Come aprire un ristorante vegetariano

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il vegetarianismo, ovvero la tendenza a rifiutare qualsiasi alimento di carne o derivati della carne, si sta diffondendo sempre pù all'interno della nostra scoietà. Alcuni la escludono dal proprio menù continuando, però, a nutrirsi di alimenti derviati, come ad esempio uova, latticini e pesce. Altri invece rifiutano completamente anche i derivati della carne, avendo così, un menù quasi esclusivamente a base di verdure. Per questi ultimi, a causa della loro alimentazione molto spesso è difficile mangiare fuori casa, in quanto fino a poco fa la ristorazione non soddisfaceva questo tipo di gusti alimentari. Ma oggi sempre più diffusi sono i ristornati vegetariani, locali frequentati anche da chi non è vegano, per il solo gusto di provare alcune pietanze. Se avete in mente un'idea del genere in questa guida vi sono alcuni pratici consigli sul come aprire un ristorante vegetariano.

25

La scelta dei fornitori

Un ristorante di questo tipo deve poter assicurare alla clientela sia piatti vegani, che piatti vegetariani. Inoltre, gli ingredienti che proporrete per il vostro locale devono essere interamente biologici. Dovete tener conto del fatto che la scelta di diventare vegetariani è spesso legata al fatto di volersi nutrire con cibi genuini al cento per cento. Privilegiate gli alimenti del territorio e scegliete quelli con qualità molto alta, badando poco alla quantità. Da considerare è anche il fatto che, per la cucina di tipo vegano, sono necessari alimenti come ad esempio il Kamut. La scelta dei fornitori è dunque essenziale.

35

La location

Scegliete con estrema cura ed attenzione la location, ma sopratutto anche l'interno ed i punti luce. Potete optare per stili moderni o tradizionali, ma l'unica cosa che conta è che l'ambiente deve trasmettere alla clientela una sensazione di accoglienza, calore e pulizia. Dovrete scegliere accuratamente anche il personale, a partire dai camerieri i quali devono sempre mostrare pazienza e professionalità.

Continua la lettura
45

Gli obblighi di legge

Ma prima di avviare qualsiasi attività, quello a cui dovete pensare sono gli obblighi di legge. Per avviare un'attività di ristorazione sono necessari alcuni requisiti essenziali. Il titolare del ristorante deve ottenere la licenza per poter somministrare alla clientela cibi e bevande. Queste licenze si ottengono alla Camera di Commercio Industriale ed artigianato della propria area geografica. Essa viene rilasciata dopo aver frequentato svariati corsi a pagamento, indetti dalla CCIA stessa.

55

La partita IVA, l'iscrizione all'INAIL ed all'INPS

Dovrete, infine, richiedere la partita IVA ed iscrivervi all'INAIL ed all'INPS. A questo punto dovrete solo aprire i battenti ed avviare al meglio la vostra attività. Ricordate solo che l'inizio dell'attività dev'essere comunicato alla camera di commercio, che provvede poi a trasmettere tale notizia all'Agenzia delle entrate ed a tutti gli altri enti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Parigi

Aprire un'attività di ristorazione all'estero può essere il desiderio di molti e non solo di coloro che non hanno avuto fortuna in Italia, ma anche di coloro che desiderano semplicemente aprire un'attività fuori dal proprio paese, magari espandendo...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante cinese

Sempre più spesso in questi ultimi anni si sente parlare di cucina etnica, ma in particolar modo di quella asiatica. Non sono pochi coloro che decidono di provare a dare un calcio alla crisi, aprendosi un'attività personale mettendosi alla prova. Un...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante self service

Quante volte, nei film americani, abbiamo visto quei locali in cui ci si mette in fila col vassoio per scegliere man mano le varie portate, per poi accomodarsi ad un tavolo a consumarle? Ebbene, questa nuova concezione di ristorazione, definita "self...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante in Cina

Hai maturato l’idea di trasferirti all’estero e di intraprendervi un’attività commerciale? L’apertura dei mercati mondiali offre molte occasioni soprattutto quando le proposte sono innovative e hanno alte potenzialità di incontrare il favore...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante in Brasile

Il cibo è cultura: mangiare è un modo prima di tutto di entrare in comunicazione con noi stessi.Per questa ragione, la ristorazione è un'attività che dovrebbe essere promossa in qualsiasi angolo del mondo.Attualmente, i ristoranti sono senza dubbio...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Barcellona

La città della Spagna denominata Barcellona (artisticamente e storicamente molto importante) non ha bisogno di nessuna presentazione. Questo territorio spagnolo è famoso anche grazie alla movida che anima e colora in maniera interrotta la vitalità...
Lavoro e Carriera

Come aprire un bar-ristorante in Andalucia

L'Andalusia è la regione più a sud della Spagna. Da molte persone è considerata come una regione povera, ma in realtà si tratta di una zona fiorente e con una spiccata attenzione al mondo del turismo e alle culture differenti, questo anche per la...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Londra

Londra costituisce senza dubbio una delle città europee più conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. La capitale inglese infatti accoglie ogni giorno un gran numero di turisti che si recano in questa splendida località per ammirarne le meraviglie....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.