Come Aprire una posizione contributiva all'Inps

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Se sei un titolare d'impresa devi sapere che è necessario aprire presso l'Inps, ovvero l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, una posizione contributiva. In questo modo infatti potrai soddisfare qualsiasi obbligo previdenziale e assistenziale a favore dei tuoi dipendenti. Per controllare che i tuoi contributi siano stati versati puoi semplicemente verificarlo sul tuo estratto conto contributivo. Si tratta essenzialmente di un elenco dei contributi i quali possono essere versati in maniera autonoma oppure dal datore di lavoro. Nella seguente guida dunque verrà spiegato, in maniera dettagliata ed esaustiva, come fare per poter aprire una posizione contributiva.

24

La prima cosa da fare per poter aprire una posizione contributiva consiste nel recarsi presso l'Inps e procurarsi un modulo specifico per la richiesta. Dopo averlo compilato in tutti i suoi campi con le informazioni che ti vengono richieste devi riconsegnarlo allo stesso ente presso il quale lo hai ritirato. Una cosa molto importante che non devi dimenticare di inserire sono i dati della tua azienda. Se è presente anche un rappresentante legale è fondamentale inserire anche i dati di quest'ultimo.

34

Dopo aver fatto ciò dovrai specificare anche i dati che interessano l'attività svolta. Ad esempio ti verranno sicuramente chieste la data specifica dell'inizio dell'attività e il numero dei dipendenti che lavorano nell'azienda. In questo caso però dovrai fare una distinzione ben precisa tra gli impiegati e gli operai e precisare nella maniera più dettagliata possibile il numero dei primi e quello dei secondi. Inoltre, se hai già aperto precedentemente delle posizioni contributive presso l'Inps o altri enti, lo dovrai ovviamente dichiarare.

Continua la lettura
44

Se hai una persona esperta, come ad esempio un consulente del lavoro oppure un commercialista, che si occupa delle operazioni contributive della tua impresa dovrai avere cura di immettere anche i suoi dati. Quando avrai finalmente compilato tutto in modulo in ogni minima parte senza tralasciare nulla, dovrai ricordarti di firmarlo e di consegnarlo all'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale della tua zona. Infine, nel caso in cui tu voglia controllare che ti siano stati versati i contributi puoi scegliere tra quattro differenti opzioni: controllare il tuo estratto conto contributivo, rivolgerti a un Patronato, collegarti al sito internet dell'Inps oppure chiamare il numero verde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come si calcolano le pensioni INPDAP

L'INPDAP, vecchio ente di gestione del sistema contributivo dei dipendenti pubblici, venne assorbito dall'INPS nel 2012. Pertanto, il calcolo delle pensioni attualmente viene effettuato da quest'ultima. Con la nuova gestione, la procedura ha subito significativi...
Previdenza e Pensioni

INPS: come chiedere l'estratto conto

L'estratto conto INPS è un elenco che annota e tiene conto di tutti contributi versati all'ente previdenziale in questione, da parte del lavoratore. In pratica in questo documento, per ogni lavoro svolto in ogni periodo della propria vita, sia esso in...
Previdenza e Pensioni

Contributi INPS non versati: sanzioni e prescrizione

I contributi INPS si dovrebbero versare sempre rispettando i termini stabiliti. Le scadenze si basano sugli importi e sul tipo di attività che si esercita. Un mancato pagamento dei contributi pota inevitabilmente ad alcune sanzioni amministrative. L'INPS...
Finanza Personale

Come ricongiungere contributi Inps e Inpdap

Quando si lavora soprattutto all'inizio della carriera, lontano è il pensiero della pensione e quindi anche se cambiate spesso lavoro, non vi fermate a pensare se i contributi sono versati sempre nello stesso ente o no, poi con il passare degli anni...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere la totalizzazione dei contributi

Tutti i lavoratori autonomi, dipendenti o liberi professionisti possono richiedere la totalizzazione dei contributi. La totalizzazione a differenza della ricongiunzione è completamente gratuita, e ciò potrebbe aiutare molto i lavoratori che la richiedono....
Finanza Personale

Come verificare la propria posizione contributiva

Al giorno d'oggi garantirsi un futuro pensionistico è di fondamentale importanza. Purtroppo non sempre è facile costruire una solida posizione contributiva che possa far dormire sogni tranquilli. In questa guida, a tal proposito, vi sarà spiegato passo...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione contributiva

La pensione contributiva è stata introdotta con la cosiddetta riforma Dini, legge n. 335 del 1995, insieme a successivi interventi legislativi n. 449 del 1997 e la successiva riforma Maroni del 2004. Questi interventi hanno cambiato profondamente il...
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente gli oneri sociali

Tra le diverse incombenze a carico di aziende che fruiscono delle prestazioni di lavoro dipendente, una delle più onerose (sia dal punto di vista economico che da quello contabile) è rappresentata dalla contribuzione sociale da trattare a carico dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.