Come aprire un negozio di fiorista

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Aprire un negozio di fiori di per sé non è un’impresa ardua, a patto che ci si lasci guidare dalla passione, dalla furbizia e da un pizzico di fortuna che non guasta mai nella vita. Per il resto, i permessi da richiedere e le procedure da seguire sono davvero limitati, tanto che ritrovarsi dietro un bancone da fiorista è piuttosto semplice. E allora scopriamo insieme come aprire un negozio di fiorista.

24

IDEE O PROPOSTE

E’ fondamentale valutare con estrema attenzione il luogo in cui verrà realizzata la vostra attività. Un negozio di fiori, necessita senza dubbio di un buon afflusso di gente, di un’alta visibilità e deve trovarsi quanto più vicino possibile ai luoghi considerati di interesse: gli ospedali, i cimiteri, o anche all’interno dei centri commerciali. Una soluzione rapida e efficace per cominciare la propria attività di vendita di fiori è quella di dar vita a un “corner” all’interno di un supermercato. Se avete a disposizione le risorse finanziare sufficienti potreste valutare anche l’ipotesi di aprire un vivaio, ma in questo caso i requisiti necessari e l’impegno finanziario sono differenti. Pertanto per un’attività di medie dimensioni vi consigliamo di partire dal basso e iniziare con l’apertura di un negozio.

34

TECNICA

Quella di creare le composizioni è una vera e propria forma di arte, e il fiorista deve essere in grado di dar vita a qualcosa di bello, unico e originale sfruttando fiori e piante, e creando elementi che rendano speciali diverse occasioni. È fondamentale comprendere che la vendita di fiori non è un’attività che può essere improvvisata ma richiede una conoscenza approfondita delle tecniche di composizione floreale. Oltre al titolo universitario in botanica che permette ovviamente di avere le conoscenze necessarie in materia, soprattutto per chi vuole attuare un progetto che preveda anche la coltivazione.

Continua la lettura
44

CORSI E CONCORSI

I corsi più popolari sono quelli che vengono tenuti dalle Associazioni di categoria di Assofioristi o dei corsi mirati all’apprendimento delle ultime novità nel mondo della composizione floreale. Oltre a diventare dei professionisti veri e propri, migliorerete la qualità dell’offerta, aumentando la clientela e i guadagni. L’investimento iniziale necessario per aprire un negozio di fiori varia in base alle dimensioni e al tipo di vendita che sceglierete. Se vi accontentate di un locale piccolo, con un affitto contenuto e di pochi elementi potreste anche partire con meno di 10 mila euro. Ovviamente non basta un bancone e un lavandino per aprire un negozio di fiori redditizio (anche se non si sa mai), quindi un investimento medio può aggirarsi intorno a 25 mila euro, se consideriamo in questa somma i costi per l’avvio dell’attività, per l’arredo e le materie prime da acquistare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Consigli per la scelta del bancone di un bar

Avete l'animo da barista e volete lanciarvi all'avventura aprendo una nuova attività, oppure siete già nel settore ma volete dare una rinnovata al punto di massima importanza nel vostro bar, nonché il bancone, ottimizzandone l'aspetto e gli spazi?...
Lavoro e Carriera

Come gestire un self service

Quando abbiamo una piccola somma da parte, desideriamo investirla nel miglior modo possibile senza possibilmente disperderla senza aver concluso nulla. Sicuramente ogni investimento porta dei rischi, ma un self service di prodotti ricercati sicuramente...
Aziende e Imprese

Come aprire una scuola di lingue in franchising

Con la crisi che affronta il mondo d'oggi occorre re-inventarsi per essere al passo con i tempi ed andare avanti adeguatamente. Se si hanno doti imprenditoriali si può tentare la strada del franchising e scoprire che esso può essere un buon investimento....
Banche e Conti Correnti

Come guadagnare investendo in banca

In tempi come questi, la crisi economica mondiale ormai ha creato un forte senso di insicurezza nei confronti delle banche e degli istituti di credito in generale. A questo devono essere aggiunte le varie spese statali per sostenere i sistemi bancari....
Finanza Personale

Come iniziare a fare trading on line

Che cos'è il trading online? Sicuramente ne avrete sentito parlare più volte alla tv o dai vostri amici che adorano lavorare con le azioni. Il trading online è un modo di interagire comodamente da casa con la borsa e con le azioni finanziarie ad essa...
Aziende e Imprese

Hedge Fund: cosa sono e come investire

Gli hedge fund sono strumenti d'investimento alternativi, sempre in contrapposizione con le forme di gestione del risparmio di tipo tradizionale, regolati da Leggi e specifici regolamenti, che ne limitano l'operatività e il rischio. "hedge", termine...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio per comprare e vendere oro

All'interno della guida che seguirà andremo a occuparci d'imprenditoria, e quindi di economia. Entrando più nel dettaglio del tema, ci occuperemo dei diffusi compro oro, in quanto andremo a spiegarvi nei prossimi quattro passi Come aprire un negozio...
Aziende e Imprese

Come aprire un centro di assistenza computer

I computer sono la vostra più grande passione? Oggigiorno quasi ogni famiglia possiede almeno un pc e come qualsiasi oggetto tecnologico anch'esso, si spera il più tardi possibile, avrà bisogno di assistenza, di manutenzione o di aggiornamento. Quindi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.