Come calcolare gli indici di rotazione dei crediti e dei debiti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'analisi per indici si occupa di calcolare quozienti o rapporti tra valori e grandezze di natura diversa. Si distingue a seconda dell'aspetto della gestione che viene esaminato. L'analisi finanziaria, in particolare, va a esaminare quella che è l'attitudine dell'azienda a fronteggiare i fabbisogni finanziari, ovviamente senza che venga in alcun modo compromesso l'andamento economico. Tra gli indici di liquidità vengono solitamente annoverati anche gli indici di rotazione. Tali indici esprimono la "velocità di rigiro" del complesso degli impieghi o di singoli elementi del patrimonio. Nei passi successivi di questa guida, a tale proposito, ci occuperemo di capire come imparare a calcolare i tassi riferiti a crediti e debiti commerciali, anche al fine di evitare eccessi o difetti di liquidità.

25

Oltre al noto indice di rotazione degli impieghi, che viene considerato come un indice di sintesi della capacità di utilizzo dei capitali investiti, abbiamo altri indici i cui riferimenti sono più analitici. Tra questi troviamo: l'indice di rotazione dell'attivo circolante, l'indice di rotazione delle scorte e, infine, l'indice di rotazione dei crediti v/clienti.

35

Andiamo ora ad analizzare in maniera più dettagliata l'indice di rotazione dei crediti v/clienti. In esso bisogna tenere conto in aumento dei ricavi anche l'IVA, in quanto i crediti si riferiscono alle fatture di vendita, il cui totale include tale imposta. La velocità di rigiro degli impieghi varia da settore a settore, ad ogni modo più l'indice è alto, minore, a parità di condizioni, sarà il fabbisogno finanziario dell'azienda. Quindi, da questo possiamo facilmente dedurre che tale indice è il rapporto tra i ricavi di vendita, aumentati dell'IVA, e i crediti v/clienti. L'indice di rotazione dei crediti sarà dunque dato da: ricavi di vendita + IVA / Crediti v/clienti.

Continua la lettura
45

La durata delle "dilazioni medie" di pagamento, che vengono ottenute dai fornitori o concesse ai clienti, vanno a modificare i fabbisogni finanziari. Esse devono essere calcolate in giorni in base alle formule che seguono. Giorni di dilazione media sugli acquisti = Debiti v/fornitori / Totale debiti v/fornitori sorti nell'anno x 365; Giorni di dilazione media sulle vendite = Crediti v/clienti / Totale crediti v/clienti sorti nell'anno x 365. Più è elevata la dilazione media ottenuta dai fornitori, minori saranno le esigenze di ricorrere ad altre forme di finanziamento. Maggiore è la dilazione media concessa ai clienti, maggiori saranno le esigenze di disporre di mezzi finanziari, in quanto l'azienda, attraverso le vendite a credito, in pratica va a finanziare in questo modo la propria clientela. La dilazione media concessa ai clienti è conosciuta con la sigla DSO (days sales outstanding, esposizione dei giorni di vendita).

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di redditività

Calcolare la redditività di un'azienda o di un'azione finanziaria è alla base della sua buona riuscita e delle conseguenti possibilità di investire e calcolare gli investimenti. Esistono due diversi tipi di indice di redditività: l'indice di redditività...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di elasticità dello stato patrimoniale

Per chi possiede un'attività, grande o piccola che sia, sa che è importante conoscere lo stato patrimoniale del proprio esercizio, ovvero avere una valutazione in termini economici sull'attivo e il passivo. Questi sono parametri che devono essere continuamente...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di bilancio

Ogni azienda al termine del proprio anno fiscale o esercizio deve redigere il bilancio, che riassume la situazione economica e quella finanziaria della propria attività. In particolare, il conto economico evidenzia l'utile o la perdita, calcolati dalla...
Aziende e Imprese

Società semplice: debiti sociali e debiti personali

L'Ordinamento italiano distingue le società in due grandi gruppi: società di persone e società di capitali. La società semplice, in particolare, rientra nel novero delle società di persone. Si tratta del tipo più elementare di società e si caratterizza...
Aziende e Imprese

Come calcolare l'indice di rotazione delle scorte in magazzino

Calcolare le scorte che mediamente si detengono nel proprio magazzino rappresenta, sicuramente, una delle attività più complicate inerenti ad una gestione aziendale. Questa, tuttavia, costituisce una fase assolutamente fondamentale ai fini del perseguimento...
Aziende e Imprese

Come Calcolare I Periodi Di Dilazione Media

La dilatazione media, conosciuta anche con la denominazione di sfasamento, rappresenta quella capacità da parte di un'azienda di allungarsi oppure di restringersi a seconda delle esigenze. Calcolando i periodi di dilazione media, sarà possibile avere...
Aziende e Imprese

Come condurre un'analisi di bilancio per indici

L'analisi di bilancio per indici offre una sintesi sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell'azienda, per monitorarne l'andamento. Questo tipo di bilancio è rivolto ai soci, ai creditori, agli azionisti, allo stato, ecc, ed è utile...
Aziende e Imprese

Come compensare le cartelle esattoriali con i crediti verso la P.A.

Per compensazione delle cartelle esattoriali, si intende la possibilità di poter saldare le proprie pendenze debitorie nei confronti di una Pubblica Amministrazione, attraverso eventuali crediti commerciali vantati nei confronti di quest'ultima. Per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.