Come aprire una ditta in Svizzera

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La crisi economica che ha attraversato il nostro Paese in questi ultimi anni ha indotto molti connazionali a cercare fortuna in altri Stati europei, nonostante questi ultimi abbiano dovuto a loro volta fare i conti con una recessione non indifferente. La Svizzera sembra rappresentare una piccola eccezione, apparendo agli occhi di diverse persone come un luogo nel quale è possibile portare avanti senza problemi un'attività, grazie alla stabilità politica e a tasse che risulterebbero inferiori a quelle italiane. Inoltre, il territorio elvetico gode di uno dei tassi di disoccupazione meno elevati dell'intera zona europea. Nella presente guida, verrà indicato come aprire una ditta in Svizzera; questo potrà essere fatto grazie alle ottime condizioni generalmente stabilite dai diversi istituti di credito e all'esistenza di alcune facilitazioni fiscali.

25

Innanzitutto, è opportuno considerare che i settori che appaiono in fase di sviluppo sono il settore finanziario e quello turistico. La prima operazione da compiere consiste nel decidere di quale forma giuridica avvalersi; solitamente, la più utilizzata da parte di chi arriva da un Paese straniero è la società anonima, che ha il vantaggio di esporre i soci ad una responsabilità limitata, oltre a mantenere l'anonimato. La forma giuridica da usare andrà valutata attentamente, in base al capitale a disposizione e al numero di soci, oltre che all'interesse che si ha nel farsi riconoscere anche al di fuori dell'ambito nazionale.

35

Generalmente, i tempi necessari per aprire una nuova attività si aggirano sulle quattro settimane, anche se esistono delle differenze tra i Cantoni. È possibile fare ricorso a numerosi finanziamenti, forniti sia da enti pubblici che comunali oltre che, naturalmente, da diverse aziende private. In territorio svizzero è obbligatorio stipulare polizze assicurative volte a coprire dai rischi i dipendenti (ma anche terze persone, che dovranno essere tutelate da eventuali infortuni). Nel caso in cui si intenda aprire un'impresa che ha come obiettivo la produzione di beni di consumo, i consumatori dovranno essere tutelati contro i possibili danni causati dagli stessi beni.

Continua la lettura
45

Ovviamente, sarà necessario completare diverse procedure burocratiche, tra le quali è possibile segnalare l'iscrizione al registro del commercio (per farlo, i documenti da depositare dovranno essere autenticati da un notaio), oltre alla stesura degli statuti. Servirà un notaio per autenticare il versamento di capitale. In alcuni casi, in base alla forma giuridica scelta, potrà essere chiesto un deposito in un istituto di credito. Dopo aver registrato la nuova impresa nel registro del commercio, è preferibile chiedere una copia della stessa iscrizione; questo permetterà di verificare l'inserimento corretto dei dati. Le persone che decidono, in alternativa ad una nuova impresa, di entrare in possesso di una attività già esistente, non necessiteranno di iscrizione al registro di commercio; dovranno procedere solo nel caso di "aggiornamenti" della stessa impresa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto bancario aziendale

Aprire un conto bancario aziendale costituisce un'operazione necessaria nel caso in cui siate titolari di una ditta, di un'azienda o di un esercizio commerciale, ma comunque è un'operazione abbastanza semplice da realizzare. Avrai bisogno di alcuni documenti...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Georgia

In questo articolo vorrei spiegarvi come aprire un conto corrente in Georgia. Bisogna sapere che esistono molte differenze tra le banche della Georgia e le banche dei principali stati europei. Le banche della Georgia guardano moltissimo le vecchie abitudini...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente negli USA

Molte volte anche un'operazione semplice come aprire un conto in banca può risultare molto complicato. Ecco quindi che questa guida diventa necessaria da leggere per sapere come aprire un conto corrente negli USA. Come prima informazione bisogna sapere...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente postale in 5 mosse

Da qualche tempo è possibile aprire un conto corrente postale che risulta essere conveniente soprattutto per i signori risparmiatori italiani. In effetti il conto corrente postale permette ai cittadini che lo possiedono di effettuare delle manovre finanziarie...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un libretto postale

Il libretto di risparmio postale è un servizio offerto dalle Poste Italiane e rispetto agli istituti bancari dà maggiori garanzie poiché lo Stato Italiano ne è il garante. Il denaro non ha vincoli, ma è rimborsabile in qualsiasi momento. Ma come...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente a Londra

Il conto corrente è importantissimo, per non dire primario, nel caso in cui si cercasse lavoro in qualunque regione italiana, ma riveste un ruolo ancora più importante all'estero e nelle città ricche di opportunità come Londra. Questo perché il datore...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Albania

Di questi tempi, aprire un conto corrente all'estero conviene, perché i costi di gestione sono nettamente inferiori rispetto a quelli italiani, specie in paesi come l'Albania. Potrebbe sembrare un'operazione complicata, ma non è affatto così, vi basterà...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Lussemburgo

In teoria, tutto il necessario per aprire un conto bancario in Lussemburgo è il vostro passaporto (o un altro documento d'identità) ed un sorriso. Ovviamente, portarsi appresso una valigia piena di contanti è anch'esso un ottimo modo per rompere il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.