Come aprire un ristorante in Giappone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lo stato Italiano ha avuto un aumento economico a partire degli anni '50 e da allora è una delle più grandi potenze mondiali. Questa è una buona scusa per partire all'estero e cercare lavoro e gli italiani lo sanno bene, sopratutto nell'ambito della ristorazione. La cucina italiana nel territorio giapponese è molto apprezzata anche se si ha molta concorrenza. Vuoi anche tu partire in Giappone e aprire un tuo ristorante ma non sai come fare? Seguendo questa semplice e strutturata guida vedremo come.

26

Tipologie più conosciute

Un punto di forza sarebbe quello di aver già svolto questo tipo di lavoro presso ristoranti sia nazionali che internazionali. Dobbiamo tenere presente che in Giappone esistono quattro tipologie di società commerciali, ovvero le Kabushiki Kaisha o società per azioni, le Goemi Kaisha o società in nome collettivo, le Goshi Kaisha o Società in accomandita semplice e le Godo Kaisha vale a dire le società individuali. Secondo i tuoi progetti e capitali disponibili potrai istituire una di queste associazioni a scelta. Se vorrai potrai anche optare per un contratto di franchising.

36

La buona entrata o le aliquote di tassazione

Dopo avere deciso in quale città iniziare l'attività, dobbiamo trovare un locale che soddisfi le nostre aspettative. Se decidiamo di affittare tale locale dobbiamo ricordare che bisogna versare, oltre all'affitto, un deposito cauzionale corrispondente a tre mensilità ed un cifra, pari ad un solo mese di canone, come buona entrata, ovvero come ringraziamento per avere avuto la locazione. Ti ricordo che il sistema fiscale giapponese aiuta la piccole attività imprenditoriali a condizione familiare riducendo le aliquote di tassazione.

Continua la lettura
46

Certificate of Eligibility

Per entrare in Giappone per turismo, per un periodo inferiore ai 90 giorni, non è necessario alcun visto, mentre per lavorarci ci vuole il Certificate of Eligibility che andrà richiesto all'Ambasciata o al Consolato. Sarà la prima cosa che dovrai fare, prima di iniziare le pratiche per avviare il ristorante, poiché ci vorranno dai 60 ai 90 giorni prima di averlo.

56

Camera di Commercio

Per iniziare questa professione sarà necessario come prima cosa iscriversi presso la Camera di Commercio della provincia. Quindi si dovrà presentare presso il Comune di competenza una documentazione che attesti l'ubicazione del locale, la sua struttura e metratura e tutto secondo le leggi del territorio. Si dovranno richiedere l'autorizzazione a somministrare alimenti e bevande e quella sanitaria rilasciata dall'ufficio competente. Dovrai in oltre avere nel locare un impianto antincendio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Molta pazienza e determinazione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante self service

Quante volte, nei film americani, abbiamo visto quei locali in cui ci si mette in fila col vassoio per scegliere man mano le varie portate, per poi accomodarsi ad un tavolo a consumarle? Ebbene, questa nuova concezione di ristorazione, definita "self...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante in Brasile

Il cibo è cultura: mangiare è un modo prima di tutto di entrare in comunicazione con noi stessi.Per questa ragione, la ristorazione è un'attività che dovrebbe essere promossa in qualsiasi angolo del mondo.Attualmente, i ristoranti sono senza dubbio...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante in Cina

Hai maturato l’idea di trasferirti all’estero e di intraprendervi un’attività commerciale? L’apertura dei mercati mondiali offre molte occasioni soprattutto quando le proposte sono innovative e hanno alte potenzialità di incontrare il favore...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Barcellona

La città della Spagna denominata Barcellona (artisticamente e storicamente molto importante) non ha bisogno di nessuna presentazione. Questo territorio spagnolo è famoso anche grazie alla movida che anima e colora in maniera interrotta la vitalità...
Lavoro e Carriera

Come aprire un bar-ristorante in Andalucia

L'Andalusia è la regione più a sud della Spagna. Da molte persone è considerata come una regione povera, ma in realtà si tratta di una zona fiorente e con una spiccata attenzione al mondo del turismo e alle culture differenti, questo anche per la...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Londra

Londra costituisce senza dubbio una delle città europee più conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. La capitale inglese infatti accoglie ogni giorno un gran numero di turisti che si recano in questa splendida località per ammirarne le meraviglie....
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Berlino

Il settore della ristorazione è in continua crescita, incurante della crisi e della recessione in corso. Cresce infatti la cultura del buon cibo soprattutto se italiano. Il mondo intero ha infatti una vera passione per il cibo italiano, a partire dalla...
Lavoro e Carriera

Come organizzare la cucina di un ristorante

Ci sono tante persone che vogliono assolutamente lavorare come dipendenti, in modo da assumersi poche responsabilità. Per colpa della grave situazione economica italiana, guadagnare denaro avviando una società in proprio risulta complicato. Nonostante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.