Come aprire un conto corrente in Brasile

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Solitamente le tematiche finanziare creano non pochi grattacapi ai più. Una semplice operazione, come l'apertura di un conto corrente in banca, può nascondere diverse insidie. Questa difficoltà sicuramente aumenta quando dobbiamo effettuare questa operazione in un paese straniero.
Con la crisi economica galoppante, molti italiani stanno seriamente considerando l'idea di emigrare all'estero. Molti vanno in un paese che a loro piace ma altri ripiegano in luoghi dove il costo della vita è molto basso. Uno di questi paesi è certamente il Brasile. Le banche più importanti in Brasile sono cinque: Banco do Brasil (di proprietà del governo), Bradesco, Itau, Santander (di proprietà spagnola) e la Caixa Econômica Federal (un'altra banca del governo, specializzata in conti di risparmio e di prestito, Insieme ai pagamenti sociali e alla lotteria nazionale). Ci sono anche banche regionali di proprietà di stati o di aziende private. Infine, ci sono le operazioni brasiliane di giganti bancari stranieri HSBC e Citibank, che tendono ad avere molte più posizioni del ramo rispetto alle cinque banche sopra citate. Ecco dunque come aprire un conto corrente in Brasile.

25

Residenza

La prima precisazione da fare è che non si può aprire un conto bancario in Brasile privi della necessaria residenza. Quindi è chiaro che bisogna vivere sul posto per avere un conto a proprio nome. Di conseguenza, se avete intenzione di aprire un'attività lavorativa in questo stato non potrete farlo. Perché è necessario essere possessori di un conto corrente sul posto. Senza residenza si possono aprire solo conti di deposito in moneta brasiliana ma in istituti bancari capaci di cambiare la valuta.

35

Conto corrente

Per aprire un conto in Brasile dovete contattare il Banco do Brasil, che potrà darvi delle direttive e dettagli per arrivare nel vostro nuovo stato preparati e coscienti su tutto il necessario. Questa banca si occupa anche di trasferimento di fondi e gestione dei capitali. Dovete fornire, oltre, ovviamente, al vostro passaporto, una prova di indirizzo ovvero una bolletta per esempio del gas o della luce che rechi sulla busta il vostro nome e cognome e un indirizzo brasiliano.

Continua la lettura
45

Valuta stranira

Se invece, non vi fermate in Brasile, quindi soltanto una breve permanenza, potete essere titolari di conti correnti in valuta straniera soltanto dopo l'ottenimento dalle autorità locali di un visto per l'esecuzione di tale operazione. Questi conti, però, sono soggetti a restrizioni. Quindi vanno gestiti da agenzie autorizzate per operare nel mercato del cambio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente a Londra

Il conto corrente è importantissimo, per non dire primario, nel caso in cui si cercasse lavoro in qualunque regione italiana, ma riveste un ruolo ancora più importante all'estero e nelle città ricche di opportunità come Londra. Questo perché il datore...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Albania

Di questi tempi, aprire un conto corrente all'estero conviene, perché i costi di gestione sono nettamente inferiori rispetto a quelli italiani, specie in paesi come l'Albania. Potrebbe sembrare un'operazione complicata, ma non è affatto così, vi basterà...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Georgia

In questo articolo vorrei spiegarvi come aprire un conto corrente in Georgia. Bisogna sapere che esistono molte differenze tra le banche della Georgia e le banche dei principali stati europei. Le banche della Georgia guardano moltissimo le vecchie abitudini...
Banche e Conti Correnti

Aprire un conto corrente: i requisiti

Ormai quasi tutti coloro che lavorano possiedono un conto corrente, che è un servizio bancario che agevola la gestione del denaro, quindi consente per esempio il pagamento automatico di bollette, o l'accredito dello stipendio mensile del lavoratore.Se...
Banche e Conti Correnti

Giovani: come aprire il primo conto corrente

Il conto corrente è uno strumento che ci permette di prelevare e depositare in qualsiasi momento e in tempo reale dei soldi. Essi vengono gestiti da un istituto bancario o da un ente che li gestisce, consentendone sempre la loro disponibilità. Se siamo...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Irlanda

Ultimamente molte persone emigrano in Irlanda, poiché è un paese che offre molto soprattutto ai giovani, infatti è possibile aprire un conto corrente con molta facilità. L'Irlanda oltretutto, è un paese ricco sia a livello economico, che a livello...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Lussemburgo

In teoria, tutto il necessario per aprire un conto bancario in Lussemburgo è il vostro passaporto (o un altro documento d'identità) ed un sorriso. Ovviamente, portarsi appresso una valigia piena di contanti è anch'esso un ottimo modo per rompere il...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Svizzera

Da un momento all'altro, tutti sentiamo la necessità di aprire un conto corrente in banca, dove poter depositare i nostri risparmi. Il problema si presenta quando dobbiamo decidere quale banca può fare al nostro caso e quella che ha le maggiori percentuali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.