o superiore

Se per esempio la colf lavora fino a ventiquattrore e l?ora percepisce 7,22 euro, i contributi ammontano a 1,34 (0,32 euro a carico del lavoratore). Se l?ora percepisce tra i 7,22 e gli 8,81, i contributi ammontano a 1,51 euro (0,36 euro a carico del lavoratore). Infine, se percepisce una quota pari o superiore agli 8,81 i contributi sono 1,85 (0,44 a carico della colf). Se la colf lavora oltre le venticinque ore alla settimana, bisogna tenere conto di una fascia a parte. In questo caso non si deve tenere conto della retribuzione oraria del lavoratore, esso percepirà contributi pari a 0,98 euro (0,23 euro a suo carico).

Continua la lettura
57

aggiungere la quota di tredicesima

Per il conteggio dei contributi, occorrono anche i calcoli della quota di tredicesima spettante al lavoratore. Per fare ciò si moltiplica la retribuzione per le ore lavorative settimanali e poi la si moltiplica per tredici settimane; il totale di questo lo si divide per dodici e, a sua volta si divide questo risultato per le ore totali mensili. Così facendo si ottiene una quota oraria che poi si dovrà sommare alla retribuzione oraria.

67

calcolo finale

Il datore di lavoro, anche se deve versare all'INPS l'importo totale dei contributi che comprende anche la parte a carico del lavoratore, ha diritto a sottrarre dallo stipendio concordato con il lavoratore l'importo anticipato. Quindi seguendo i pochi e semplici passaggi riportati all'interno di questa guida, sapremo finalmente come fare per riuscire a calcolare correttamente i contributi INPS delle nostre colf. Per chi è alle prime armi con questo tipo di pratiche, potrà trovare i passaggi precedenti leggermente complicati, tuttavia con un po' di pazienza e provando varie volte, riusciremo alla fine ad ottenere un risultato perfetto.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllare le normative INPS aggiornate
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Contratto e lettera di assunzione per una colf

Il termine colf è l'abbreviazione di collaboratore o collaboratrice familiare. Un collaboratore familiare o lavoratore domestico è una persona che presta un'attività lavorativa continuativa per una famiglia: baby-sitter, domestiche, camerieri, badanti,...
Richieste e Moduli

Come versare la gestione separata Inps

Tutte le attività lavorative da cui si genera reddito per la precisione superiore ai 5000 euro, richiedono l'obbligo di versare i contributi previdenziali. Nello specifico si tratta di pagare in percentuale quanto percepito, e ciò può avvenire in forma...
Richieste e Moduli

Cos'è e come richiedere il codice Spid Inps

Nell'era digitale anche in Italia tutti i servizi di pubblica utilità sono stati semplificati ed automatizzati con un sistema computerizzato, che consente ai cittadini di usufruirne senza più lunghe code agli sportelli di alcuni enti quindi con un sostanziale...
Richieste e Moduli

Come chiedere l'accredito dei contributi figurativi

I contributi figurativi rappresentano la soluzione ottimale per quei lavoratori che hanno un sistema previdenziale già attivo, e che per svariate cause si trovano nell'impossibilità di versare le quote dovute annualmente. Tra queste ci sono malattie,...
Richieste e Moduli

Come iscriversi all'INPS

L'INPS è un'ente piuttosto importante nel nostro paese, soprattutto per quanto riguarda il versamento dei contributi per la propria pensione, e per riceverla nel momento in cui si finirà la propria attività lavorativa.L'iscrizione all'INPS è obbligatoria...
Richieste e Moduli

Come richiedere un estratto contributivo all'INPS

L'INPS è un istituto molto complesso e occorre tenersi sempre aggiornati sui regolamenti e sulle novità che vengono introdotte. Il sistema contributivo italiano infatti, ha delle regole ben stabilite e occorre adeguarsi per non trovarsi poi a dover...
Richieste e Moduli

Come richiedere l’estratto contributivo sul sito Inps

Sul sito dell'INPS (www.inps.it), potrete trovare disponibili informazioni varie relative al contribuente, tra cui anche il proprio estratto contributivo. In tale tutorial, vi daremo certi suggerimenti su come fare ad ottenere tutte le informazioni, ed...
Richieste e Moduli

Come versare i contributi Enasarco

Gli agenti di commercio, così come i rappresentati, sono tenuti a versare i contributi previdenziali alla fondazione Enasarco (Ente Nazionale di Assistenza Agenti e Rappresentanti di Commercio), quale ente previdenziale della categoria, che eroga una...