Come aprire un'azienda ad Abu Dhabi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Emirati Arabi Uniti (EAU) è una federazione di sette emirati cioè, Dubai, Abu Dhabi, Sharjah, Ras al-Khaimah, Ajman, Fujairah e Umm al-Quwain. La nuova configurazione degli affari negli Emirati Arabi Uniti è il modo migliore di rivendicare legalmente i profitti internazionali senza pagare le tasse sui guadagni personali o aziendali. La Costituzione delle società negli Emirati è come una società d'investimento ed è un eccellente soluzione per il trading internazionale a lungo termine che è altamente regolamentato e rispettabile. Vediamo insieme in particolare come si può aprire un'azienda ad Abu Dhabi.

25

Analizzare il settore in cui investire

Aprire un'azienda ad Abu Dhabi richiede una certa preparazione. Innanzitutto bisogna analizzare il settore in cui investire e vedere se i capitali disponibili sono all'altezza di una simile impresa. Una volta valutati i mezzi finanziari ci si può cimentare in questa esperienza d'affari che potrebbe dare una svolta alla vostra attività. La sicurezza delle transazioni all'interno degli Emirati è garantita al 100%.

35

Trovare un partner locale

All'esterno della "free zone", è necessario avere un partner locale. È richiesta una quota di capitale straniero pari solo al 49% mentre la restante parte deve essere garantita da un partner del posto. Mettersi in affari con altri non è difficile per chi è abituato a concluderne quotidianamente. Avere un'idea intuitiva e un planning creativo potrebbe allettare imprenditori del luogo e farli divenire così propri soci. La licenza per la costituzione della società viene rilasciata dall'Economic Development Department di Dubai, l'autorità competente a cui spetta questo ruolo. Ogni tipologia di società ha un suo percorso amministrativo da seguire. In base al caso, sarà cura dell'ufficio amministrativo che se ne occuperà di informarvi su tutte le procedure da svolgere.

Continua la lettura
45

La città più ricca del mondo

Infine ricordate che Abu Dhabi è la capitale degli Emirati Arabi Uniti, nonché anche il nome proprio di un Emirato stesso. Essa viene definita come la città più ricca del mondo per la presenza di enormi giacimenti petroliferi all'interno dei suoi territori. Gli Emirati rappresentano l'icona del lusso più sfrenato, simbolo di un'economia fiorente e in continua crescita. Per questa ragione in molti decidono di investire i propri capitali in questi posti. È necessario costituire una società per ottenere una licenza commerciale, conoscere i regolamenti, gli impegni in corso e le limitazioni, in modo da poter prendere una decisione giusta per la propria azienda .

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda agricola in 10 mosse

Negli ultimi anni tantissimi giovani imprenditori hanno deciso di aprire un’azienda agricola. Questo trend è frutto di una riscoperta dell’economia legata alla terra, una realtà imprenditoriale diversa dalle altre ma, sotto molto aspetti, molto...
Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda agricola biologica

Possedere uno spiccato pollice verde non è da tutti. La passione per la natura risiede in ognuno di noi, ma spesso ciò è ben lungi dal saper trasformare ogni seme in una pianta rigogliosa. Agli appassionati sarà capitato molte volte di pensare ad...
Aziende e Imprese

Come aprire una piccola azienda informatica

I giovani di oggi sono spesso persi nella paura di non riuscire ad avviare un'attività lavorativa, a causa del contesto particolarmente difficile in cui ci troviamo. Crisi economica e disoccupazione sono due espressioni assai ricorrenti nella vita quotidiana....
Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda web

In un era sempre più digitale e con il lavoro che scarseggia, cercare di creare dei buoni guadagni investendo qualche euro in internet è diventata una delle priorità. Molto spesso però ivestire in un mondo nuovo non è una scelta facile. In questa...
Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda in Romania

Aprire un'azienda in Romania può risultare tutto fuorché semplice, ma certamente non è impossibile. Con l'entrata nell'Unione Europea, infatti, la Romania ha dovuto attuare delle riforme economiche, che hanno reso molto più semplice ed economica la...
Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda in Norvegia

La Norvegia è un paese abbastanza ricco, il cui costo della vita è proporzionato allo stipendio che si percepisce. Il paese ha un tasso di disoccupazione basso e si aggira attorno al 3,3%. Decidere di aprire un'azienda non è sbagliato, tuttavia bisogna...
Aziende e Imprese

Come aprire un'azienda a Hong Kong

La Cina è un paese che da alcuni anni a questa parte sta diventando meta e obiettivo economico di moltissime persone che vogliono investire ed aprire un'azienda in qualche paese. Visti i grandi cambiamenti avvenuti negli ultimi anni, sia a causa della...
Aziende e Imprese

Come trovare online la partita IVA di un’azienda

La partita iva di un'azienda equivale, in poche parole, a ciò che è il codice fiscale per un privato cittadino. Essa viene rilasciata dall'Agenzia delle Entrate nel momento in cui si avvia un'attività e serve ad identificare un'impresa ai fini del...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.