Come aprire un conto deposito postale

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se molti di voi hanno intenzione di investire i propri risparmi in qualcosa di sicuro, ma allo stesso tempo con qualche remunerazione maggiore rispetto al normale conto corrente, allora questa guida è ciò che fa al caso vostro. Tra le tante valide alternative perché non pensare all'apertura di un conto deposito postale? Nei passaggi che seguiranno infatti, vi spiegherò come aprire un conto deposito postale, spiegandovi bene anche qual è la differenza tra un conto deposito ed un conto normale. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • Documenti
  • Denaro da investire
37

Innanzitutto, la prima cosa da sapere è appunto cos'è un conto deposito. Il conto deposito ha le stesse caratteristiche del conto corrente, ma con qualche vincolo in più. Nel conto deposito, infatti, è presente un vincolo in durata, entro il quale non è possibile effettuare nessun prelevamento di denaro, ma solamente versamenti (se si parla di un deposito aperto), altrimenti nemmeno quelli, ossia bisogna lasciare il conto in "standby" per la durata contrattuale. Si potrebbe dunque giustamente pensare quale sia il vantaggio di questa forma di conto, ma la risposta principale e più ovvia sta nella remunerazione, molto più elevata.

47

Anche Poste Italiane offre la possibilità di aprire un conto corrente deposito, che si può aprire in svariati modi. Solitamente, conviene appoggiare il conto corrente deposito ad un normale conto corrente con cui interagire; ma talvolta è possibile aprire anche il solo deposito. Il modo più semplice per aprire un conto deposito postale è quello di recarsi in un ufficio postale in uno sportello BancoPosta e chiedere l'apertura di un conto corrente. Anche l'addetto vi proporrà di aprire un conto corrente e di appoggiare a questo il conto deposito, di modo che potrete effettuare il primo versamento nella maniera che più preferirete.

Continua la lettura
57

Successivamente, un altro modo per aprire un conto deposito postale è quello via internet. Questa procedura non è così immediata, perché bisogna richiedere un appuntamento online e nel frattempo compilare tutti i moduli online con le varie copie o scansioni dei documenti. La procedura oltre che più lunga è anche più complessa, ma alla fine il risultato sarà lo stesso. Una volta che Poste Italiane vi avrà aperto il conto, potrete finalmente iniziare a vincolare i vostri soldi sul conto deposito per la durata che preferite. Generalmente, il periodo minimo è di sei mesi, ma a volte, sono presenti alcune promozioni che consentono di farlo per tre mesi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Depositate solo la parte che siete sicuri non dovrete utilizzare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Differenze tra conti deposito liberi e vincolati

Il continuo aumento della crisi economica, porta sempre più persone a interessarsi e ad informasi sulle varie strategie di investimento e di risparmio. In questa breve guida, metteremo in evidenza le sostanziali differenze tra i conti deposito liberi...
Banche e Conti Correnti

I conti deposito con maggiore tasso di rendimento

I conti deposito hanno come loro peculiarità, a differenza dei conti classici, il fatto di garantire ai depositari un maggior profitto sul capitale che è stato depositato in banca. Questa tipologia di conto non presenta spese aggiuntive, offre tassi...
Banche e Conti Correnti

Come scegliere il miglior conto deposito

Abbiamo deciso di investire i nostri risparmi in un conto deposito, perfetto se desideriamo ottenere rendimenti molto più alti rispetto ai classici conti correnti tradizionali. Purtroppo non siamo in un periodo economicamente roseo ed è quindi necessario...
Banche e Conti Correnti

I pro e i contro del conto deposito

Il conto deposito è uno strumento di investimento che permette di depositare somme su un conto corrente, e di ottenere una rendita molto elevata a zero rischi. Viene definito anche conto liquidità e può essere associato ad un nuovo conto corrente,...
Finanza Personale

Come compilare la distinta di versamento sul conto Bancoposta o sul libretto di risparmio

Per poter effettuare un versamento sul conto BancoPosta oppure sul Libretto di Risparmio Postale bisogna compilare una distinta. Questa operazione si può fare effettuando un deposito in contanti oppure accreditando uno o più assegni postali e bancari....
Richieste e Moduli

Come richiedere l'ammortamento di un certificato di deposito

Coloro che possiedono un certificato di deposito, possono trovarsi nella necessità di richiedere il suo ammortamento in seguito a furto, smarrimento o distruzione. Con questa guida, valuteremo come procedere per attivare l'ammortamento di un certificato...
Finanza Personale

I migliori conti deposito

Con il termine conti deposito si fa riferimento ad uno strumento finanziario attraverso il quale i piccoli risparmiatori hanno la possibilità di rendere remunerativo quanto risparmiato. Ogni istituto di credito offre diverse soluzioni ai propri clienti;...
Richieste e Moduli

Come versare il deposito cauzionale

Con la legge del dicembre 1998, n.431, si è avuta una variazione importante riguardo la tipologia dei contratti di affitto di immobili ad esclusivo uso abitativo. Attualmente si ha la facoltà di scegliere diverse tipologie di contratto. I contratti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.