Come aprire un banco al mercato

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il vostro sogno è svolgere un’attività in proprio, ma pensate che aprire un negozio in questi tempi di crisi sia una mossa azzardata? La cosa migliore può essere iniziare con una vendita ambulante. Abbatterete infatti i costi relativi ai locali da affittare e sistemare e potrete contare su un alto traffico di clienti, quindi buone possibilità di guadagno. Ecco allora alcune utili informazioni su come aprire un banco al mercato.

25

Inizialmente dovrete decidere quale sia il settore che ritenete più adatto per iniziare ad esercitare questa vostra nuova professione. Generi alimentari, abbigliamento, cosmesi, oggettistica: scegliete in base alle conoscenze che possedete su quel determinato settore ed in base ai vostri gusti, così da poter fornire ai clienti anche ottimi consigli su ciò che acquistano. Un banco legato al settore alimentare richiederà delle procedure burocratiche differenti rispetto agli altri e magari anche più lunghe e noiose ma potrebbe risultare una scelta azzeccata poiché esso è il settore colpito in maniera minore dalla crisi. Cosmesi, abbigliamento ed oggettistica richiederanno procedure più semplici, ma necessitano di una grande varietà di prodotti per attirare al meglio i clienti del mercato.

35

Scelta la tipologia del banco dovrete richiedere l'apposita licenza di venditore ambulante al vostro comune di residenza ed effettuare una successiva richiesta di posteggio fisso per 10 anni presso il luogo prescelto per l'installazione della bancarella nelle aree di mercato. Avrete inoltre la possibilità di vendita itinerante su territorio regionale e di partecipare a fiere a livello nazionale. È importante sapere che non è possibile esercitare un'attività commerciale se in passato si è stati dichiarati falliti o se si hanno pendenze legali. Se avete scelto il settore alimentare dovrete necessariamente frequentare un corso professionale regionale specifico per il commercio in quell'ambito oppure essere in precedente possesso di un diploma di scuola alberghiera. Inoltre, è necessaria la richiesta di una concessione igienico-sanitaria alla ASL.

Continua la lettura
45

Ottenute le autorizzazioni amministrative, dovrete aprire una partita IVA ed iscrivervi alla Camera di Commercio. Dovrete inoltre registrarvi al'Inps (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) per il versamento dei contributi e per usufruire dei diritti legati alla malattia ed all'Inail (Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli infortuni sul Lavoro). Se non volete impelagarvi tra queste procedure perché vi sembrano troppo lunghe e siete bravi nella realizzazione di particolari oggetti, potete optare per la strada dell'hobbistica, cioè potete provare a realizzare un banco allestito esclusivamente con creazioni di manifattura propria e artigianale: sarà necessario solamente recarsi presso il comune del mercato che vi interessa e richiedere la partecipazione. Dovrete pagare una quota giornaliera: vi verrà rilasciato un apposito tesserino con il quale potrete iniziare la vostra nuova attività.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Valutate bene la scelta della tipologia del banco e del luogo in base alle abitudini dei cittadini

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come aprire una macelleria halal

Nel difficile mercato del lavoro odierno, il commercio ha sempre un'importanza rilevante. Il cibo, in tutte le sue varietà, sarà sempre sulle nostre tavole. La scelta di aprire una macelleria halal, destinata ad una clientela musulmana o simpatizzante...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Madrid

Madrid è sicuramente una città, sia dal punto di vista turistico che climatico, splendida e caratterizzata dalla presenza di culture e popolazioni locali molto solari, una caratteristica che appartiene un po' a tutta la Spagna. Per questi ed altri motivi,...
Lavoro e Carriera

Come aprire un chiosco in una località marittima

Creare ed avviare una nuova e originale attività non è decisamente semplice oggi come oggi: con la crisi che debilita l'economia e meno posti di lavoro, le prospettive di un seppur modesto guadagno si abbassano sensibilmente. Ma non temete, anche in...
Lavoro e Carriera

Aprire un'attività: 8 errori da non fare

Sicuramente aprire un'attività è una scelta importante, ma che al tempo stesso si può rivelare insidiosa. Infatti, gestire un'attività implica il fatto di incorrere in numerosi rischi, imprevisti e sbagli, ma con un minimo di attenzione è possibile...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Tokio

Al giorno d'oggi risulta sempre più arduo trovare un lavoro in Italia ed anche all'estero la situazione non sembra essere migliore. Eppure, se ci rimbocchiamo le maniche e decidiamo di aprire un'attività, possiamo prendere in considerazione l'ipotesi...
Lavoro e Carriera

Come Aprire Un Farmashop

Un farmashop, o più communente nota come parafarmacia, permette di vendere molti prodotti ad uso esclusivo delle classiche farmacie senza avere tutti i vincoli ai quali queste sono soggetti. Queste negli ultimi anni si sono diffuse sempre di più ed...
Lavoro e Carriera

Come aprire un'attività a Berlino

La Germania è la patria di decine di migliaia di imprese: dalle piccole imprese individuali ai grandi conglomerati. Nella realtà, il principale fattore della potenza economica della Germania sulla scena mondiale è da ricondursi alle piccole e medie...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Londra

Londra costituisce senza dubbio una delle città europee più conosciute ed apprezzate in tutto il mondo. La capitale inglese infatti accoglie ogni giorno un gran numero di turisti che si recano in questa splendida località per ammirarne le meraviglie....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.