Come aprire una pizzeria all'estero

Tramite: O2O 15/03/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pizza rappresenta certamente un simbolo della preziosa ed apprezzata gastronomia italiana, la quale è divenuta estremamente famosa anche all'estero, infatti, negli ultimi anni, sembra aver assunto una posizione di notevole importanza nel campo relativo alla ristorazione. Inizialmente, nascevano pizzerie di piccole dimensioni, le quali proponevano questa particolare specialità, al giorno d'oggi invece quasi tutti i ristoranti hanno incrementato le loro entrate, offrendo anche un servizio dedicato alla pizzeria. In questi ultimi tempi, moltissimi pizzaioli si trasferiscono all'estero per poter esercitare in maniera più appagante la propria professione. In questa guida, attraverso una serie di utili e semplici mosse, vi spiegherò come aprire una pizzeria all'estero. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • locale
  • attrezzature necessarie
  • permessi
  • Partita IVA
  • modulo
  • tovagliato
36

Negli ultimi anni, le statistiche segnano sempre di più come il numero dei pizzaioli in Italia diminuisce notevolmente, questo soprattutto a causa della grave e diffusa crisi economica che colpisce attualmente la maggior parte delle famiglie. Infatti, anche se le pizzerie difficilmente falliscono, il lavoro del pizzaiolo risulta essere particolarmente faticoso e, nella maggior parte dei casi, la paga risulta essere esageratamente bassa. Proprio per questo motivo, a volte, chi svolge il lavoro di pizzaiolo riscontra il desiderio di mettersi in proprio, avviando così una propria pizzeria all'estero, per cercare di incrementare i propri guadagni.

46

Innanzitutto, la prima operazione da compiere è sicuramente quella di possedere o a prendere in affitto un locale, adatto per avviare la vostra graziosa pizzeria. Sono molti altri i costi necessari che devono essere inizialmente affrontati, quali ad esempio quelli destinati all'acquisto delle attrezzature e di tutto il materiale. Successivamente, dovrete ottenere i permessi necessari per avviare la vostra attività, dopodiché dovrete recarvi all'Agenzia delle Entrate per munirvi della partita IVA, compilando un apposito modulo relativo all'apertura di una pizzeria.

Continua la lettura
56

Arrivati a questo punto, dovrete destinare una parte del vostro capitale iniziale, per acquistare il tovagliato, compreso anche di posate, piatti, bicchieri e molto altro ancora. In seguito, dovrete necessariamente acquistare un'impastatrice, una friggitrice ed ogni altro utensile necessario per svolgere la vostra attività. Infine, per garantire un'ottima qualità della vostra pizza, dovrete sicuramente utilizzare un forno a legna da far costruire all'interno del vostro locale. Buona fortuna!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come aprire una pizzeria a Malaga

Se siete amanti del sole, e del clima spagnolo e in più la pizza è la vostra passione e volete fare un investimento lavorativo per il vostro futuro, potete tenere presente e considerare come miglior scelta di aprire una pizzeria in Spagna. Il periodo...
Aziende e Imprese

Come avviare una pizzeria in Germania

Gli italiani sono rinomati per essere degli ottimi cuochi e dei perfetti pizzaioli. Quando all'estero si parla di pizza, il prodotto viene automaticamente associato all'Italia: siamo i "grandi campioni" in questa specialità culinaria e sebbene ci sia...
Aziende e Imprese

Come prendere in gestione una pizzeria

Investire in un'attività commerciale non sempre porta ai risultati sperati e spesso ci si ritrova a dover chiudere bottega ancora prima di aprirla. Potrebbe essere questo il caso in cui si voglia prendere in gestione una pizzeria. Tuttavia non vogliamo...
Aziende e Imprese

Come gestire una pizzeria

La ristorazione può essere un’attività imprenditoriale molto interessante, che procurerà grandi soddisfazioni, basti pensare che ogni anno si consumano una media di circa 2 miliardi e mezzo di pizze, pari a circa 45 pizze per persona. Ma gestire...
Aziende e Imprese

Regime dei minimi: come fatturare a un cliente estero

Il regime fiscale, che consente ad una ben precisa categoria di persone di diminuire le spese amministrative in modo molto vantaggioso, è il cosiddetto regime dei minimi. Interessa in maggior modo le imprese individuali e quelle professionali. In questa...
Aziende e Imprese

Come trasferire la sede legale all'estero

La sede legale di una persona giuridica è il luogo dove si ha il centro di amministrazione degli affari. Il concetto di sede legale è l'equivalente del domicilio per le persone fisiche. A volte molte società di capitali oppure le cooperative indicano...
Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda in Romania

Aprire un'azienda in Romania può risultare tutto fuorché semplice, ma certamente non è impossibile. Con l'entrata nell'Unione Europea, infatti, la Romania ha dovuto attuare delle riforme economiche, che hanno reso molto più semplice ed economica la...
Aziende e Imprese

Come aprire una piadineria ambulante

Con l'avanzare della crisi e il continuo aumento del tasso di disoccupazione, il numero dei ragazzi che sceglie di intraprendere una attività gastronomica è sempre maggiore. Aprire un locale, però non sempre è alla portata di tutti in termini economici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.