Come aprire una profumeria

Tramite: O2O 02/10/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come aprire una profumeria. Al giorno d'oggi, come si può notare girovagando per i vari centri commerciali, la maggior parte delle profumerie presenti è legata ad una catena oppure ad un marchio. Per farla breve, le profumerie medesime esistono quasi esclusivamente in modalità franchising e sono abbastanza limitati i negozi più artigianali ed autonomi. Tutto ciò è dovuto al fatto che la clientela è abituata ad avere delle garanzie legate ad un marchio di profumi di fama internazionale. C'è da dire comunque che il fatto di aprire questo tipo di attività può dare sicuramente delle soddisfazioni, considerando poi che è possibile vendere anche altri prodotti utili al corpo come ad esempio creme, lozioni, smalti e accessori per il trucco. Chi si occupa dunque di attività di profumeria deve comunque conoscere nel minimo dettaglio le caratteristiche delle creme che vende e di tutti gli altri prodotti, così da poter informare i clienti su ciò che intendono acquistare. Aprire una profumeria è veramente molto semplice, anche se vanno seguite alcune procedure previste dalle normative vigenti.

27

Occorrente

  • requisiti morali
  • DIA
  • nulla osta sanitario
37

La strutturazione del business plan

Costanza, impegno e ovviamente un capitale iniziale sono le prime condizioni da soddisfare per far si che il sogno si avveri. Il primo passo utile è quello di strutturare un Business Plan che tenga conto del panorama economico e finanziario attuale.
L'esercizio commerciale in oggetto si può avviare in proprio o in franchising, ma in questo secondo caso i requisiti sono differenti in quanto sono richiesti una certa ampiezza del locale e una zona in cui non sia già presente il franchising per il quale si opta. Sarà poi fondamentale riuscire a gestire nel miglior modo possibile una serie di risorse come ad esempio i fornitori, i dipendenti ed inoltre tutte le spese del locale. Si dovrà poi stare costantemente dietro al mercato, facendo in modo di accontentarlo e di scegliere sempre prodotti di qualità.

47

L'apertura della partita IVA

Sarà indispensabile aprire una partita Iva, senza la quale sarebbe precluso l'acquisto all'ingrosso e la vendita al dettaglio. Inoltre, come sempre quando si decide di aprire un'attività commerciale, è indispensabile l'iscrizione alla Camera del Commercio della propria provincia e all'Inps, ossia l'ente di provvidenza sociale senza il quale non sarebbe possibile pagare i contributi pensionistici e assicurativi e all'INAIL, il quale fornisce tutto il supporto economico in caso d'infortunio sul posto di lavoro.

Continua la lettura
57

La ricerca del locale

Sarà ora necessario mettersi alla ricerca di un locale adeguato per potervi esercitare l'attività di profumeria. È sempre bene scegliere un posto dove vi sia un notevole afflusso di persone, per esempio a ridosso di una grande città. Una volta trovato il locale, se lo stesso non supera i 150 mq è sufficiente inviare, presso il Comune in cui si trova l'immobile commerciale, un'autorizzazione prima dei trenta giorni antecedenti l'apertura del locale. In mancanza di un divieto da parte dell'ente sarà possibile aprire i battenti della propria impresa nella data programmata. Se, in caso contrario, l'immobile dovesse superare i 150 mq occorre attendere l'autorizzazione esplicita da parte del comune, che ne verificherà prima l'agibilità. Una volta superati questi ostacoli ci si dovrà necessariamente occuparsi dei contratti con i fornitori, che permetteranno di reperire la merce da vendere ai propri clienti. Anche in questo caso le opzioni a disposizione sono varie: il fornitore potrebbe proporre di pagare dopo l'effettiva vendita la merce consegnata (opzione conveniente ma per la quale non tutte le case cosmetiche optano), oppure potrebbe richiedere un acquisto minimo con pagamento immediato.

67

I costi iniziali d'investimento

Parlando ora di quelli che sono i costi iniziali di investimento, va detto che questi ultimi dipendono da diversi fattori, ossia dal fatto di essere in proprio oppure di essere affiliato ad un determinato marchio, nonché dall'ampiezza del locale e dalla scelta della zona in cui operare. Se si decide di aprire in maniera totalmente autonoma, si deve sapere che l'investimento iniziale sarà medio-alto, visto e considerato che si dovranno ammortizzare tutti i costi che riguardano le case produttrici, le relative certificazioni, il marketing e poi gli stipendi dei dipendenti. Ne consegue che per realizzare tutto ciò risulterà indispensabile un cospicuo capitale, il quale varierà in base alle proprie effettive esigenze e dei gusti personali in fatto di arredamento. Nel caso in cui non si disponga di una somma così elevata, è consigliato ricorrere ad altri mezzi come i prestiti o gli incentivi.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di autoricambi

Chi non ha mai desiderato di aprire un proprio negozio di antiquariato, una profumeria, un piccolo bar o magari una piccola attività commerciale? Al giorno d'oggi, la maggior parte delle persone preferiscono aprirsi un'attività commerciale online. La...
Aziende e Imprese

Come aprire un circolo Aics

Come aprire un circolo AICS? Qui trovate un elenco di tutte le documentazioni necessarie, nelle procedure burocratiche, per avere tutti i permessi, per aprire questa associazione privata. Si può usufruire di finanziamenti, proponendo iniziative e servizi...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di elettronica online

Ormai il mercato degli oggetti e soprattutto dei prodotti tecnologici ed elettronici si sta spostando sempre di più verso gli store online. Sono sempre di più, infatti, coloro che sono alla ricerca di offerte o affari sul web per provare a risparmiare...
Aziende e Imprese

Come aprire un salone di bellezza

Molte donne sognano un salone di bellezza, non solo per entrarci e sottoporsi a rilassanti massaggi. Ma anche da averne uno da aprire e gestire personalmente. Abbiamo appena finito la scuola di estetista? O di parrucchiere? Sogniamo anche noi di metterci...
Aziende e Imprese

Come aprire una rosticceria

Se vi piacerebbe entrare a far parte del mondo del commercio, ma non sapete come fare, in questa guida potrete trovare qualche dritta. Specialmente se la vostra intenzione è quella di aprire una rosticceria, quindi di aprire un'attività di tipo alimentare....
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di ceramiche e piastrelle

Se volete mettervi in proprio una delle soluzioni è quella di aprire un negozio. Ovviamente, dovete cercare di intraprendere tale attività, in base alle vostre conoscenze. Se per esempio volete aprire un negozio di ceramiche e piastrelle occorre che...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di fai da te

Una buona soluzione per "trovare lavoro" è quella di mettersi in proprio. Però non è cosa da tutti aprire un'attività. Serve innanzitutto determinazione e capacità di assumersi gli eventuali rischi. Inoltre occorre capacità di risolvere con calma...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio

Oggigiorno il lavoro è difficile da trovare e qualora si riuscisse ad ottenere non è detto che duri per sempre. Ecco che allora potremmo pensare di diventare i nostri stessi datori di lavoro. Come da titolo, quello di cui stiamo parlando è di aprire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.